Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Presenza di escherichia coli produttori di verocitotossine associata a rotavirus in allevamenti bufalini

Lo scopo di questo studio è stato quello di isolare ed identificare in feci diarroiche di vitelli bufalini rotavirus e ceppi di E. coli produttori di tossine LT, VT e CNF. Precisamente sono stati raccolti 125 campioni di feci diarroiche di vitelli bufalini. Tutti i campioni sono stati sottoposti, per la ricerca di Rotavirus di gruppo A, ad un test immunocromatografico. Le indagini di isolamento batterico sono state effettuate seguendo protocolli standard e i ceppi di E. coli isolati sono stati tipizzati biochimicamente con il sistema API 20E. La produzione di tossine è stata testata su colture di cellule Vero e confermata adottando protocolli di PCR. Complessivamente, i ceppi oggetto di studio sono stati ottenuti da sette diversi allevamenti della provincia di Caserta nel periodo compreso tra Aprile 2001 e Gennaio 2004. I prelievi sono stati eseguiti sul 50% circa degli animali che manifestavano le patologie sopra indicate. La scelta dei campioni è stata effettuata a random.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La diarrea resta una delle principali cause di mortalità nei vitelli bufalini. La sua eziologia è complessa, ciò rende difficile la diagnosi e l‟applicazione di un trattamento adeguato. La scelta del trattamento deve essere basata sulla conoscenza anzitutto dell‟eziopatogenesi e della fisiopatologia dei disturbi diarroici. Per quanto riguarda l‟eziopatogenesi sappiamo che la superficie dell‟intestino è ricoperta da villosità tra le quali si trovano le cripte del Lieberkun. Le cripte sono costituite da cellule giovani, immature e la loro principale funzione è la secrezione. Le villosità, al contrario, sono provviste di cellule epiteliali mature provenienti dalla migrazione e differenziazione delle cellule delle cripte, esse sono perciò responsabili dei fenomeni di digestione ed assorbimento. Nell‟intestino tenue normale, l‟assorbimento dei villi è maggiore della secrezione delle cripte e ne risulta perciò un assorbimento netto. La diarrea si verifica quando un agente patogeno o un‟altra causa modificano il normale funzionamento dell‟intestino. Generalmente si distinguono le diarree di origine infettiva da quelle non infettive. ξ Le diarree di origine infettiva sono dovute a colibacilli considerati responsabili della maggior parte delle infezioni

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Patrizia Ioime Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1164 click dal 09/03/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.