Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dieta e attività fisica nel diabete di tipo 2: indagine conoscitiva sulle abitudini alimentari e verifica dell'adesione alla dieta

Valutazione degli esiti di un intervento multidisciplinare (diabetologi, medici dello sport, psicologi, chinesiologi e dietisti) al fine di valorizzare il ruolo del counseling nel cambiamento di comportamenti non corretti in diabetici di tipo 2 che praticano attività fisica strutturata e supervisionata.
La modifica dello stile di vita in pazienti diabetici di tipo 2, ottenuta mediante interventi strutturati e supervisionati su alimentazione e attività fisica, ha portato a:

-una maggiore adesione alla dieta
-una migliore accettazione della malattia
-un miglioramento dell’equilibrio glicometabolico

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il diabete nella nostra realtà quotidiana rappresenta una delle problematiche più complesse da affrontare, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità parla ormai di “epidemia diabete”; infatti oltre 194 milioni di diabetici nel mondo di cui due milioni solo in Italia, che al ritmo di cento mila nuovi pazienti l’anno saliranno a cinque milioni nel 2025, soffrono di tale patologia. La malattia è più frequente nell’età adulto-anziana arrivando a percentuali del 15-20 %. Si parla di un aumento esponenziale della patologia nel giro di una decina di anni e ciò soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, per effetto delle modifiche delle abitudini alimentari e dello stile di vita in seguito alla globalizzazione. La lunga durata della malattia può così portare a rischi molto gravi per molti organi. Il rischio cardiovascolare, com’è noto, è da due a quattro volte più alto rispetto ai non diabetici; la retinopatia e la nefropatia possono portare spesso il paziente rispettivamente a cecità o al ricorso della dialisi. Il diabete oggi rappresenta la sesta causa principale di morte negli Stati Uniti. E’ pertanto necessario effettuare interventi importanti ed efficaci al fine di modificare stili di vita non corretti. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Antonella Venuti Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6950 click dal 23/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.