Skip to content

Le evoluzioni del marketing nell'era postmoderna: il Societing e il caso Eataly

Informazioni tesi

  Autore: Gregorio Fuschillo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Alfonso Siano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

La società in cui viviamo è in continua evoluzione, le crisi economiche e sociali, le evoluzioni tecnologiche continue e le instabilità ambientali non sono altro che indici di questo processo di trasformazione. Non si tratta di piccole variazioni, di colpi di assestamento che tutto sommato sono fisiologici all’interno del progredire di un’epoca storica, al contrario, ciò di fronte a cui ci troviamo è un cambiamento radicale, un periodo di passaggio da un’epoca in esaurimento ad una nuova.
In particolare, gli scienziati sociali attribuiscono a questa nuova epoca il nome di “postmodernità” e sostengono che essa sancisca la fine della modernità che per circa mezzo millennio ha tracciato il solco dell’esistenza delle nostre società.
Le differenze sostanziali che distinguono la modernità dal postmoderno riguardano soprattutto la presa di distanze generalizzata rispetto al consumo da parte dei consumatori, la messa in discussione del consumismo come ideologia efficace nel permettere la costruzione di identità individuali e collettive e la rinnovata maturità ed il rinnovato criticismo del consumatore, il quale si scopre più responsabile verso se stesso e la società in cui vive e più attento agli aspetti affettivi ed emozionali del vivere, un vivere comunitario da cui discende l’esigenza del senso di comunità, piuttosto che un’esistenza all’insegna dell’utilitarismo che soddisfa il singolo nella sua ricerca solitaria di libertà.
In questo contesto anche il ruolo dell’impresa cambia, essa fuoriesce dall’ambito strettamente economico per iniziare ad operare su tutto lo scenario sociale.
Proprio queste considerazioni di natura sociale costituiscono le premesse della trattazione, e cioè quali sono gli effetti di questi fenomeni sul marketing, in che modo il marketing cambia e, soprattutto, considerando che il marketing rappresenta il connettore naturale tra l’impresa e il mercato, in che modo il cambiamento del marketing si accompagna ad una sua maggiore efficacia nell’interrelare domanda ed offerta.
I risultati di questa ricerca hanno dimostrato come, ad oggi, il paradigma postmoderno sia profondamente penetrato nelle dinamiche sociali e di mercato trasformando in maniera rilevante l’identità degli attori in campo, in particolare, si osserva come il modello dell’homo oeconomicus sia diventato insufficiente nell’interpretazione dei comportamenti di consumo dell’individuo e come anche lo stesso contesto di mercato si sia rivelato troppo limitativo per considerarlo l’unico ambito di riferimento possibile per l’agire d’impresa.
È sulla base di queste osservazioni e di questi risultati che si ipotizza una nuova ideologia del marketing, un nuovo modo di pensare il marketing che lo veda in grado di mettere l’impresa in condizione di relazionarsi con un pubblico più maturo, esigente, competente e critico, un pubblico molto diverso rispetto al recente passato. Proprio queste considerazioni conducono ad un ripensamento del marketing ed alla formulazione del societing.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Presentazione Leggere ed interpretare il marketing oggi significa fare un approfondito viaggio nelle scienze sociali e capire i cambiamenti che investono continuamente la società. Soprattutto nell‟attuale frangente storico quest‟ultimo aspetto ha assunto una grandissima importanza. Buona parte dei filosofi sociali e dei sociologi contemporanei, primi fra tutti quelli francesi, parlano da qualche decennio di postmodernità e di passaggio d‟epoca 1 , descrivono l‟epoca attuale come la fine di un periodo storico e l‟inizio di uno nuovo con tutti i cambiamenti che ciò comporta a livello economico, politico e sociale. Il progetto della Modernità che a partire dal Rinascimento 2 ha emancipato le condizioni di vita dell‟uomo, non solo dal punto di vista economico ma anche e soprattutto sociale, ha avuto come parola chiave il concetto di progresso. È attraverso il progresso e la libertà come suo naturale complemento che l‟uomo ha cercato via via di liberarsi da tutta una serie di vincoli che in epoca medioevale ne avevano condizionato le libertà di esistenza, i vincoli di sangue, familiari, 1 Si veda, Maffesoli M., Il tempo delle tribù, Guerini Studio, 2004, Milano. Nel 1988 Maffesoli è stato tra i primi sociologi, osservando la crisi del progetto Moderno, ad introdurre il discorso sulla postmodernità ed il cambiamento d‟epoca. Sempre in quest‟opera egli parla per la prima volta del ritorno a forme di organizzazione di tipo tribale come risposta alla crisi del contratto sociale. In un primo tempo le sue posizioni sono state etichettate come “eccessive” ma ad appena venti anni di distanza il paradigma neotribale è un dato acquisito ed il lemmario ad esso collegato è di ampia diffusione in diversi ambiti della letteratura scientifica. 2 In verità non esiste accordo tra gli studiosi su di una data esatta a cui far risalire, anche se solo indicativa, l‟inizio dell‟Epoca moderna intesa dal punto di vista sociologico e non storico. Secondo alcuni ha inizio nel 1448 con l‟invenzione della stampa, per altri con l‟illuminismo, per altri ancora essa risale alla Rivoluzione industriale. Cfr. Fabris G., Societing, Egea, Milano, 2008, pag. 115.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

consumatore postmoderno
consumo postmoderno
eataly
l'etica postmoderna
la marca postmoderna
marketing mediterraneo
marketing non convenzionale
marketing postmoderno
postmoderno
societing
tribalismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi