Skip to content

Pay What You Want: Fatti I Conti Tuoi, It's Up To You

Informazioni tesi

  Autore: Aldo Polledro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Marketing Management
  Relatore: Anna Grandori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

L’elaborato tratta il meccanismo di prezzo partecipativo del Paghi Quanto Vuoi, in inglese Pay-What-You-Want (di seguito PWYW) soffermando l’analisi in particolar modo ai settori della ristorazione e della musica digitale.
La review della letteratura è suddivisa in tre sezioni: la prima definisce il fenomeno, ne indaga le origini e le motivazioni della recente popolarità, ipotizzando come causa il lascito della rivoluzione digitale, in termini di abbattimento delle asimmetrie informative e conseguente consumer empowerment. Quindi riprende la tassonomia corrente utilizzata da Kim Natter e Spann (2008), al fine di evidenziare differenze e similitudini con gli altri meccanismi di prezzo partecipativo conosciuti. La seconda sezione ricerca una esplicazione teorica del meccanismo di funzionamento del PWYW nel reale, prima soffermandosi sui contributi rilevanti della microeconomia e degli studi di economia comportamentale, poi richiamando concettualizzazioni di natura socio-antropologica. La terza esamina i vantaggi e gli svantaggi di ordine strategico connessi all’adozione del PWYW dal punto di vista dell’offerta.
La parte empirica è suddivisa in due sottosezioni. La prima analizza l’applicazione del PWYW nel settore della ristorazione, la seconda nell’ambito della discografia digitale. Entrambe le due sottosezioni comprendono una panoramica volta a evidenziare le specificità del contesto settoriale, una overview dei casi applicativi finora documentati, un approfondimento analitico riguardo a una singola iniziativa. La metodologia d’indagine combina dati di plurima provenienza, sia di natura qualitativa sia di natura quantitativa.
I risultati espressi invitano a ripensare tassonomicamente il fenomeno, riscontrabile in natura in forme estremamente diverse tra loro, evidenziano l’importanza originaria della esigenza di negoziazione e value-cocreation che il nuovo consumatore esprime, mostrano di come la norma sociale della reciprocità sia in grado di esplicare il comportamento aggregato della clientela, chiariscono gli intenti strategici nel cui alveo il PWYW può inserirsi come meccanismo flessibile e coerente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione “As we were putting up the site, we were still saying, "Are you sure about this?" But it was really good. It released us from something. It wasn't nihilistic, implying that the music's not worth anything at all. It was the total opposite. And people took it as it was meant.” (Thom Yorke) “Penso che la mia iniziativa abbia anche una valenza sociale: permette a tante famiglie di andare al ristorante in serenità, senza timore di ricevere una baccata al momento del conto. Finora nessuno se ne è approfittato, facendo il furbo: Bergamo è una città che apprezza e riconosce il valore del lavoro.” (Ezio Canfarelli) Le due frasi in citazione appartengono a un famoso cantante rock britannico e a un ristoratore bergamasco. Entrambe commentano l’offerta di un prodotto/servizio ad un prezzo interamente a discrezione del cliente. Tale rivoluzionario utilizzo di una delle quattro leve del tradizionale marketing mix, il prezzo, costituisce l’oggetto del presente elaborato. Il fenomeno indagato è di recentissima comparsa, in due settori Business To Consumer apparentemente lontani: ristorazione e discografia digitale. Come ovvia conseguenza la letteratura in merito è esigua. Al momento attuale 1 l’unico contributo interamente incentrato sul tema è “Pay-What-You Want: a new partecipative pricing mechanism” di Ju-Young Kim, Martin Natter e Martin Spann, tesi di dottorato discussa a Francoforte nel marzo del 2008, successivamente rielaborata nel luglio del medesimo anno. Il sopracitato studio, oltre a definire e inquadrare il fenomeno, ne analizza la sostenibilità contabile, per mezzo di tre esperimenti on- field. Mediante la sottoposizione di un questionario alla clientela, mira inoltre ad individuare le ragioni comportamentali sottostanti alla determinazione dell’importo pagato, testando l’efficacia predittiva di una modellizzazione algebrica del consumer behaviour. Recentemente Freakonomics 2 , blog interno all’edizione online del New York Times curato dagli economisti Dubner e Levitt, autori del bestseller “Freakonomics: the hidden side of everything” 3 ha pubblicato diversi articoli sul Pay-What-You-Want ( di seguito PWYW). 3 La redazione definitiva della presente tesi risale al Febbraio del 2009. 2 http://freakonomics.blogs.nytimes.com/ 3 In Italia il libro è stato pubblicato nel 2005 da Sperling & Kupfner con il titolo “Freakonomics. Il calcolo dell’incalcolabile”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cocreazione
community
cultural branding
customer relationship management
dictatorship game
digitale
discografia
distorsione percettiva
in rainbows
marketing
marketing esperienziale
negoziazione
paghi quanto vuoi
pay what you want
prezzo partecipativo
prezzo penetrativo
pricing
radiohead
reciprocità
ristorazione
strategie di prezzo
teoria dei giochi
teoria del dono
ultimatum game

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi