Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valore, stranezza ed estraneità del filosofo antico. Il Socrate Atopon descritto da Pierre Hadot

Socrate , Atopo, Hadot

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione «Ma chiami tu pensare quello che dico io? (chiede Socrate a Teeteto) […] Pensare […] è un ragionamento che l'anima compie con se stessa intorno a ciò che prende in esame. Io cerco di renderti chiara la cosa come uno che non sa. Infatti questo a me appare l'anima quando pensa e nessun'altra cosa se non dialogare con se stessa, interrogandosi e rispondendosi, facendo affermazioni e anche il loro contrario. E quando essa fissa un concetto sia alquanto lentamente, sia alquanto velocemente, come facendo un salto e ormai afferma una cosa e non è più in dubbio, noi stabiliamo che questa è la sua opinione. Tanto che io dico che l'opinare è un discutere e l'opinione è un ragionamento, non verso un altro e con la voce, ma in silenzio a se stesso [...]”. (Platone, Teeteto, 26, in Platone, Tutti gli scritti, a cura di G. Reale, Milano, Rusconi 1991) «Se si deve filosofare, si deve filosofare e se non si deve filosofare, si deve filosofare; in ogni caso dunque si deve filosofare. Se, infatti, la filosofia esiste, siamo certamente tenuti a filosofare, dal momento che essa esiste; se invece non esiste, anche in questo caso siamo tenuti a cercare come mai la filosofia non esiste, e cercando facciamo filosofia, dal momento che la ricerca è la causa e l'origine della filosofia». (Aristotele, Protrettico, fr. 424, in Opere, a cura di G. Giannantoni, Laterza, Roma-Bari 1973). «Che cos’è filosofare?», si chiedeva Pierre Hadot quando era ancora un ragazzo, quando il cielo stellato gli regalava un’esperienza indimenticabile. Oggi, come allora, la filosofia è per lui un’esperienza vissuta. I discorsi filosofici degli antichi sono «esercizi spirituali» che non mirano ad in-formare, ma a formare e a trasformare noi stessi. E se filosofare vuol significare anche «esercitarsi a morire», esercitarsi a morire vuol dire esercitarsi a vivere con piena lucidità, staccarsi dal proprio io per aprirsi ad una prospettiva universale: questo è l’itinerario della saggezza1. Oggi, più che mai si ha bisogno di filosofia. La filosofia fa parte del nostro modo di pensare, di vivere, perché c’insegna a conoscere noi stessi: ecco il suo reale valore. Per troppo tempo l’abbiamo relegata sugli scaffali polverosi delle librerie, perché ritenuta un insieme di tediose 1 P. Hadot, La philosophie comme manière de vivre, Paris 2001, [trad. it.] La filosofia come modo di vivere, Torino 2004, cit., retro di copertina.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Di Chiara Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1012 click dal 16/03/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.