Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Finzione d'identità in Jacques Lacan

La presente tesi tratta la finzione d’identità nell’ambito del pensiero di Jacques Lacan. Mi sono quindi proposta di seguirne gli sviluppi a partire dal primo periodo del pensiero di Lacan - al quale risale la teorizzazione dello stadio dello specchio in quanto paradigma della costituzione dell’identità nell’essere umano, fino agli esiti ultimi della sua riflessione, passando attraverso la scoperta dell’Altro quale luogo del simbolico. La relazione tra il soggetto e l’Altro, che tradizionalmente viene affrontata attraverso la struttura del linguaggio, viene in questa tesi affrontata a partire dalle riflessione di Lacan riguardo la percezione e lo sguardo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 AVVERTENZA Questo lavoro tratta della finzione d’identità nell’ambito del pensiero di Jacques Lacan. Nonostante questo tema sia sempre presente nell’opera lacaniana, esso passa facilmente in secondo piano rispetto all’attenzione rivolta all’inconscio; mi sono quindi proposta di seguirne gli sviluppi a partire dal primo periodo del pensiero di Lacan - al quale risale la teorizzazione dello stadio dello specchio in quanto paradigma della costituzione dell’identità nell’essere umano, fino agli esiti ultimi della sua riflessione, passando attraverso la scoperta dell’Altro quale luogo del simbolico. La relazione tra il soggetto e l’Altro, che tradizionalmente viene affrontata attraverso la struttura del linguaggio, viene in questa tesi affrontata a partire dalle riflessione di Lacan riguardo la percezione e lo sguardo. Non si vuole ovviamente rinnegare una tematica centrale all’interno del pensiero di Lacan quale è appunto quella del linguaggio, quanto piuttosto volgere l’attenzione verso l’esperienza affettiva e percettiva nel ruolo fondamentale che essa svolge nel determinare l’incontro del soggetto con l’Altro (e con gli altri). A tale proposito nel secondo capitolo del presente lavoro viene sviluppato un confronto tra la psicoanalisi lacaniana e la fenomenologia di Merleau-Ponty al fine di metterne in luce le analogie e i possibili punti d’incontro. L’ultima parte della tesi è volta a dare nuova luce al tema dell’identità a partire dagli sviluppi che il pensiero lacaniano prende nel corso delle opere successive. Il risultato che tale percorso comporta, consiste in una nuova e differente presa di posizione del soggetto nei confronti della finzione d’identità.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Arcelli Fontana Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1749 click dal 17/04/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.