Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione di Community Web, il Social Network come piattaforma di collaborazione

Col passare degli anni il Web ha subito importanti modifiche, ampliamenti, e allo stesso tempo è aumentata vertiginosamente la percentuale delle persone in grado di accedervi, questo evento implica sia una maggiore partecipazione alla vita delle community web sia una maggiore responsabilità da parte di quest’ultime al fine di sviluppare un coinvolgimento equilibrato.
Il processo di interazione tipico del social network avviene ogni volta che delle persone si connettono ad una rete di calcolatori, sia che questi individui abbiano intenzione di acquistare, vendere, collaborare o semplicemente discutere. Le community online, viste come gruppo di persone coinvolte in interazioni “many-to-many”, esistono quindi allorché individui con interessi comuni sono in grado di interagire tra di loro.

Queste interazioni esercitano un grande impatto sulle strategie di progettazione e le community possono costituire opportunità o minacce tanto impreviste quanto determinanti. Ma esiste una definizione esauriente di community? Con molta probabilità la propria definizione risulta differente da quella utilizzata da un concorrente o addirittura dai propri colleghi. In ogni caso è utile prendere in considerazione le definizioni che alcuni tra i più autorevoli autori del settore hanno proposto.
Le comunità online possono essere viste come “nuclei sociali che nascono nella Rete quando alcune persone partecipano costantemente a dibattiti pubblici e intessono relazioni interpersonali”: con questa frase Rheingold (1994) tenta di evidenziare la dimensione sociale delle relazioni che si instaurano all’interno dei social network.

Questo fenomeno consiste nella nascita di vere e proprie aggregazioni sociali che nascono quando un certo numero di persone porta avanti con coinvolgimento umano delle discussioni “elettroniche” abbastanza a lungo da formare reti di relazioni umane nel cyberspazio. In ogni caso il termine “community” presenta implicazioni e significati differenti a seconda del contesto. Il concetto assume numerose sfaccettature poiché descrive fenomeni di vario genere e per molte persone è anche dotato di una valenza emotiva. Pragmaticamente un social network può essere considerata un gruppo di persone che condividono lo stesso interesse o lo stesso fine e che hanno la possibilità di conoscersi sempre meglio nel corso del tempo. Il fatto che si possano conoscere sempre meglio implica un meccanismo di identità e comunicazione, mentre il fine o l’interesse costituisce la ragione che le persone hanno per parteciparvi. E ovviamente più il fine si avvicina alle vere necessità degli utenti più le chance di successo di una community saranno elevate. In generale quindi, una comunità può essere descritta come un intreccio di relazioni sociali tenute insieme da circostanze intenzionali, quando l’appartenenza comunitaria e il sentirsi parte di un gruppo viene cercata in base ad interessi condivisi, oppure da circostanze non intenzionali.

Il concetto di comunità resta quindi fondamentale, sia che si prenda in considerazione una collettività di persone tenute assieme da relazioni personali dirette, forti valori comuni, sentimenti di solidarietà e riconoscimento reciproco, sia considerando una collettività basata su interessi contingenti e momentanei, professionalizzazione o interesse individuale. In seguito a queste considerazioni generiche occorre quindi chiedersi se una rete di persone connesse soltanto tramite delle parole e dei messaggi possa effettivamente costituire una comunità. Da un lato è importante a questo proposito prendere in considerazione gli aspetti positivi, i vantaggi che possono derivare agli individui dallo sviluppo delle nuove tecnologie e dalla creazione di web social network. Gli aspetti vantaggiosi tipici delle web community sono molteplici: in Rete è possibile individuare persone che condividono i nostri interessi, quindi individui disposti a parlare di qualsiasi argomento provenienti da qualsiasi parte del mondo. Inoltre le comunità online permettono un tipo di comunicazione che trascende tempo e spazio e che abbatte quindi le barriere comunicative eliminando pregiudizi culturali o legati alla fisicità.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE ____________________________________________________________________________________ "If you have an apple and I have an apple and we exchange these apples then you and I will still each have one apple. But if you have an idea and I have an idea and we exchange these ideas, then each of us will have two ideas." George Bernard Shaw Il percorso universitario che scelsi pochi anni fa mi ha messo di fronte ad un “bizzarro” accostamento logico: le lingue straniere e le relative letterature affiancate da argomenti senz’altro meno umanistici, un’introduzione alle tecnologie dell’informazione e in particolare una focalizzazione sulle possibilità che la più nota rete globale offre. Valorizzando questo connubio “paradossale” di interessi, e in tutta sincerità volendo anche smentire coloro che li hanno definiti incompatibili, per arrivare all’approvazione di un progetto tecnologico mi pare opportuno partire da una citazione letteraria. In pochi versi, il poeta irlandese riesce ad esprimere ciò che rappresenta una prerogativa essenziale per il mio progetto e che a mio avviso da solo giustifica la creazione di una community web: l’istinto innato dell’uomo a comunicare, condividere, socializzare. L’uomo tende a socializzare per gli scopi più disparati e spesso questo atto è una necessità talmente forte da spingerlo a cercare la soluzione migliore per - 5 -

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Davide Barbieri Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6821 click dal 19/02/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.