Skip to content

Autismo in classe - Percorsi di integrazione degli alunni con disturbo pervasivo dello sviluppo

Informazioni tesi

  Autore: Sara Falchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Gianfranco Nuvoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

L'autismo è uno dei disturbi più conosciuti, all'interno dei disturbi dell'età evolutiva. Ed è quello per cui è più chiaro oggi cosa si può fare e cosa è opportuno fare. Questo non vuol dire affatto che sappiamo perfettamente cosa bisogna fare per migliorare la qualità della vita di questi individui. Sappiamo che «autismo» è un termine che indica la presenza di diverse menomazioni, in campo sociale, comunicativo e cognitivo; che queste menomazioni creano disabilità; che questa disabilità produce un handicap. Sappiamo che, in numerosissimi casi, alle disabilità derivate dalle menomazioni tipiche dell'autismo si aggiungono altre disabilità legate a menomazioni associate: ritardo mentale, iperattività, e altro.
L'importanza dell'educazione per il trattamento delle disabilità dell'autismo e delle menomazioni associate, così come l'importanza dell'educazione per il trattamento delle disabilità in generale, è indiscussa. Inoltre sappiamo che per questi problemi esiste un corpus scientifico e metodologico di conoscenze, sul trattamento, e sull'educazione delle disabilità per le riduzioni dell'handicap, che non può essere ignorato, e che offre concrete possibilità di miglioramento ampiamente documentate. Sanità, scuola e servizi sociali, predisposti e dotati di risorse per svolgere questa funzione, non possono permettersi di ignorare e di tralasciare queste conoscenze.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Nel senso comune, quando si pensa all’autismo vengono subito in mente una serie di frasi, di immagini e di luoghi comuni: “Vive chiuso in un mondo tutto suo”, “Ricorda a memoria tutti i numeri della rubrica telefonica e delle targhe delle macchine”. La persona con autismo non vive in un mondo suo, purtroppo vive circondata da un mondo che non decodifica, vive in un mondo che manda una serie di stimoli, informazioni e messaggi per lei incomprensibili. Una buona parte delle persone con autismo non ha una memoria straordinaria, anzi, spesso sono affette da ritardo mentale; ciò che permette, ad alcune di loro, di avere delle speciali e non comuni abilità è un’attenzione selettiva. Quest’ attenzione permette loro di ricordare delle cose che le persone normalmente non ricordano, ma queste conoscenze, come ad esempio tutti i codici di avviamento postale o tutti i titoli del quotidiano, non danno la capacità di saper utilizzare le informazioni acquisite. Quando penso all’autismo mi ricorrono alla mente una serie infinita di immagini, volti, emozioni. Il ricordo più vivo, e più caro, risale al periodo della mia infanzia, quando in estate, con la mia numerosa famiglia, andavamo al mare: nonni, genitori, zii e cugini. Io e mio cugino Mauro, allora, eravamo i più piccoli e ancora non avevo capito che qualcosa non andava. Non facevo caso al fatto che a lui non interessasse giocare con me o che ancora non parlasse, mi divertivo quando rubava il gelato a qualche bambino, quando nuotava a largo e nessuno riusciva più a raggiungerlo. Lo osservavo con attenzione quando restava delle ore a giocare con la sabbia, i granelli gli scivolavano tra le dita e li osservava uno ad uno con estrema concentrazione come se, in silenzio, li contasse. I suoi genitori lo portarono da tutti i più illustri specialisti in quel campo a quei tempi. In famiglia si bisbigliava che Mauro non avrebbe mai parlato, i medici dicevano che non c’era niente da fare, ma vent’anni fa non capivo e credo che nessuno avesse chiaro cosa in realtà fosse questo AUTISMO. Oggi siamo entrambi adulti, non nuota più così lontano e ha messo su un po’ di “pancetta”, ogni volta che ci incontriamo mi sorride e mi offre la mano per stringergliela. I medici avevano ragione Mauro non ha mai parlato, ma questo non significa che non comunica o che non dimostra il proprio affetto. Durante i primi anni di lavoro, come insegnante di sostegno, nella Scuola Primaria, ho avuto finalmente la risposta alla domanda “cos’è l’autismo?”. Quando il Dirigente Scolastico mi ha assegnato alla classe di Simone, ho iniziato a studiare la diagnosi funzionale e ho contattato il Neuropsichiatra infantile, che si occupava della riabilitazione, per stabilire il Piano Educativo Individualizzato. Ho cercato di documentarmi e ho assistito alle sedute della terapia comportamentale per un mese, poi ho esposto al Neuropsichiatra il risultato del mio lavoro. I primi incontri furono disastrosi e la frustrazione enorme, il medico mi disse “Voi insegnanti di sostegno non avete alcuna formazione!” Fortunatamente ho perseverato, consapevole che è vero che noi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autismo
bisogni educativi speciali
disturbi pervasivi dello sviluppo
disturbo di asperger
incidenza
integrazione
nuoro
percorsi educativi
percorsi riabilitativi
piano educativo individualizzato
programma teacch
scuola primaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi