Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mercato elettrico italiano: dalla nazionalizzazione alla ''riprivatizzazione''

Il seguente lavoro ha per oggetto il mercato dell’energia elettrica in Italia e si propone di riesaminare da un punto di vista tendenzialmente storico ed economico l’evoluzione dello stesso, focalizzandosi sul periodo dal secondo dopoguerra fino agli anni ’90 e facendo anche riferimento per completezza agli importanti interventi legislativi inerenti.
La tesi è suddivisa in tre capitoli, il primo propone un excursus storico negli anni precedenti al periodo preso in esame e quindi dalle origini, cioè dalla nascita dei principali grandi gruppi privati, passando dal successivo potenziamento e sviluppo fino alla situazione durante il dopoguerra.
Con il secondo capitolo si entra nel vivo dell’argomento, prendendo spunto dalla nazionalizzazione del settore elettrico e la nascita dell’ENEL, per poi argomentare sulle sue motivazioni. Sempre in questo capitolo si analizzano anche i progressi dell’epoca e l’inizio dello sfruttamento di nuovi tipi di fonti di energia. Vengono esaminate anche le due crisi petrolifere che caratterizzarono quel periodo.
Nel terzo ed ultimo capitolo si prende in esame l’inversione di tendenza, cioè la scelta della privatizzazione e della liberalizzazione dell’industria elettrica, con attenti riferimenti alle normative connesse ed alle giustificazioni di questa inversione. Si propone una disamina quindi del Decreto Bersani e degli accenni alla struttura del nuovo mercato liberalizzato ed ai suoi nuovi attori.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il seguente lavoro ha per oggetto il mercato dell energia elettrica in Italia e si propone di riesaminare da un punto di vista tendenzialmente storico ed economico l evoluzione dello stesso, focalizzandosi sul periodo dal secondo dopoguerra fino agli anni 90 e facendo anche riferimento per completezza agli importanti interventi legislativi inerenti. La tesi Ł suddivisa in tre capitoli, il primo propone un excursus storico negli anni precedenti al periodo preso in esame e quindi dalle origini, cioŁ dalla nascita dei principali grandi gruppi privati, passando dal successivo potenziamento e sviluppo fino alla situazione durante il dopoguerra. Con il secondo capitolo si entra nel vivo dell argomento, prendendo spunto dalla nazionalizzazione del settore elettrico e la nascita dell ENEL, per poi argomentare sulle sue motivazioni. Sempre in questo capitolo si analizzano anche i progressi dell epoca e l inizio dello sfruttamento di nuovi tipi di fonti di energia. Vengono esaminate anche le due crisi petrolifere che caratterizzarono quel periodo. Nel terzo ed ultimo capitolo si prende in esame l inversione di tendenza, cioŁ la scelta della privatizzazione e della liberalizzazione dell industria elettrica, con attenti riferimenti alle normative connesse ed alle giustificazioni di questa inversione. Si propone una disamina quindi del Decreto Bersani e degli accenni alla struttura del nuovo mercato liberalizzato ed ai suoi nuovi attori.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Carla Veccia Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2469 click dal 16/09/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.