Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori

L'elaborato, suddiviso in cinque capitoli, si propone l'obiettivo di esaminare la condizione giuridica del consumatore/investitore nel settore dei servizi finanziari commercializzati a distanza, cosi' come delineata dal diritto comunitario prima, e dal dirittto nazionale in seguito.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA La posizione del consumatore che stipula un contratto con un professionista riguardante servizi finanziari può essere sovente caratterizzata da una sudditanza psicologica e da una condizione di debolezza contrattuale che può manifestarsi sia dal punto di vista delle informazioni acquisibili, sia dal punto di vista delle scelte, ed infine, dal punto di vista del potere contrattuale e del controllo sull’operato del professionista stesso. Tale situazione risulta “aggravata” dal fatto che controparte del rapporto sono i quattro pilastri su cui si reggono i mercati finanziari: le banche, le assicurazioni, le imprese di investimento e gli operatori di fondi pensionistici. L’elaborato, suddiviso in cinque capitoli, si propone l’obiettivo di esaminare la condizione giuridica del consumatore/investitore nel settore dei servizi finanziari commercializzati a distanza, così come è stata delineata dal diritto comunitario prima, e dal diritto nazionale in seguito. Il primo capitolo ripercorre, sia a livello comunitario che a livello nazionale, le tappe fondamentali che hanno contribuito in maniera graduale alla formazione di una tutela del consumatore sempre più dettagliata e pregnante. Infatti, se originariamente gli interessi dei consumatori erano fatti oggetto di programmi e politiche specifiche e separate rispetto alle altre, progressivamente si riconosce a questi stessi interessi una posizione considerevole tanto da doverli necessariamente controbilanciare, per un migliore e corretto funzionamento del mercato, con gli altri interessi giuridicamente rilevanti. Questo capitolo si chiude con l’analisi del Codice del consumo – il d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206 – e recenti modifiche intervenute sullo stesso, con particolare attenzione a quello che sarà il tema centrale dell’elaborato: l’inserimento all’interno del sopracitato codice, agli artt. 67-bis ss., del d.lgs. 19 agosto 2005, n. 190 concernente la commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Beatrice Cruccolini Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3205 click dal 23/02/2010.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.