Skip to content

Pubblicità e buon costume

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Marchegiano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Alberto Cianci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 245

La rilevanza etica della pubblicità è emersa in particolare negli ultimi anni a causa dell’eccessiva quantità di spot giornalieri che riceviamo, i quali confondono, creano disorientamento e fanno perdere di vista le informazioni importanti sulle quali varrebbe la pena riflettere. Inoltre, all’aumento quantitativo degli spot è corrisposto un decremento sotto il profilo qualitativo poiché, i pubblicitari, utilizzano sempre più spesso immagini ambigue o di cattivo gusto con il solo scopo di attrarre l’attenzione ed emergere dal flusso indifferenziato dei messaggi promozionali. La pubblicità però esercita la sua influenza anche sui mezzi di comunicazione di massa, orientandone l’organizzazione, le strategie ed i contenuti , subordinandoli agli interessi di mercato , grazie alla forza che deriva dall’essere la loro principale fonte di finanziamento. Purtroppo la strada della regolamentazione, in una materia così mutevole e così complessa come la pubblicità, implica notevoli rischi, effetti controproducenti e dubbi poiché le regole, se non sono sorrette dall’interiorizzazione dei valori da cui scaturiscono , difficilmente verranno rispettate. Sulla base della responsabilità personale, nel 1966, è stato formulato il Codice di Autodisciplina pubblicitaria, nato per iniziativa delle imprese, dei pubblicitari e dei mezzi di comunicazione di massa. Il Codice in questione, al quale ho dedicato la prima parte del mio lavoro, mira a tutelare sia il consumatore che il cittadino. Ciò perché il messaggio pubblicitario ha rilievo sia come momento informativo finalizzato al successivo atto di acquisto/consumo, sia come momento comunicativo idoneo ad incidere sui profili differenti rispetto a quello del mero interesse economico del soggetto che riceve il messaggio.
Dopo aver sottolineato quale sia l’obiettivo del Codice e dell’Istituto di Autodisciplina e quali siano le competenze dei suoi organi, ho analizzato il concetto di buon costume, quale valore relativo alla collettività in generale. Esso esprime le condizioni necessarie che in rapporto ai contenuti morali e alle modalità d’espressione del costume sessuale, sono fondamentali per consentire una dignitosa convivenza sociale e assicurare il rispetto reciproco tra le persone. Il lavoro prosegue con l’analisi degli articoli 8, 9 e 10 del C.A.P. i quali trattano rispettivamente di: superstizione, credulità e paura;violenza volgarità e indecenza; convinzioni morali, civili e religiose e dignità della persona. A questi tre articoli ho dedicato anche il terzo, ed ultimo capitolo, nel quale ho riportato e commentato alcune pronunce del Giurì di autodisciplina, le quali riguardano la violazione o meno degli articoli sopra citati. Con l’analisi delle pronunce ho voluto sottolineare soprattutto la direzione verso cui si muove il Giurì nel giudicare censurabile o meno una pubblicità e come tale orientamento cambi a seconda che lo spot sia lesivo per gli spettatori –consumatori a cui è indirizzato o mantenga la sua forma di comunicazione commerciale atta a informare il consumatore sul prodotto che viene pubblicizzato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1    INTRODUZIONE La rilevanza etica della pubblicità è emersa in particolare negli ul- timi anni a causa dell’eccessiva quantità di spot giornalieri che rice- viamo, i quali confondono, creano disorientamento e fanno perdere di vista le informazioni importanti sulle quali varrebbe la pena ri- flettere. Inoltre, all’aumento quantitativo degli spot è corrisposto un decremento sotto il profilo qualitativo poiché, i pubblicitari, utiliz- zano sempre più spesso immagini ambigue o di cattivo gusto con il solo scopo di attrarre l’attenzione ed emergere dal flusso indifferen- ziato dei messaggi promozionali. La pubblicità però esercita la sua influenza anche sui mezzi di comunicazione di massa, orientandone l’organizzazione, le strategie ed i contenuti , subordinandoli agli in- teressi di mercato , grazie alla forza che deriva dall’essere la loro principale fonte di finanziamento. Purtroppo la strada della regola- mentazione, in una materia così mutevole e così complessa come la pubblicità, implica notevoli rischi, effetti controproducenti e dubbi poiché le regole, se non sono sorrette dall’interiorizzazione dei va- lori da cui scaturiscono , difficilmente verranno rispettate. Sulla ba- se della responsabilità personale, nel 1966, è stato formulato il Co- dice di Autodisciplina pubblicitaria, nato per iniziativa delle impre- se, dei pubblicitari e dei mezzi di comunicazione di massa. Il Co- dice in questione, al quale ho dedicato la prima parte del mio lavo- ro, mira a tutelare sia il consumatore che il cittadino. Ciò perché il messaggio pubblicitario ha rilievo sia come momento informativo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autodisciplina pubblicitaria
buon costume
censura
censura in pubblicità
codice autodisciplina pubblicitaria
pubblicità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi