Skip to content

Il problema del lavoro minorile: dall'approccio abolizionista a quello pragmatico

Informazioni tesi

  Autore: Cecilia Luppichini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Francesco Volpi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

Il lavoro minorile è antico quanto l’umanità; in tutte le epoche e in tutte le società, infatti, i bambini, soprattutto appartenenti alle classi economicamente più deboli, sono stati utilizzati per lavori propri degli adulti senza peraltro che il fenomeno assumesse una connotazione negativa. Il suo emergere come problema sociale risale infatti solo al XVIII e XIX secolo quando, in Europa con l’avvento della Rivoluzione Industriale, numerosi bambini cominciarono ad essere occupati nel neonato settore industriale. Il primo paese che dovette fare i conti con tale problema fu la Gran Bretagna, in cui il livello di occupazione minorile fu più elevato che in ogni altro paese passato e presente, e che, in seguito anche ad una forte pressione dell’opinione pubblica nazionale, fu anche il primo Stato ad elaborare atti legislativi volti a combattere il problema. Si ridussero così gradualmente le ore di lavoro e si migliorarono le condizioni lavorative, fu innalzata l’età di accesso al lavoro e introdotta l’istruzione obbligatoria per i bambini (Factory Act 1878). Il diffondersi del sistema industriale estese il fenomeno e, insieme, il dibattito sulla sua legittimità (favorito dalla mutata sensibilità sociale), anche negli altri paesi europei e negli Stati Uniti i quali, nel giro di un secolo, adottarono politiche analoghe a quelle della Gran Bretagna.
Il periodo di attivismo e di progresso economico che si è avuto nel XIX e nel primo XX secolo, vide una rapida e decisa riduzione del lavoro minorile nelle nazioni industrializzate. A partire da allora, il mondo ha assistito ad una generale crescita economica e ad una relativa prosperità che, sebbene concentrate essenzialmente negli ultimi anni, sono andate oltre l’immaginario collettivo. Ciò nonostante, il lavoro minorile rimane un fenomeno ancora estremamente diffuso nel mondo, con un totale stimato di bambini lavatori pari a circa 217 milioni . Ciò è dovuto al fatto che, col diffondersi dell’industrializzazione, il lavoro minorile, negli anni più recenti, si è esteso ai Paesi in Via di Sviluppo, accentuando un fenomeno già esistente e raggiungendo livelli di intensità e gravità inauditi.
In parte a causa della difficoltà di raccogliere dati sul lavoro minorile e in parte per i forti legami che esso intreccia con altri aspetti (sociali, economici, culturali), le dimensioni del fenomeno sono rimaste per lungo tempo sconosciute. Negli anni Ottanta, in seguito all’approvazione della Convenzione ONU sui Diritti Fondamentali dell’Infanzia (1989) e ad un insieme di fattori che vanno dalla globalizzazione all’incremento nella raccolta di dati statistici da parte dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), della Banca Mondiale e delle singole nazioni, il mondo ha preso coscienza del fatto che, da un punto di vista mondiale, la situazione del lavoro minorile non era molto migliore di quella che si era avuta in Europa durante la Rivoluzione Industriale. Un gran numero di bambini dei Paesi in Via di Sviluppo, infatti, lavora in industrie o botteghe artigiane, nelle strade e in attività squallide e pericolose per la loro salute e il loro benessere.
Il problema del lavoro minorile quindi, da essere una questione di interesse regionale e nazionale è passato ad essere una questione di rilevanza internazionale. Questo ha avuto due effetti principali. Da una parte l’attenzione internazionale crescente ha favorito la proliferazione di ricerche e studi sul lavoro minorile che hanno migliorato la comprensione del fenomeno e degli effetti dei diversi interventi volti a combatterlo. Dall’altra essa, negli anni più recenti, ha favorito l’affermarsi di nuovi attori (ONG e associazioni che operano sul campo, organizzazioni di bambini lavoratori,ecc…), che hanno introdotto nel dibattito internazionale sul lavoro minorile informazioni, idee e prospettive finora ignorate o non disponibili, rendendolo più complesso e articolato e generando però anche non poche perplessità e contrasti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il lavoro minorile è antico quanto l’umanità; in tutte le epoche e in tutte le società, infatti, i bambini, soprattutto appartenenti alle classi economicamente più deboli, sono stati utilizzati per lavori propri degli adulti senza peraltro che il fenomeno assumesse una connotazione negativa. Il suo emergere come problema sociale risale infatti solo al XVIII e XIX secolo quando, in Europa con l’avvento della Rivoluzione Industriale, numerosi bambini cominciarono ad essere occupati nel neonato settore industriale. Il primo paese che dovette fare i conti con tale problema fu la Gran Bretagna, in cui il livello di occupazione minorile fu più elevato che in ogni altro paese passato e presente, e che, in seguito anche ad una forte pressione dell’opinione pubblica nazionale, fu anche il primo Stato ad elaborare atti legislativi volti a combattere il problema. Si ridussero così gradualmente le ore di lavoro e si migliorarono le condizioni lavorative, fu innalzata l’età di accesso al lavoro e introdotta l’istruzione obbligatoria per i bambini (Factory Act 1878). Il diffondersi del sistema industriale estese il fenomeno e, insieme, il dibattito sulla sua legittimità (favorito dalla mutata sensibilità sociale), anche negli altri paesi europei e negli Stati Uniti i quali, nel giro di un secolo, adottarono politiche analoghe a quelle della Gran Bretagna. Il periodo di attivismo e di progresso economico che si è avuto nel XIX e nel primo XX secolo, vide una rapida e decisa riduzione del lavoro minorile nelle nazioni industrializzate. A partire da allora, il mondo ha assistito ad una generale crescita economica e ad una relativa prosperità che, sebbene concentrate essenzialmente negli ultimi anni, sono andate oltre l’immaginario collettivo. Ciò nonostante, il lavoro minorile rimane un fenomeno ancora estremamente diffuso nel mondo, con un totale stimato di bambini lavatori pari a circa 217 milioni 1 . Ciò è dovuto al fatto che, col diffondersi dell’industrializzazione, il lavoro minorile, negli anni più recenti, si è esteso ai Paesi in Via di Sviluppo, accentuando un fenomeno già esistente e raggiungendo livelli di intensità e gravità inauditi. In parte a causa della difficoltà di raccogliere dati sul lavoro minorile e in parte per i forti legami che esso intreccia con altri aspetti (sociali, economici, culturali), le dimensioni del fenomeno sono rimaste per lungo tempo sconosciute. Negli anni Ottanta, in seguito all’approvazione della Convenzione ONU sui Diritti Fondamentali dell’Infanzia (1989) e ad un insieme di fattori che vanno dalla globalizzazione all’incremento nella raccolta di dati statistici da parte dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), della Banca Mondiale e delle singole nazioni, il mondo ha preso coscienza del fatto che, da un punto di vista mondiale, la situazione del lavoro minorile non era molto migliore di quella che si era 1 “The End of Child Labour: Within Reach” – International Labour Organization - Geneva 2006

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

child labour
lavoro minorile
sfruttamento lavoro minorile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi