Skip to content

Manipolazione di cellule mediante dielettroforesi: nuove applicazioni nella tecnologia “Lab-on-a-chip”

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Tedesco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Biologia
  Relatore: Tiziano Verri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

L’odierno sviluppo della tecnologia Lab-on-a-chip (LOAC) sta riscuotendo notevole successo in vari ambiti scientifici e di ricerca, dall’oncologia predittiva alla diagnostica biomedica, dallo studio di farmaci alla ricerca in biologia cellulare. Sulla base del fenomeno fisico della dielettroforesi (DEP) sono stati costruiti dispositivi LOAC in grado di manipolare microsfere, microrganismi e cellule eucariotiche, con una risoluzione di singola bioparticella, cioè ad un livello di selettività e specificità pressoché massimo. Ciò ha consentito di superare molti dei limiti (risolutivi, temporali, economici e pratici) della strumentazione attualmente presente sul mercato e finalizzata alla manipolazione di cellule.
Le capacità dei biochip a base dielettroforetica sono enormi. In questo lavoro di tesi sono state esaminate le potenzialità applicative del dispositivo dielettroforetico DEPArray™ (prodotto da Silicon Biosystem s.p.a., Bologna, Italia), un biochip che, grazie alle sue peculiarità costruttive e strutturali, sembra essere idoneo allo sviluppo di nuovi protocolli sperimentali e metodologie per la movimentazione selettiva di cellule eucariotiche.
In particolare, in questo lavoro di tesi sono state messe a punto metodiche e protocolli sperimentali finalizzati alla: a) movimentazione selettiva di cellule tra compartimenti; b) eliminazione selettiva di cellule; c) manipolazione e rivelazione selettiva di cellule sanguigne.
In riferimento alla movimentazione di cellule tra compartimenti, è stato messo a punto un protocollo sperimentale di lavaggio ed incubazione di cellule in assenza di centrifugazione e con risoluzione di singola cellula (definito flow-less centrifugation-free washing and incubation). Inoltre, in riferimento alla possibilità di eliminare selettivamente singole cellule da una popolazione cellulare di grandi dimensioni, è stata determinata l’effettiva applicabilità della dielettroforesi ad alta frequenza nella lisi cellulare selettiva. Infine, in riferimento alla manipolazione e rivelazione di cellule sanguigne, è stato studiato il comportamento dielettroforetico di eritrociti, piastrine e linfociti/monociti. In particolare, è stato dimostrato che tali cellule del sangue possono essere mosse secondo tempi e modalità differenti sotto le stesse condizioni dielettroforetiche di voltaggio. Infine, utilizzando le informazioni derivanti dall’analisi dei segnali ottici acquisiti mediante appositi biosensori integrati nel DEPArray™, è stato possibile determinare sostanziali differenze nelle tre popolazioni di eritrociti, piastrine e linfociti/monociti sulla base di alcuni parametri di misura, come la variazione del livello di grigio (∆ grey level), il tempo di attraversamento del sensore da parte della cellula (∆t crossing) ed il tempo intercorrente fra l’inizio dell’acquisizione del segnale e il raggiungimento del picco massimo (T peak). Questo risultato è particolarmente interessante in quanto essenziale per la messa a punto di un sistema di rilevazione qualitativo e quantitativo per la identificazione e diversificazione dei vari tipi cellulari sanguigni. In prospettiva, tale risultato apre la strada all’allestimento di un LOAC per rapide ed economiche analisi emocitometriche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 3 1. INTRODUZIONE L'avvento della tecnologia “Lab-on-a-chip” (abbreviato con LOAC 1 ) (Chovan e Guttman, 2002; Kricka, 2001) assicura il realizzabile controllo della manipolazione di singoli oggetti biologici, tra cui acidi nucleici, proteine, cellule, ecc. (Mouradin, 2002; Burns et al., 1996; Dill et al., 2001; Fuchs et al., 2002; Lockhart e Winzler, 2000; Sanders e Manz, 2000; Schena et al., 1998; Swanson et al., 2000; Thewes et al., 2002; Xue et al., 2002; Xu et al., 2003; Mastrangelo et al., 1998), superando i limiti dei metodi attuali. Tale tecnologia si propone di mettere a punto test di laboratorio da trasferire soprattutto ad ambienti “non laboratoristici” (Weigl e Hedine, 2002) (Fig. 1.1). Fig. 1.1. Attuale utilizzo della tecnologia “Lab-on-a-chip”. Le percentuali indicate si riferiscono alle quote attuali di produzione dei biochips. Nell’ambito di questo settore, la messa a punto di sistemi per la micromanipolazione di cellule costituisce un obiettivo rilevante, soprattutto in funzione della sua applicabilità in molti campi quali diagnosi, ricerca biomedica, caratterizzazione fenotipica e sviluppo di farmaci (Gambari et al., 2003). Ancor più interessante è, in questo contesto, la possibilità di micromanipolare singolarmente una cellula. Infatti, le poche tecniche di laboratorio utilizzate ad oggi per la manipolazione individuale di cellule (come, ad esempio, la microdissezione e la diluizione limite) sono lunghe, laboriose e spesso non applicabili a tutti i tessuti di interesse. Sotto il profilo della manipolazione cellulare, la tecnologia LOAC, che concentra la miniaturizzazione di un numero complesse di procedure chimiche e/o fisiche in una singola piattaforma disposta su un microchip, rappresenta in prospettiva una risorsa molto interessante (Manaresi et al., 2003) (Fig. 1.2). 1 letteralmente tradotto come “Laboratorio su un Chip”, è stato coniato per designare strumenti di dimensioni ridottissime in grado di effettuare analisi di laboratorio direttamente sulla superficie di un singolo circuito integrato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biochip
dielettroforesi
flow-less centrifugation-free washing and incubati
lab on a chip
lavaggio ed incubazione di cellule in assenza di c
lisi cellulare selettiva
loac

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi