Skip to content

Una possibilità per tutti. Proposte per un nuovo welfare.

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Giubileo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Francesco Silva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

Nel 2001, Esping-Andersen scriveva ne I fondamenti sociali delle economie postindustriali che il regime di welfare italiano era conservatore, corporativo e meritocratico (temo non intendesse, in senso letterale).
Tale sistema sovra-proteggeva taluni rischi (in primis la vecchiaia), mentre ne sotto-proteggeva altri (povertà e disoccupazione giovanile). Dopo otto anni, rincresce (almeno per chi scrive) che la situazione non sia minimamente cambiata. Infatti, basta considerare l’attuale offerta di protezione sociale, per individuare un filo diretto di continuità con il modello presentato da Esping-Andersen nel 2001.
La recente crisi economica evidenzia come i soggetti sotto-protetti necessitano di nuovi strumenti di tutela sociale. L’introduzione di un sussidio residuale e selettivo alle fasce economicamente più deboli, che definisco Reddito minimo garantito (RMG), rappresenta la risposta più importante sia alla crisi economica, sia allo squilibrio del nostro modello di welfare.
Tuttavia, se l’obiettivo di questa tesi è tutelare gli esclusi delle politiche sociale, è necessario affiancare al Reddito minimo garantito, altre due forme di prestazione sociale. La prima vuole fornire a tutti i giovani una dotazione economica di base al raggiungimento di una determinata età (che chiameremo “Capitale di base”), mentre la seconda consiste nel garantire ai non-autosufficienti l’assistenza pubblica necessaria alle loro esigenze.
L’implementazione di queste tre tutele sociali nel contesto italiano comporterà difficili “scelte”: i problemi di bilancio richiederanno ai policy maker di attuare un intervento economico che risulterà impopolare sul piano politico.
Infatti, non si possono introdurre forme di Reddito minimo, senza aumentare le tasse, tagliare alcuni pezzi di spesa pubblica ed eliminare alcune forme di tutela ad hoc. Nello stesso modo, se vogliamo fornire ai non autosufficienti, in particolare agli anziani, strutture e assistenza domiciliare migliori ed economicamente accessibili, dobbiamo accettare di modificare o ridurre alcune tutele acquisite in passato, come ad esempio parte dell’indennità di malattia. In altre parole, è necessario rinunciare ad alcune garanzie per averne in cambio altre.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Nel 2001, Esping-Andersen scriveva ne I fondamenti sociali delle economie postindustriali che il regime di welfare italiano era conservatore, corporativo e meritocratico (temo non intendesse, in senso letterale). Tale sistema sovra-proteggeva taluni rischi (in primis la vecchiaia), mentre ne sotto- proteggeva altri (povertà e disoccupazione giovanile). Dopo otto anni, rincresce (almeno per chi scrive) che la situazione non sia minimamente cambiata. Infatti, basta considerare l’attuale offerta di protezione sociale, per individuare un filo diretto di continuità con il modello presentato da Esping-Andersen nel 2001. La recente crisi economica evidenzia come i soggetti sotto-protetti necessitano di nuovi strumenti di tutela sociale. L’introduzione di un sussidio residuale e selettivo alle fasce economicamente più deboli, che definisco Reddito minimo garantito (RMG), rappresenta la risposta più importante sia alla crisi economica, sia allo squilibrio del nostro modello di welfare. Tuttavia, se l’obiettivo di questa tesi è tutelare gli esclusi delle politiche sociale, è necessario affiancare al Reddito minimo garantito, altre due forme di prestazione sociale. La prima vuole fornire a tutti i giovani una dotazione economica di base al raggiungimento di una determinata età (che chiameremo “Capitale di base”), mentre la seconda consiste nel garantire ai non-autosufficienti l’assistenza pubblica necessaria alle loro esigenze. L’implementazione di queste tre tutele sociali nel contesto italiano comporterà difficili “scelte”: i problemi di bilancio richiederanno ai policy maker di attuare un intervento economico che risulterà impopolare sul piano politico. Infatti, non si possono introdurre forme di Reddito minimo, senza aumentare le tasse, tagliare alcuni pezzi di spesa pubblica ed eliminare alcune forme di tutela ad hoc. Nello stesso modo, se vogliamo fornire ai non autosufficienti, in particolare agli anziani, strutture e assistenza domiciliare migliori ed economicamente accessibili, dobbiamo accettare di modificare o ridurre alcune tutele acquisite in passato, come ad esempio parte dell’indennità di malattia. In altre parole, è necessario rinunciare ad alcune garanzie per averne in cambio altre.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assistenza
assistenza agli invalidi
assistenza all'infanzia
capitale di base
dove trovare i soldi per il reddito minimo
edilizia popolare
elettore mediano
fondo per i non auto-sufficienti
indicatore di povertà
livelli essenziali
mercato del lavoro
outsider del mercato del lavoro
pensioni
redditi
reddito di cittadinanza
reddito di cittadinanza in campania
reddito minimo
reddito minimo di inserimento
reddito minimo nel mondo
reddito minimo universale
riforma ammorizzatori sociali
sanità
squilibrio generazionale
welfare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi