Skip to content

La Responsabilità Sociale d'Impresa in Italia: il caso Lentati & Partners

Informazioni tesi

  Autore: Pasquale Manuppelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Fabrizia Fontana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

In questi ultimi decenni si sta manifestando sempre di più una sorta di cultura del denaro: investire bene e a fin di bene. Il desiderio è di realizzare qualcosa che vada contro la logica corrente di gestione del denaro e del risparmio, per concretizzare comportamenti e programmi operativi veramente utili alla società e allo sviluppo equilibrato e sostenibile. Il clamore che le vicende di scandali finanziari hanno suscitato negli ultimi anni ha avuto infatti come conseguenza l’impulso a considerare l’impresa sotto un profilo già noto, ma probabilmente ancora poco sviluppato: quello dell’etica. Di etica si può parlare a diversi livelli, da quelli più filosofici e metafisici, a quelli che si collocano maggiormente nella sfera della concretezza e dell’impatto che sortiscono sull’impresa. L’interesse che ci muove in questo campo è piuttosto quello concreto, che mira alla valutazione del comportamento dell’impresa, in un’ottica di miglioramento delle pratiche aziendali.
Si entra di conseguenza, e per la necessità di delimitare il campo d’azione di questa trattazione, nell’ambito della Responsabilità Sociale dell’Impresa (RSI) o della Corporate Social Responsibility (CSR), adottando una terminologia internazionale e generalmente riconosciuta.
Alla luce di ciò, il comportamento che viene richiesto all’impresa è quello che viene definito socialmente responsabile, ove per ‘responsabilità sociale’ si considera non solo la responsabilità giuridica dell’impresa, ma una responsabilità che coglie aspetti più rilevanti e vasti e, soprattutto, che coinvolge ampie fasce di soggetti che, pur non essendo titolari di azioni (o di altro titolo che attribuisca un diritto alla partecipazione nella impresa costituita in forma societaria), vantano un interesse di fatto a partecipare alla gestione dell’impresa stessa (stakeholder). Tale categoria risulta essere piuttosto eterogenea, in quanto è comprensiva sia di soggetti che hanno un rapporto contrattuale con l’impresa (consumatori, fornitori, dipendenti), sia di soggetti che non sono legati a quest’ultima da un rapporto specifico, come la comunità nella quale opera l’impresa o lo stesso Stato. A tal proposito è bene ricordare che il modello di Welfare State sembra ormai aver esaurito la sua spinta propulsiva; emerge una nuova configurazione tra Stato e cittadini, tra Stato e società civile, incentrata non più sul paternalismo dello stato moderno bensì sul principio di sussidiarietà, quale fondamento e propulsore del passaggio dal Welfare State a quella che potremmo definire Welfare Community ( o Welfare society ).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione In questi ultimi decenni si sta manifestando sempre di più una sorta di cultura del denaro: investire bene e a fin di bene. Il desiderio è di realizzare qualcosa che vada contro la logica corrente di gestione del denaro e del risparmio, per concretizzare comportamenti e programmi operativi veramente utili alla società e allo sviluppo equilibrato e sostenibile. Il clamore che le vicende di scandali finanziari hanno suscitato negli ultimi anni ha avuto infatti come conseguenza l’impulso a considerare l’impresa sotto un profilo già noto, ma probabilmente ancora poco sviluppato: quello dell’etica. Di etica si può parlare a diversi livelli, da quelli più filosofici e metafisici, a quelli che si collocano maggiormente nella sfera della concretezza e dell’impatto che sortiscono sull’impresa. L’interesse che ci muove in questo campo è piuttosto quello concreto, che mira alla valutazione del comportamento dell’impresa, in un’ottica di miglioramento delle pratiche aziendali. Si entra di conseguenza, e per la necessità di delimitare il campo d’azione di questa trattazione, nell’ambito della Responsabilità Sociale dell’Impresa (RSI) o della Corporate Social Responsibility (CSR), adottando una terminologia internazionale e generalmente riconosciuta. Alla luce di ciò, il comportamento che viene richiesto all’impresa è quello che viene definito socialmente responsabile, ove per ‘responsabilità sociale’ si considera non solo la responsabilità giuridica dell’impresa, ma una responsabilità che coglie aspetti più rilevanti e vasti e, soprattutto, che coinvolge ampie fasce di soggetti che, pur non essendo titolari di azioni (o di altro titolo che attribuisca un diritto alla partecipazione nella impresa costituita in forma societaria), vantano un interesse di fatto a partecipare alla gestione dell’impresa stessa (stakeholder). Tale categoria risulta essere piuttosto eterogenea, in quanto è comprensiva sia di soggetti che hanno un rapporto contrattuale con l’impresa (consumatori, fornitori, dipendenti), sia di soggetti che non sono legati a quest’ultima da un rapporto specifico, come la comunità nella quale opera l’impresa o lo stesso Stato. A tal proposito è bene ricordare che il modello di Welfare State sembra ormai aver esaurito la sua spinta propulsiva; emerge una nuova configurazione tra Stato e cittadini, tra Stato e società civile, incentrata non più sul paternalismo dello stato moderno bensì sul principio di sussidiarietà, quale fondamento e propulsore del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cause related marketing
corporate philantropy
crm
csr
economia aziendale
economia e gestione delle imprese
filantropia
fundraising
il caso
responsabilità sociale d'impresa
rsi
welfare society
welfare state

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi