Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’ADHD: Connotazioni del disturbo e dei trattamenti

Nella pratica clinica, com’è possibile rivelare da numerose ricerche effettuate in anni recenti, l’ADHD è una delle patologie maggiormente riscontrate nei bambini. Il bambino con ADHD è un bambino da definirsi come “diverso” già nel periodo dopo la nascita sia per la modulazione del livello di eccitazione sia per il controllo inibitorio che per la regolazione dell’attenzione. Sono i genitori, in primis, che iniziano a vedere degli atteggiamenti strani nel proprio figlio, come ad esempio il tentativo di organizzare le sue abitudini alimentari o le ore di riposo; tutti questi problemi si riscontrano anche in ambito scolastico in cui però, il più delle volte, si attribuisce erroneamente al bambino un disturbo dell’apprendimento tendendo così a “correggere gli errori” da un punto di vista comportamentale senza comprendere la patologia.
Studiare il disturbo dell’ADHD può aiutare non solo ad effettuare una adeguata diagnosi ma anche a comprendere il disturbo che sperimentano i bambini che soffrono di questa patologia, i loro genitori e i loro insegnanti; inoltre il comprendere tale disturbo può fornire indicazioni utili sulle modalità dei bambini di adattamento all’ambiente e di interazione con gli altri. Il presente lavoro ha anzi tutto l’obiettivo di approfondire e esplicitare da un punto di vista teorico il tema del disturbo dell’ADHD.
Il lavoro si articola in due capitoli. Nel primo capitolo esplicito che cos’è l’ADHD: natura, caratteristiche (inattenzione, impulsività e iperattività), eziologia e vari disturbi associati (comorbidità o diagnosi differenziale). Mi soffermo inoltre sulle varie procedure diagnostiche per spiegare i passaggi relativi alla presa di coscienza del disturbo da parte dei genitori, del bambino e degli insegnanti. Nel secondo capitolo presento alcune delle terapie maggiormente utilizzate (terapie non farmacologiche: cognitivo-comportamentale, partent-trainig e tecniche d’intervento a scuola; terapie farmacologiche: metilfenidato e atomoxetina) al fine di comprendere le possibili soluzioni di intervento.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Marta Mazzoni Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6195 click dal 07/05/2010.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.