Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il reddito minimo d'inserimento nel sistema nazionale di protezione sociale. I casi di Catania e di Enna ed una proiezione per la provincia di Ragusa. Aggiornamento: Esiti del primo biennio di sperimentazione dell'Rmi

Sempre più va affermandosi nel nostro paese un nuovo modo di costruire, progettare ed implementare le politiche sociali. La più recente normativa sul tema ha, infatti, promosso approcci per importanti aspetti innovativi, che obbligano chi opera nel sociale a confrontarsi con modalità inedite di pensare, operare, programmare.
Una prima dimensione di novità è rappresentata da una maggiore complessità.
Molto più che in passato le politiche sociali sono politiche complesse, sia dal punto di vista dei contenuti che da quello dei processi di costruzione.
Centrale in questo senso è la dimensione di “piano” che le caratterizza. Agire in una ottica di piano significa privilegiare la trasversalità e promuovere connessioni fra ambiti e settori di intervento tradizionalmente separati; significa assumere una visione strategica nella progettazione degli interventi promovendo la costruzione di obiettivi complessivi condivisi che diano senso e direzione alle singole azioni settoriali, in cui l’interazione fra i differenti interventi produca un effetto moltiplicatore in termini di esiti e risultati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Le nuove politiche sociali 1.1 Introduzione Sempre più va affermandosi nel nostro paese un nuovo modo di costruire, progettare ed implementare le politiche sociali. La più recente normativa sul tema 1 ha, infatti, promosso approcci per importanti aspetti innovativi, che obbligano chi opera nel sociale a confrontarsi con modalità inedite di pensare, operare, programmare. Una prima dimensione di novità è rappresentata da una maggiore complessità. Molto più che in passato le politiche sociali sono politiche complesse, sia dal punto di vista dei contenuti che da quello dei processi di costruzione. Centrale in questo senso è la dimensione di “piano” che le caratterizza. Agire in una ottica di piano significa privilegiare la trasversalità e promuovere connessioni fra ambiti e settori di intervento tradizionalmente separati; significa assumere una visione strategica nella progettazione degli interventi promovendo la costruzione di obiettivi complessivi condivisi che diano senso e direzione alle singole azioni settoriali, in cui 1 I riferimenti principali sono alla L. 285/1997, Diritti ed opportunità per l’infanzia ed adolescenza, che ha segnato l’avvio di questo processo di innovazione, la L. 45/1999, Fondo nazionale di lotta alle tossicodipendenze, e la L. 328/2000, Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Franca Barone Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 308 click dal 14/10/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.