Skip to content

Autonomia collettiva e costo del lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Castagnini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Giurisprudenza
  Relatore: Marco  Esposito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

La tesi indaga sui modi e le tecniche di coinvolgimento delle organizzazioni sindacali nel governo dell'economia e in particolare nel costo del lavoro attraverso esercizio dell'autonomia sindacale in funzione politica.
Nella prima parte si è esaminata l’autonomia sindacale, ossia quella particolare espressione dell’agire privato mediante la quale gli individui danno vita a formazioni sociali, che sono appunto i sindacati, costituzionalmente garantiti e riconosciuti prima dall’art. 2 e 18 e poi dall’art 39. Quest’ultimi, in un ordinamento pluriclasse come il nostro, devono essere liberi di agire come una forza politica e liberi soprattutto di scegliere se perseguire gli obiettivi di natura economica del governo centrale oppure contrastalo attraverso il conflitto collettivo.
È nel secondo capitolo che analizzo accanto alla contrattazione collettiva di tipo «classico» la c.d. contrattazione politica: Prassi che vede il potere esecutivo, le organizzazioni sindacali dei lavoratori e quelle dei datori di lavoro seduti allo stesso tavolo, dove si legittima il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali nel governo dell’economia in materia di mercato del lavoro, salari, contrattazione collettiva e organizzazione della previdenza sociale.
L'accordo tripartito del luglio 1993 è uno degli esempi di concertazione che interviene in maniera incisiva nella politica economica del paese mediante interventi su prezzi e tariffe, interventi per l’occupazione e per il mercato del lavoro, e delineando gli assetti contrattuali utili ai sindacati per normare le condizioni di lavoro.
Nella terza parte ritorna il tema dell’inattuazione del regime delineato nell’art 39 Cost. e del difetto di qualsiasi intervento diretto del legislatore ordinario sui livelli retributivi, in tale contesto l’art 36 è venuto assumendo un valore di precettività e immediata applicabilità ai rapporti contrattuali per via giudiziale, che all’origine era probabilmente estraneo agli intendimenti dell’assemblea costituente. Si discute se la regola giurisprudenziale del riferimento alle tariffe collettive come parametro per la determinazione della retribuzione sufficiente sia rigida o meno, ossia se siano possibili deroghe in pejus degli standard retributivi in presenza di circostanze particolari, quali il livello più basso delle retribuzioni normalmente correnti nella zona, le dimensioni dell’azienda o l’eventuale suo carattere artigiano.
Termino la mia trattazione sull’analisi di due questioni molto importanti, la prima è quella della riforma del sistema contrattuale, che passa attraverso sia l’ammodernamento dei contratti nazionali di categoria, spesso obsoleti e antiquati, sia attraverso una ridisegnazione dei rapporti tra contratto nazionale e quello aziendale in modo che ci sia un intelligente e mirato decentramento negoziale in materie dove non c’è pericolo di squilibri sociali nazionali e creare così un “decentramento che parta dal centro”.
Per quanto riguarda la seconda questione, quella delle relazioni sociali, occorre creare le condizioni per la stipulazione di un nuovo grande patto di concertazione, sulla falsariga metodologica dell’accordo del luglio 1993, che estenda erga omnes i contratti collettivi, che attribuisca al contratto nazionale di lavoro una funzione di disciplina di trattamenti minimi e inderogabili su alcuni istituti essenziali, rinviando con apposite clausole alla contrattazione decentrata l’integrazione e la modificazione delle clausole stabilite dal contratto nazionale sulla base di chiari limiti determinati dal contratto nazionale stesso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I SINDACATO E GOVERNO DELL’ECONOMIA 1) Autonomia sindacale tra diritto privato e diritto pubblico Il governo dell’economia è il complesso di regole e procedimenti che assicurano il coordinamento tra i diversi attori del sistema economico in relazione ad ogni ordinamento giuridico e agli equilibri politici che in esso si determinano, per realizzare obiettivi di politica economica 1 . Ogni governo dell’economia è il risultato di diversi tipi di azione: quella pubblica e quella privata. L’azione pubblica per definizione mira alla realizzazione dell’interesse generale, quella privata mira soprattutto a soddisfare interessi particolari e privati. Ad assicurare il successo di un determinato modello di governo dell’economia è il coordinamento che si istaura sta queste due categorie di azioni. All’interno del secondo termine dell’indagine, quello dell’azione privata, c’è l’azione sindacale, che è quella particolare espressione dell’agire privato mediante la quale gli individui danno vita a formazioni sociali, che sono appunto i sindacati, per perseguire nella                                                             1  G.Amato, Il governo dell’economia: il modello politico BOLOGNA, Il Mulino, 1998 p.209    7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autonomia collettiva
contratti d'area
contratto colettivo
contratto nazionale
costo lavoro
governo
i contratti di riallineamento retributivo
patti territoriali
protocollo del 23 luglio 1993
retribuzione
sindacati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi