Skip to content

La comunicazione politica riformista dai ''modernisers'' di Blair al ''presidente yuotube'': la vittoria di Obama

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Candussio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Francesco Pira
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

La materia protagonista di questa tesi è la comunicazione politica. Dopo un'introduzione teorica della disciplina e l'analisi della sua situazione attuale, il lavoro si focalizza principalmente su due esperimenti: quello dei "modernisers" di Tony Blair prima, quello dei democratici di Obama poi. Nell'analisi dei due casi si mettorno in luce analogie e differenze, strumenti e logiche di funzionamento. Una buona parte della tesi è poi dedicata al ruolo avuto dai social network nella campagna vincente di Obama. L'obiettivo, raffrontato poi con la situazine italiana, è di analizzare le ultime frontiere della comunicazione politica ponendola in relazione con i modermi mezzi di comunicazione e le nuove tecnologie in una concezione innovativa che è sintesi de comunicazione pubblicitaria e marketing a scopo elettorale. Fondamentale per questo lavoro era contestualizzare i vari esperimenti politici analizzati, differenze di sistema politico, di partiti, di momento storico e di composizione dell'elettorato potevano facilmente sfociare in banali errori metodologici. Per questo è ampio il ricorso storico per spiegare gli avvenimeti salienti di ventanni di avvenimenti politici e di sviluppo della comunicazione politica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Gli ultimi anni sono stati protagonisti di numerosi avvenimenti molto importanti a livello politico mondiale, dall’11 settembre, alla guerra al terrorismo afgano e iracheno, alla crisi economica; tutti avvenimenti questi che, in vario grado, hanno contribuito a destabilizzare tutto l’equilibrio politico mondiale contraddistinto anche da un cambio per quanto riguarda le proprie sfere di influenza, dove Cina ed India si stanno facendo prepotentemente sentire come nuove potenze reali e dove gli Stati Uniti e l’Europa sentono il bisogno di una riorganizzazione necessaria per rimanere al passo. In questo contesto, all’inizio del novembre 2008, si è poi verificato un altro avvenimento di importanza cruciale, anche perché senza precedenti: l’elezione alla Casa Bianca di Barack Hussein Obama, il primo presidente nero degli Stati Uniti d’America. Dopo otto anni di amministrazione Bush, l’America di fatto cambia rotta e lo fa nel modo più deciso, scegliendo un leader con poca esperienza politica, ma con una storia incredibile alle spalle, un politico riconosciuto per il suo contributo alla comunità, un uomo che sa parlare con le persone e che soprattutto sa ascoltarle. L’elezione di Obama è solo la fine di un processo che ha coinvolto i partiti riformisti più importanti del mondo, a partire da Bill Clinton e dall’esperienza democratica iniziata con la vittoria elettorale del 1992, per poi passare ai laburisti di Tony Blair, due esempi di partiti di sinistra che hanno saputo svolgere il ruolo di innovatori e di “modernizzatori” in un quadro che vedeva le forze politiche di sinistra del tempo in netta difficoltà vista la recente caduta dell’Unione Sovietica e il vuoto ideologico da essa lasciato nell’elettorato. Un percorso dunque, che parte da questi primi esempi di leader politici che seppero riorganizzare prima dall’interno i propri partiti e poi estendere il loro intento riformista alla società, e che seppero altresì, dopo un periodo praticamente dominato dai partiti conservatori, riallineare la loro azione politica con le aspirazioni degli elettori. In particolare, Blair e Obama, rappresentano a mio avviso due esperienze che, poggiate su una solida base valoriale di partenza, si sono trasformate in concrete esperienze di governo capaci di rovesciare una logica che vedeva il partito Laburista britannico e quello Democratico americano, relegati da tempo ai margini della politica. Come detto, 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi