Skip to content

Le interferenze fiscali nel bilancio d'esercizio

Informazioni tesi

  Autore: Gloria Scarpitta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Soledad Guermandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

Il Codice Civile, all’art. 2423 , comma 2, definisce la finalità primaria del bilancio, il quale “deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dell’esercizio”.
In passato, ovvero prima della Riforma fiscale e societaria, la capacità del bilancio di fornire la c.d. “true and fair view ” fu limitata dal fenomeno delle interferenze fiscali.
Esso nacque dall’imputazione al conto economico di accantonamenti e rettifiche di valore determinati esclusivamente in applicazione di norme tributarie, secondo quanto disposto dagli articoli 2426, comma 2, c.c. ante Riforma societaria e 75, comma 4, TUIR ante Riforma fiscale.
L’applicazione di tale normativa sortì, perciò, un effetto inquinante sul bilancio d’esercizio e il dato informativo sull’effettivo risultato economico poteva essere recuperato soltanto attraverso la nota integrativa, che al n. 14) doveva riportare le motivazioni e gli effetti degli importi riferibili all’applicazione delle norme tributarie.
La Riforma societaria, allo scopo di ristabilire una separazione tra risultato civilistico e reddito imponibile, abrogò il comma 2, art. 2426, c.c. ante Riforma societaria; contestualmente, la Riforma fiscale introdusse all’art. 109, comma 4, TUIR ante Riforma fiscale, la possibilità di dedurre extracontabilmente alcuni componenti negativi di reddito.
Tale deduzione poteva essere effettuata utilizzando un apposito prospetto della dichiarazione dei redditi (quadro EC).
L’armonizzazione della disciplina civilistica con quella tributaria permise, perciò, di eliminare le interferenze fiscali, facendo riacquistare al bilancio la propria funzione informativa. Inoltre, fu confermata alle imprese l’opportunità di fruire del vantaggio fiscale connesso alla deducibilità di alcuni componenti negativi di reddito, anche se non imputati a conto economico.
Occorre, però, precisare che con la riforma fiscale non venne meno il principio di derivazione del reddito imponibile dal risultato civilistico , bensì se ne rafforzò la sua validità; infatti, attraverso il meccanismo delle deduzioni extracontabili, si creò il c.d. “doppio binario”, che manteneva separati risultato civilistico e reddito imponibile.
Tuttavia, la legge finanziaria 2008 ha soppresso, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007, la norma disciplinante la c.d. deduzione extracontabile di ammortamenti, accantonamenti ed altri componenti negativi di reddito e, inoltre, è venuta anche meno la possibilità di effettuare ammortamenti accelerati e anticipati .
La Relazione Illustrativa del Senato spiega che il fenomeno aveva ormai raggiunto dimensioni non più compatibili con la funzione che l’istituto delle deduzioni extracontabili avrebbe dovuto assolvere e soprattutto che proprio la dimensione assunta dal fenomeno ha posto in evidenza l’opportunità di un riordino, non sembrando ragionevole che il fisco ammetta senza limiti la deduzione generalizzata di costi privi di giustificazione economica.
Con la nuova disciplina la quota di ammortamento dei beni materiali è determinata dall’applicazione al costo dei beni dei coefficienti ministeriali e tale quota costituisce la misura massima ammessa in deduzione.
Il Legislatore, per evitare un ritorno delle interferenze fiscali nel bilancio d’esercizio, ha previsto una norma antielusiva, che costringe le imprese a mantenere i comportamenti contabili inerenti ad ammortamenti, accantonamenti e altre rettifiche di valore adottati nei precedenti esercizi.
Con l’emanazione di tale disciplina, si è voluto favorire il riavvicinamento del reddito imponibile all’utile di bilancio, mantenendo il divieto di imputare a conto economico ammortamenti, accantonamenti e rettifiche di valore determinati esclusivamente in applicazione di norme tributarie.
Le imprese, perciò, hanno perso l’opportunità di fruire dei vantaggi fiscali previsti dalla normativa tributaria ante legge finanziaria 2008.
Il Legislatore, tuttavia, ha compensato tale perdita attraverso la riduzione delle aliquote IRES (dal 33% al 27,5%) e IRAP (dal 4,25% al 3,9%) .
La legge finanziaria 2008 ha inoltre ampiamente modificato la disciplina IRAP contenuta nel D. Lgs. 15 dicembre 2007, n. 446. Tra le modifiche più significative, oltre alla riduzione dell’aliquota e alla “regionalizzazione” del tributo, vi è lo sganciamento della base imponibile IRAP dalle variazioni in aumento e in diminuzione richieste dal TUIR (anche se con qualche eccezione e solamente per le società di capitali e gli enti commerciali).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
“Le interferenze fiscali nel bilancio d’esercizio” 8 1 - IL FENOMENO DELLE INTERFERENZE FISCALI PRIMA DELLA RIFORMA SOCIETARIA E FISCALE 1.1. Origine delle interferenze fiscali e l’effetto di “dipendenza rovesciata” Il fenomeno delle interferenze fiscali nel bilancio d’esercizio nacque dall’imputazione a conto economico di accantonamenti e rettifiche di valore determinati esclusivamente in applicazione delle norme tributarie sul reddito d’impresa. Nella disciplina vigente prima della Riforma del diritto societario e della Riforma fiscale, tale fenomeno fu dovuto alla contestuale applicazione dei seguenti riferimenti normativi: - art. 2426, co. 2, c.c. ante Riforma societaria in base al quale in sede di redazione del bilancio di esercizio era consentito “effettuare rettifiche di valore e accantonamenti esclusivamente in applicazione di norme tributarie”, purché in nota integrativa fossero opportunamente indicati i motivi e gli effetti degli importi riferibili all’applicazione di tali norme; - art. 75, co. 4, TUIR ante Riforma fiscale, il quale disponeva che “le spese e gli altri componenti negativi non sono ammessi in deduzione se e nella misura in cui non risultano imputati al conto dei profitti e delle perdite relativo all’esercizio di competenza”. In questo modo il criterio di determinazione del reddito imponibile previsto dall’art. 52, TUIR ante Riforma fiscale – che avrebbe dovuto definire un rapporto di dipendenza del reddito fiscale dal risultato civilistico – configurò piuttosto un effetto di “dipendenza rovesciata”. Tale effetto comportò l’iscrizione nel bilancio civilistico di poste o valori di natura esclusivamente tributaria e limitò la capacità del bilancio di fornire una rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale ed economica dell’impresa. L’obiettivo di conseguire un vantaggio fiscale, infatti, divenne prevalente rispetto alla finalità informativa del bilancio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abolizione ammortamento anticipato
abolizione deduzioni extra contabili
abolizione quadro ec
disinquinamento bilancio pregressi
interferenze fiscali
irap luglio 2009
quadro ec
rialineamento valori civilistici e fiscali
riassorbimento deduzioni pregresse
riforma fiscale e societaria
vincoli sulle riserve e sugli utili

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi