Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il condizionamento a bordo delle navi da crociera: studio di configurazioni innovative per la riduzione del consumo energetico

La tesi è stata suddivisa in una prima parte in cui, dopo un riepilogo dei concetti fondamentali della trasmissione del calore e della psicrometria, è stato affrontato il primo tema significativo: i carichi termici estivi. Gli apporti di calore dovuti ad affollamento, sole, luci e carichi elettrici sono stati calcolati con il metodo ASHRAE e seguendo la ISO 7547:2002(E).
La seconda parte tratta, invece, del dimensionamento vero e proprio dell’impianto di condizionamento: dal calcolo della portata d’aria per abbattere i carichi al calcolo della potenza frigo assorbita dall’impianto, dal calcolo della portata d’acqua necessaria al calcolo della potenza assorbita dai ventilatori. L’introduzione di fan coils nelle sale pubbliche e nelle cabine, come prima soluzione di Energy Saving, è l’argomento della terza parte.
Dopo un confronto comparativo tra le due soluzioni (solo AHU e con fan coils) dei consumi in un ipotetico percorso di crociera, nella quarta ed ultima parte si è introdotta un’ulteriore soluzione per il risparmio energetico con l’ipotesi di utilizzo della valvola miscelatrice a tre vie prevista per le batterie delle AHU che servono le sale pubbliche.
A concludere lo studio, si sono riportati i calcoli comparativi per la quantificazione dell’Energy Saving ottenuto. Notando la fattibilità tecnica delle diverse soluzioni ed il basso impatto economico delle soluzioni tecniche adottate, ci si auspica che questo lavoro possa contribuire a diffondere maggiormente l’attenzione verso un argomento sempre più importante ed attuale come il risparmio energetico a bordo della navi da crociera, da sempre simboli di lusso spesso non associato ad una logica di Energy Saving che potrebbe risultare strategica nei futuri scenari economici.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il presente lavoro di tesi è stato realizzato per il conseguimento della laurea specialistica in ingegneria Navale ed è il risultato di un periodo di tirocinio di cinque mesi svolto presso l’ufficio MC-COV (Condizionamento e Ventilazione) della Fincantieri S.p.A. di Trieste, azienda leader mondiale nella progettazione e costruzione di navi da crociera. Vista l’importanza sempre maggiore che al giorno d’oggi detiene l’Energy Saving, si è deciso di analizzare e studiare alcune configurazioni di climatizzazione mirate al risparmio energetico di una Main Vertical Zone di una nave. Fino a non molti anni fa, la disponibilità di abbondante energia a basso costo era considerata scontata; attualmente tutti sono consapevoli della criticità e dell’importanza che la problematica energetica riveste. Il primo impatto si ebbe negli anni ’70 quando, nell’arco di pochi anni, il prezzo del petrolio grezzo si quintuplicò. Da quel momento per tutti risultò evidente la necessità di dedicare maggiore attenzione al “costo energetico” del moderno stile di vita, senza però rinunciare al benessere termoigrometrico inteso come quella “condizione mentale che esprime soddisfazione nei confronti dell'ambiente termico”.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Gloria Mattisi Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4533 click dal 10/04/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.