Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I grandi eventi come occasione di riposizionamento di marketing. Verso Milano Expo 2015.

La crescente competizione territoriale che si sta sviluppando negli ultimi decenni e che ha messo in luce i concetti di city brand, di identità della città e del suo posizionamento di marketing da una parte, e la tendenza ad utilizzare i grandi eventi come leve strategiche di city marketing dall’altra, sono le basi di questa ricerca.
Questo lavoro si propone si analizzare l’utilizzo strategico di un mega evento al fine di rafforzare l’identità della città dal punto di vista dei cittadini e dal punto di vista di coloro che della città non fanno parte, di proporre internazionalmente un city brand coerente con l’identità stessa, unico e competitivo.
Il contesto empirico della ricerca è l’Expo 2015, proponendosi di individuare come la città di Milano si stia preparando all’evento e come stia pianificando la gestione dell’opportunità di riposizionamento di marketing che L’Expo rappresenta. A tal fine, verranno analizzate l’attuale identità, immagine e posizionamento della città, come punto di partenza, verranno individuate le criticità e i punti di forza di questa prima fase di progetto Expo che la città sta vivendo, per poi individuare il giusto processo di che Milano deve seguire e i punti chiave a cui prestare attenzione affinchè l’Expo 2015 si riveli opportunità relae di un nuova competitività duratura.
Tale analisi sarà sviluppata sulle importanti considerazioni che si otterranno dalla precedente osservazione di casi empirici di riposizionamento di marketing di una città dopo un mega evento, precisamente verrà analizzato un caso nazionale, Torino 2006, e due casi internazionali, Sydney 2000 e Saragozza 2008, seguendo uno scheletro analitico volto ad individuare i fattori chiave di successo, gli errori, e gli insegnamenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Premessa Metodologica La crescente competizione territoriale che si sta sviluppando negli ultimi decenni e che ha messo in luce i concetti di city brand, di identità della città e del suo posizionamento di marketing da una parte, e la tendenza ad utilizzare i grandi eventi come leve strategiche di city marketing dall’altra, sono le basi di questa ricerca. Questo lavoro si propone si analizzare l’utilizzo strategico di un mega evento al fine di rafforzare l’identità della città dal punto di vista dei cittadini e dal punto di vista di coloro che della città non fanno parte, di proporre internazionalmente un city brand coerente con l’identità stessa, unico e competitivo. Il contesto empirico della ricerca è l’Expo 2015, proponendosi di individuare come la città di Milano si stia preparando all’evento e come stia pianificando la gestione dell’opportunità di riposizionamento di marketing che L’Expo rappresenta. A tal fine, verranno analizzate l’attuale identità, immagine e posizionamento della città, come punto di partenza, verranno individuate le criticità e i punti di forza di questa prima fase di progetto Expo che la città sta vivendo, per poi individuare il giusto processo di che Milano deve seguire e i punti chiave a cui prestare attenzione affinchè l’Expo 2015 si riveli opportunità relae di un nuova competitività duratura. Tale analisi sarà sviluppata sulle importanti considerazioni che si otterranno dalla precedente osservazione di casi empirici di riposizionamento di marketing di una città dopo un mega evento, precisamente verrà analizzato un caso nazionale, Torino 2006, e due casi internazionali, Sydney 2000 e Saragozza 2008, seguendo uno scheletro analitico volto ad individuare i fattori chiave di successo, gli errori, e gli insegnamenti.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Federica Giarrizzo Contatta »

Composta da 272 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6567 click dal 09/02/2010.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.