Skip to content

Alcune evidenze empiriche nelle frodi societarie su un campione di paesi Usa-Europa

Informazioni tesi

  Autore: Isabella Nasisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative
  Corso: Economia dei mercati e degli intermediari finanziari
  Relatore: Carlo Bellavite Pellegrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

Questa tesi nasce quindi con l’obiettivo di rappresentare un fenomeno complesso ed articolato come quello delle frodi finanziarie: fenomeno altamente diffuso che però molto spesso viene sottovalutato dagli agenti interessati.
Ovunque nel mondo le frodi finanziarie si confermano una delle principali minacce per il business, indipendentemente dal settore di appartenenza, dalle dimensioni e dai paesi in cui operano le imprese.
Nei capitoli che seguiranno cercherò di definire la frode finanziaria analizzando alcune sue caratteristiche e indicando le varie modalità con cui essa si può verificare; seguirà poi un’analisi precisa del verificarsi di tale fenomeno in alcuni paesi presi in considerazione, mettendo a confronto analogie e differenze.
In particolare, nel primo capitolo, dopo avere definito brevemente che cosa sia la frode, si analizzano le caratteristiche che possono essere rilevanti in ambito finanziario. A questo proposito occorre sottolineare l’importanza di una corretta corporate governance, poiché da essa deriva la massimizzazione della tutela degli azionisti.
Altri elementi che giocano un ruolo importante sono i controlli interni ed esterni alla società: tra questi le figure più importanti sono quelle dei sindaci e dei revisori perché hanno il compito di vigilare sulla società. Il problema sorge qualora queste figure non svolgono il loro lavoro in maniera indipendente dalla società che controllano: per questo entrambi devono avere una serie di requisiti, pena la decadenza dall’incarico.
Infine, si prenderà in considerazione il ruolo delle banche in alcuni scandali finanziari, tenendo presente il comportamento che gli intermediari hanno assunto non informando il pubblico dei risparmiatori sotto il profilo rischio/rendimento di molti titoli collocati e del ruolo attivo che hanno avuto in molti crack, pur essendo spesso a conoscenza della situazione finanziaria della società.
Si indicheranno poi le categorie di frodi, distinguendo tra frodi interne ed esterne, frodi “off the book” e frodi “on the book” e nell’ultimo paragrafo si elencheranno le frodi più diffuse, facendo riferimento anche a casi concreti che hanno riguardato quel tipo di reato.
Il secondo capitolo si focalizza su un’analisi empirica delle frodi in Italia, Svizzera, Usa, Regno Unito e Russia, partendo da un’indagine svolta dalla PricewaterhouseCoopers nel 2007 e confrontandola con i dati del passato.
Di seguito, sono state analizzate la diffusione delle frodi nei vari Paesi valutando come tale andamento si sia modificato dal 2005 al 2007 e soprattutto quali sono le tipologie di frodi più diffuse cogliendo le analogie e le differenze e confrontando la realtà del fenomeno rispetto alla sua percezione; si prosegue poi, con l’analisi dei soggetti che compiono le frodi.
Le ragioni per cui nei vari Paesi le percentuali tra perpetratori interni ed esterni variano, può dipendere da una serie di fattori: il contesto culturale del paese, i controlli della società e il tipo di corporate governance.
A seguire, si prendono in considerazione i costi che un’impresa subisce a seguito di una frode: costi che oltre ad essere di natura economica, possono essere classificati anche come danni collaterali quali ad esempio, la diminuzione del prezzo delle azioni, la perdita di motivazione del personale, danni di immagine e reputazionali.
Una volta definiti i costi, si valutano le attività di recupero dei fondi messe in atto dalle società, anche se il grado di successo è spesso marginale poiché nella maggior parte dei casi non viene recuperato nulla delle perdite subite.
Nell’ultima parte si affrontano le misure preventive adottate dalle imprese per evitare le frodi e le azioni correttive che vengono prese per estirpare la frode una volta verificatasi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE I motivi della scelta del tema che questa tesi sviluppa, sono dettati da un percorso formativo e dalla curiosità su un argomento di centrale interesse che soprattutto negli ultimi anni, dopo i recenti scandali finanziari, è di rilevante importanza. Questa tesi nasce quindi con l’obiettivo di rappresentare un fenomeno complesso ed articolato come quello delle frodi finanziarie: fenomeno altamente diffuso che però molto spesso viene sottovalutato dagli agenti interessati. Ovunque nel mondo le frodi finanziarie si confermano una delle principali minacce per il business, indipendentemente dal settore di appartenenza, dalle dimensioni e dai paesi in cui operano le imprese. Nei capitoli che seguiranno cercherò di definire la frode finanziaria analizzando alcune sue caratteristiche e indicando le varie modalità con cui essa si può verificare; seguirà poi un’analisi precisa del verificarsi di tale fenomeno in alcuni paesi presi in considerazione, mettendo a confronto analogie e differenze. In particolare, nel primo capitolo, dopo avere definito brevemente che cosa sia la frode, si analizzano le caratteristiche che possono essere rilevanti in ambito finanziario. A questo proposito occorre sottolineare l’importanza di una corretta corporate governance (con questa espressione si comprende l'insieme di regole e strutture organizzative che presiedono a un corretto ed efficiente governo societario), poiché da essa deriva la massimizzazione della tutela degli azionisti, siano essi in possesso della maggioranza delle partecipazioni azionarie o solamente di una quota minoritaria. Altri elementi che giocano un ruolo importante sono i controlli interni ed esterni alla società: tra questi le figure più importanti sono quelle dei sindaci e dei revisori perché hanno il compito di vigilare sulla società. Il problema sorge qualora queste figure non svolgono il loro lavoro in maniera indipendente dalla società che controllano: per questo entrambi devono avere una serie di requisiti, pena la decadenza dall’incarico. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

appropriazione indebita
corruzione
finanziaria
frode
frode contabile
frodi
riciclaggio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi