Skip to content

La disciplina delle Controlled Foreign Companies (CFC): profili sostanziali e procedimentali

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Dall'asta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Melis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 392

Il presente lavoro si presenta come un'analisi dettagliata e aggiornata, sia dal punto di vista giuridico che economico, della disciplina sulle "controlled foreign companies", nell'ambito nazionale, anche alla luce delle modifiche introdotte dal d.l. 78/2009 ("decreto aniticrisi"), ed internazionale.
Partendo da concetti fondamentali come elusione,evasione e pianificazione fiscale internazionale, che rappresentano lo sfondo nel quale l'argomento trattato si inserisce, essendo la disciplina sulle partecipate estere, sicuramente, una delle direzioni verso cui si muovono gli strumenti per neutralizzare l'erosione di base imponibile nazionale che avviene attraverso la sistematica delocalizzazione degli investimenti all'estero da parte di un soggetto residente, il lavoro in oggetto si snoda nel descrivere dettagliatamente, da una parte, la disciplina cfc italiana, sottolineandone gli aspetti fondamentali (genesi, evoluzione nel tempo fino ai più recenti aggiornamenti in precedenza richiamati, analisi dettagliata degli aspetti soggettivi e oggettivi della disciplina in materia si società controllate e collegate estere, il credito d'imposta, la doppia imposizione economica, i regimi fiscalmente privilegiati...) e la disciplina sull'interpello e il rapporto tra il trust e la cfc (cui sono dedicati due capitoli separati) e, dall'altra parte, i profili internazionalistici e comunitari della materia in esame: si analizzano le diverse discipline estere che adottano, nel loro ordinamento fiscale, una disciplina cfc (tra cui l'ambito statunitense,francese,tedesco,inglese,portoghese,svedese,danese,spagnolo...), al fine di rendere un paragone tra loro e con la nostra normativa adottata; si analizzano i diversi rapporti Ocse aventi ad oggetto la cfc legislation, i rapporti che le cfc rules hanno con le convenzioni internazionali e con il diritto comunitario attraverso l'esame della loro compatibilità con le libertà fondamentali di stabilimento e circolazione di capitali, concludendo con l'importantissima sentenza Cadbury Schweppes, che rappresenta un punto fermo in materia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Negli ultimi cinquant'anni, i processi di globalizzazione e di evoluzione dei sistemi di comunicazione, l'intensificarsi del commercio internazionale e l'apertura delle frontiere, hanno portato un aumento significativo delle pratiche elusive e, di conseguenza, ad una consistente perdita di gettito tributario ad opera del trasferimento delle basi imponibili verso Paesi fiscalmente più vantaggiosi. È proprio per questo motivo che, nel corso degli ultimi anni, i governi dei Paesi più industrializzati hanno concentrato la loro attenzione sulle manovre generalmente utilizzate dai contribuenti per localizzare le attività cd. “mobili altamente profittevoli” (inter alia attività finanziarie) in giurisdizioni caratterizzate dalla presenza di regimi fiscali agevolati o di incentivi che consentono un livello d’imposizione dei redditi significativamente ridotto; attenzione che si è concretizzata, effettivamente, nell'introduzione, in ciascun regime fiscale nazionale, di un elevato numero di norme intese a limitare pratiche che possono comportare erosioni di “basi imponibili”. Il Codice di Condotta del 1997, a livello comunitario, e il Rapporto OCSE del 1998 (Harmful Tax Competition: An emerging global issue) 1 , a livello internazionale, suggerivano ed erano finalizzati alla creazione di una piattaforma comune per combattere la “concorrenza fiscale dannosa” svolta da alcuni Paesi a scapito di altri 2 . Tra le misure auspicate a livello internazionale, un ruolo primario sembra essere affidato alla normativa comunemente conosciuta come Controlled Foreign Company (di seguito “CFC”), che riflettono quell'esigenza degli Stati di combattere unilateralmente il ricorso alla costituzione di società in giurisdizioni a bassa tassazione da parte di soggetti residenti. Anche il legislatore italiano, come si evince chiaramente dalla lettura della 1 Quest'ultimo ha tracciato il modello della CFC legislation che gli Stati membri dell'OCSE dovrebbero adottare, sulla base delle Raccomandazioni fornite, secondo due distinte fasi: la prima prevede, per gli Stati che ne risultino sprovvisti, l'introduzione della normativa interna in materia di CFC; la seconda, prevista per gli Stati nei quali è in vigore una normativa CFC, richiede l'applicazione della stessa alle cd. “pratiche fiscali dannose”. 2 Per un esame più approfondito si confronti il capitolo sesto del presente lavoro. 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

167 tuir 168 tuir
black list
cadbury schweppes
cfc
codice di condotta
controlled foreign companies
convenzioni internazionali
credito d'imposta
decreto anticrisi
direttiva madre-figlia
doppia imposizione
elusione fiscale
evasione fiscale
imputazione per trasparenza
interpello
libera circolazione dei capitali
libertà di stabilimento
ocse
paradisi fiscali
società controllate e collegate
trust
white list

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi