Skip to content

Metodi per l'auto-orientamento di immagini digitali

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Baldi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Informatica
  Relatore: Raimondo Schettini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

Negli ultimi anni la grande diffusione di dispositivi quali fotocamere digitali, cellulari di ultima generazione e scanner ha portato l’utente medio a gestire un numero considerevole di immagini digitalizzate. L’organizzazione, l’archiviazione e la condivisione di questi nuovi album fotografici ha assunto conseguentemente una crescente importanza che ha portato numerosi centri di ricerca a occuparsi di questi temi. La maggior parte dei software progettati allo scopo hanno la necessità di risolvere un problema che risulta vitale per eseguire qualsiasi successiva operazione: stabilire il corretto orientamento dell’immagine digitale, dove con “corretto orientamento” si intende l’orientamento nel quale si è svolta la scena catturata dall’immagine.
Attualmente questo intervento è eseguito manualmente dall’utente; un procedimento apparentemente immediato e poco impegnativo che però diventa gravoso alla luce del gran numero di immagini che sempre più spesso compongono gli album digitali. L’orientamento manuale sta diventando quindi con sempre maggiore frequenza una via sconveniente per affrontare il problema e di pari passo la necessità di un sistema automatico invisibile all’utente ha assunto un valore capitale.
Scopo di questa tesi è appunto l’analisi e la ricerca di un metodo risolutivo efficace per il suddetto problema, considerando raccolte di immagini orientate secondo quattro direttive principali, nello specifico 0°, 90°, 180° e 270°. Il primo passo è consistito in un’analisi rigorosa dei metodi per l’auto-orientamento già esistenti, soffermandosi in particolar modo su quelli più efficienti in termini di percentuale di successo nel riconoscimento del corretto orientamento e per facilità di implementazione. Successivamente è stato messo a punto un nuovo criterio, partendo da uno dei metodi precursori di questa recente area di ricerca, impostato sulle caratteristiche proprie dei momenti colore di un’immagine classificate tramite un framework Bayesiano. Il classificatore, rivelatosi poco efficiente nella fase di sperimentazione, è stato successivamente modificato tramite l’impiego di una Support Vector Machine (SVM) basata su kernel radiale. Il metodo messo a punto è stato poi testato su due grandi set di dati contenenti un’ampia varietà di immagini digitali in termini di composizione (illuminazione notturna o diurna, ecc.), locazione (interni/esterni) e soggetto (persone, edifici, paesaggi, ecc.), per un totale di quasi trentamila campioni, al fine di rilevarne l’accuratezza.
In primo luogo è stata eseguita una panoramica dei metodi attualmente esistenti per l’auto-orientamento delle immagini digitali, con particolare attenzione riservata agli approcci che sono alla base della soluzione proposta. I metodi sono stati affrontati in ordine strettamente cronologico così da evidenziare chiaramente l’evoluzione delle diverse soluzioni nel corso degli anni. Sono analizzati sia metodi che sfruttano segnali percettivi di alto livello e le relazioni semantiche fra le parti dell’immagine, sia i sistemi che utilizzano caratteristiche di basso livello, come quello proposto dalla tesi.
In seguito si è studiato un nuovo approccio all’auto-orientamento creato a partire dalle ricerche precedenti. Si è partiti da una definizione formale del concetto di “momento colore”, per poi analizzare nello specifico la tecnica di vettorizzazione e normalizzazione delle immagini impiegata. È stato poi predisposto un framework Bayesiano, più precisamente un classificatore Linear Vector Quantization (LVQ), pensato e addestrato per una classificazione preliminare. Successivamente è stato progettato un nuovo classificatore SVM che ha sostituito il precedente in virtù della sua maggiore precisione in fase di testing.
Ottenuto un classificatore affidabile si è provveduto a testarlo approfonditamente tramite l’impiego di diversi set di dati. I risultati ottenuti sono stati infine riordinati organicamente per meglio tracciare un quadro generale del criterio risolutivo proposto.
Al termine della ricerca è apparso chiaro come l’orientamento delle immagini digitali sia un’area di ricerca relativamente nuova e, al momento, aperta a più interpretazioni. In assenza di una soluzione univoca e vicina alla perfezione, l’algoritmo proposto ha comunque raggiunto un’accuratezza massima interessante, oscillante fra il 78% e l’82%, in rapporto ai diversi modelli utilizzati per l’addestramento dei modelli di classificatore SVM. Il problema rimane comunque di difficile soluzione a causa dell’enorme varietà di immagini possibili e della necessità di coniugare la precisione dell’algoritmo per l’orientamento a una velocità di esecuzione accettabile. L’approccio più efficiente per future ricerche sul tema si baserà con ogni probabilità su un'integrazione fra classificatori di basso livello, come quello proposto, e classificatori di alto livello preposti al riconoscimento e al conseguente orientamento sulla base di un’analisi semantica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Negli ultimi anni la grande diffusione di dispositivi quali fotocamere digitali, cellulari di ultima generazione e scanner ha portato l’utente medio a gestire un numero considerevole di immagini digitalizzate. L’organizzazione, l’archiviazione e la condivisione di questi nuovi album fotografici ha assunto conseguentemente una crescente importanza che ha portato numerosi centri di ricerca a occuparsi di questi temi. La maggior parte dei software progettati allo scopo hanno la necessità di risolvere un problema che risulta vitale per eseguire qualsiasi successiva operazione: stabilire il corretto orientamento dell’immagine digitale, dove con “corretto orientamento” si intende l’orientamento nel quale si è svolta la scena catturata dal dispositivo di acquisizione. Attualmente questo intervento è eseguito manualmente dall’utente; un procedimento apparentemente immediato e poco impegnativo che però diventa gravoso alla luce del gran numero di immagini che sempre più spesso compongono gli album digitali. L’orientamento manuale sta diventando quindi con sempre maggiore frequenza una via sconveniente per affrontare il problema e di pari passo la necessità di un sistema automatico invisibile all’utente ha assunto un valore capitale. Scopo di questa tesi è appunto l’analisi e la ricerca di un metodo risolutivo efficace per il suddetto problema, considerando raccolte di 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi