Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'apertura di un'agenzia di italian design in Cina: un'esperienza pilota per il passaggio ad un modello replicabile

L’intero progetto si è sviluppato grazie all’esperienza sul luogo e alla possibilità di osservare da vicino le dinamiche sia relative alla costituzione di un nuovo business in Cina da parte di un imprenditore italiano, sia relative al contesto economico e culturale cinese.

La tesi è sostanzialmente divisa in due parti: la prima aiuta a comprendere con correttezza il sistema contestuale in cui è avvenuta l’operazione di investimento italiano, in modo da poter offrire una chiara panoramica sull’ambiente operativo. In questa parte si sono volute creare due sezioni: “analisi del contesto economico/culturale cinese” e “la Cina accoglie l’esterno: lo scambio e la trasformazione”. La prima sezione approfondisce i seguenti temi: l’avviamento dell’economia socialista di mercato dalla politica della pianificazione, gli investimenti stranieri, alcuni aspetti della legislazione cinese, il mercato nazionale tra apertura e crescita interna, il consumatore cinese e il mercato pubblicitario tra investimenti stranieri e iniziative locali. La seconda sezione invece studia le metodologie di accoglienza dei brands stranieri, la presenza italiana in Cina e l’incentivazione dei rapporti con il nostro Paese. Nello specifico si sono svolte analisi sulle tipologie di investimento straniero, con particolare riferimento all’adesione della Cina all’Organizzazione Mondiale per il Commercio. Di notevole interesse inoltre è la tematica legata alla proprietà intellettuale, trattata anche e soprattutto in relazione alla offerta di design che lo studio si accingeva a proporre al nuovo mercato. Le modalità di approcciare il business da parte degli imprenditori cinesi e la nuova formazione di brands, con le conseguenti difficoltà e tattiche, ha rivestito un punto di particolare interesse, sia in merito all’analisi svolta in relazione ai potenziali clienti per lo studio di design, che per quanto riguarda gli orizzonti a cui la Cina sta aspirando. Lo studio dello stato dell’arte dei media è stato anch’esso utile non solo ai fini di una più corretta comprensione del mercato e dello sviluppo che sta attraversando, ma anche ai fini dell’approfondimento di questioni relative alle difficoltà e alle barriere a cui è ancora sottoposto il sistema cinese, di tipo comunista ma orientato ad un nuovo capitalismo. Capitalismo che si fa promotore di marchi di lusso, che stanno raccogliendo successo presso quei consumatori così difficili da quantificare ed analizzare, ma che ad oggi sembrano essere pari all’intera popolazione del nostro Paese. Rispetto al controverso sviluppo dell’economia della Cina si sono raccolte informazioni sulle difficoltose tecniche di analisi dei mercati (data la vastità del Paese), sullo studio dei consumatori, la loro corretta categorizzazione e la loro imminente predisposizione agli acquisti. Si sono analizzati poi i settori che stanno sempre più sviluppandosi, come quello pubblicitario e dell’high technology, spinti dalla nuova tendenza di marketing che si respira in tutto il Paese. L’Italia e il suo sistema di relazioni attive per favorire i rapporti con la Cina hanno costituito un’altra parte sostanziale del lavoro. Grazie ai contatti avvenuti con la Camera di Commercio italiana in Cina ed ai colloqui con consulenti presso studi che operano a favore dell’incentivazione dei rapporti tra i due Paesi, si è potuto ottenere un quadro interessante per comprendere altri approcci all’investimento, rispetto a quello di Luca Trazzi, oltre allo sviluppo e allo stato attuale degli investimenti italiani in Cina e del “Sistema Italia” più in generale. Il materiale per lo svolgimento delle tematiche qui sopra citate è stato raccolto presso reti informative e organizzazioni locali, oltre che da pubblicazioni recuperate in loco.

La seconda parte ha invece come fulcro l’analisi delle operazioni riguardanti l’apertura dello studio di design italiano “Luca Trazzi”, contenendo la descrizione puntuale delle attività che si sono affrontate e delle modalità di lavoro attuate. L’iter di apertura dello studio mi ha dunque visto spettatrice, in qualità di ricercatrice, di tutta la procedura che ha preceduto l’inizio dell’operatività dello studio. Procedura che ha toccato aspetti come la ricerca e la scelta dell’immobile, l’individuazione dello studio legale e la conseguente contrattazione, il recruitment, i contatti con la stampa, la ricerca dei clienti, le modalità di presentazione ai clienti, lo studio sui clienti potenziali e le modalità di gestione delle relazioni. Tutti gli aspetti trattati sono stati colti innanzitutto in prima persona, sia dalla vita di tutti i giorni, che dall’esperienza di ricerca effettuata presso lo studio di design, per poi essere vagliati tramite una metodologia analitica, grazie alla consultazione di documenti e relazioni sui temi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE ۙਫ஌჈ྖđ࣍೶്୔ၻ +ʧOTIVʦ[IʤZʭYʧOH +ʧOTIʜOTIʥOJʞPZʤO 7JDJOPBJGJVNJSJDPOPTDJBNPJQFTDJ  WJDJOPBMMFNPOUBHOFSJDPOPTDJBNPJMDBOUPEFHMJVDDFMMJ  Un proverbio cinese ricorda con semplicità quanto per acquisire la conoscenza di qualcosa sia fondamentale il contatto con essa. Ultimamente la Cina è diventata oggetto di innumerevoli dibattiti, alla luce della “minaccia” che può rappresentare per i consolidati sistemi economici/politici e culturali occidentali. Così si sono accese numerose discussioni e si sono aperti molti spazi informativi, sui diversi media e attraverso appositi canali specializzati in internazionalizzazione delle imprese, dedicati agli approfondimenti su questo Paese, la cui appropriata conoscenza inizia a risultare fondamentale per comprendere correttamente gli accadimenti che investiranno il mondo intero nei prossimi anni. A nostro parere solo una lettura più cosciente della situazione porta a considerazioni coerenti ed adeguate sulla Cina e sulle sue politiche, e il timore nutrito verso questa “potenza in nuce” è pressoché dato da una distorta percezione del contesto in cui si sta evolvendo questo Paese. L’attenzione verso la Cina è dovuta, in misura altrettanto preponderante, alla possibilità che il suo sistema economico in via di sviluppo e in grande fermento può offrire agli investitori stranieri. Infatti è proprio in relazione agli scambi commerciali con l’estero e alla sua recente politica di apertura transnazionale che si accendono numerose controversie. Nel nostro caso sì è avuta la possibilità di svolgere un ruolo da protagonisti in questa rincorsa alla conoscenza della Cina, grazie al monitoraggio dei lavori di un Architetto italiano che ha deciso di cogliere alcune delle numerose opportunità che questo Paese può offrire. La scelta di aprire uno studio di design a Shanghai, esportando così dei

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Anna De Gaetano Contatta »

Composta da 378 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1492 click dal 17/07/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.