Skip to content

Le analisi di bilancio nelle previsioni delle crisi

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Petruzziello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Raffaele D'Alessio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 254

In questo volume si è voluto approfondire il tema dell’analisi della dimensione economico-finanziaria di un’impresa, partendo dal bilancio d’esercizio quale “istituito fondamentale” e “prodotto finale” dei procedimenti contabili. L’analisi di bilancio è un processo che prende in considerazione l’intero complesso aziendale, di estrema importanza nell’interpretazione della situazione finanziaria e reddituale. Per queste ragioni si è cercato di indagare sui tratti peculiari dell’analisi, focalizzando l’attenzione sui seguenti aspetti: riclassificazione, analisi per indici, analisi per margini, analisi per flussi.
Riclassificare significa ordinare, raggruppare, disporre le voci di bilancio così da individuare ed evidenziare alcune grandezze rilevanti ai fini dell’acquisizione di informazioni significative in merito alle condizioni di svolgimento della gestione e alle politiche aziendali perseguite che non sarebbe invece possibile ricavare da un paino di conti tradizionale emergente dalla contabilità.
Poiché ogni conto de piano dei conti adottato è acceso a una classe, si tratta di riallocare le medesime voci su di una nuova sequenza di classi, composte a sistema, richiedenti talora l’aggregazione, talora la scomposizione delle voci accolte nelle classi originali.
La riallocazione suddetta può avvenire in base alla natura, enfatizzando, il rapporto tra impresa e terze economie, secondo un criterio di destinazione delle stesse, focalizzando l’attenzione sul loro utilizzo all’interno dell’impresa, secondo la velocità di rotazione.
L’analisi di bilancio, e in particolare lo strumento della riclassificazione, è caratterizzata da un certo grado di soggettività, insita nell’applicazione dei principi e delle tecniche, che consentono all’analista, sulla base della propria esperienza e delle proprie conoscenze, di approfondire e diversificare l’analisi stessa in funzione delle specifiche necessità della realtà aziendale in cui si trova a operare.
Per quanto riguarda la riclassificazione del conto economico esistono: il modello di conto economico a valore aggiunto, con i costi classificati in relazione alla natura dei fattori produttivi cui si riferiscono, si presta, alle analisi di produttività a livello reddituale e finanziario, poiché può essere anche strutturato in modo da evidenziare il margine operativo lordo in modo tale da porre l’accento sull’analisi finanziaria, il conto economico a costi complessivi industriali del venduto, con i costi classificati in relazione alla loro destinazione alle diverse funzioni aziendali, consentendo di individuare se e quali sono le aree aziendali efficienti e inefficienti, in termini di reddito e liquidità, il conto economico a costi complessivi variabili del venduto consente all’analista del bilancio di valutare la flessibilità strutturale dell’impresa e quindi l’impatto sulla redditività aziendale di variazione dei volumi produttivi o del mix di produzione, dopo aver ipotizzato differenti plausibili scenari previsionali.
Con riferimento allo stato patrimoniale si possono esaminare i seguenti modelli: stato patrimoniale riclassificato secondo il principio della liquidità/esigibilità decrescenti e lo stato patrimoniale riclassificato secondo il principio dei pertinenza gestionale. Nel primo caso la struttura delle attività e delle passività iscritte in bilancio vengono esposte in base al tempo in cui esse diventano liquide ed esigibili. In questo modo è possibile approfondire l’analisi della solvibilità dell’impresa, monitorandone la dinamica finanziaria, sia passata che prospettica in termini di liquidità e solidità. Nel secondo caso si distinguono le componenti del patrimonio in base alla gestione di appartenenza, fornendo una base per l’apprezzamento della redditività e dell’efficienza aziendale.
Il primo dei due modelli enfatizza il concetto di tempo per la scomposizione della gestione, con lo scopo di determinare i periodici risultati, il secondo, invece, si fonda sulla scomposizione spaziale della stessa, individuando le diverse aree ad essa appartenenti.
Per quanto riguarda le tecniche di analisi si approfondiranno le tre principali ovvero quella per indici, quella per margini e quella per flussi finanziari.
Gli indici (o quozienti o rapporti o ratios) rappresentano la più conosciuta tecnica di analisi dei bilanci aziendali, basata su quozienti ottenuti dal rapporto di alcune voci di bilancio. Essi vengono comunemente accolti per la semplicità (relativa) del calcolo, la comprensibilità del risultato, la comparabilità delle tendenze (a certe condizioni di omogeneità dei dati originari), la valenza segnaletica degli andamenti economici e finanziari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Finalità, metodologie e limiti delle analisi di bilancio tramite indici L’attualità del bilancio di esercizio come strumento di informazione e l’importanza della sua interpretazione Il bilancio di esercizio rappresenta, sin dagli albori dell’economia moderna, il principale strumento d’informazione esterna d’impresa; infatti, su di esso si basano la gran parte dei giudizi degli operatori economici. A questo punto potrebbe sorgere spontaneamente una domanda: se uno strumento informativo come il bilancio, concepito secoli or sono, sia in grado di fornire le necessarie informazioni per un’economia moderna. La risposta è non sempre positiva 1 : resta sicuramente un indispensabile ed insostituibile strumento d’informazione esterna per le imprese; ma sicuramente per alcune di esse, specialmente le più aperte al mercato, esso deve essere integrato da altre informazioni utili per gli stakeholders (portatori d’interesse). Per convincersi sulla validità del bilancio come strumento d' informazione esterna basta ricordare le principali finalità informative che esse è destinato a soddisfare. Sicuramente, l’obiettivo principale delle imprese aventi scopo di lucro, è la creazione di valore economico; al quale obiettivo sono interessati tutti 1 C.Caramiello, F. Di Lazzaro, G. Fiori, Indici di bilancio – Strumenti per l’analisi della gestione aziendale, Giuffrè, Milano, 2003.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi