Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Carcere e società

Il carcere visto all'interno della societa'.
Il significato di pena nelle varie teorie sociologiche dalla scuola classica a quella positiva, dalla sociologia durkheimiana allo struttural-funzionalismo di Parsons.
Il penitenziario nella sua evoluzione storica e sociologica.
La realta' penitenziaria nelle moderne strutture carcerarie. il penitenziario come istituzione totale.
Il carcere di alta sicurezza di Melfi in provincia di Potenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Affrontare un tema, senza dubbio complesso e ricco di diverse e contrastanti sfaccettature, come quello del carcere non è cosa semplice, vuoi per l’importanza che assume la detenzione a livello sociale e politico, vuoi per la delicatezza delle situazioni personali coinvolte in tale sistema. Il carcere è sempre stato visto da molti con occhio diffidente per tutta una serie di motivi. Da un lato, è visto come un inutile spreco di denaro e di risorse pubbliche per dei soggetti non meritevoli di trattamenti particolari, e che dovrebbero essere completamente banditi dalla società. Da un altro punto di vista, sempre di stampo critico, il carcere è popolato da soggetti pericolosi, malati, tossicodipendenti, in sostanza, un insieme di soggetti che non sono accettati dal resto della comunità, soggetti non desiderati e pericolosi, i quali potrebbero causare disordine sociale e compromettere, la tanto proclamata e mai del tutto assicurata, sicurezza pubblica. C’è anche chi scorge nel carcere aspetti positivi, ad esempio i volontari che mettono la loro opera a disposizione dei penitenziari per portare sollievo a soggetti che, in questo caso, sono visti come persone deboli che vanno aiutate, perché fanno pur sempre parte della collettività. Voglio dunque, tramite questa tesi, descrivere un campo della realtà sociale, particolare come quello del carcere, per com’è vissuto da chi lo subisce, per com’è giustificato dalle autorità e per quali ragioni sia necessaria la sua esistenza all’interno delle istituzioni che governano la comunità sociale. Il mio lavoro è stato suddiviso in tre fasi, che poi corrispondono ai tre capitoli di cui all’indice, tutte riguardanti gli aspetti fondamentali dell’argomento in questione, e cioè il carcere. Nel primo capitolo ho racchiuso le maggiori teorie

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Michele Pietragalla Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8718 click dal 21/04/2009.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.