Skip to content

Le rappresentazioni mentali, una prospettiva biologica

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Marturana
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Marco Mazzone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

L’argomento che tratterò in questa tesi è il rapporto tra rappresentazioni mentali e fenomeni biologici. Partendo dalla definizione di rappresentazione, si può affermare che un sistema rappresentazionale è un sistema la cui funzione è indicare come stanno le cose rispetto ad uno stato di cose esterno, per tal motivo i sistemi rappresentazionali risultano importanti poiché indirizzano le mosse dell’organismo nell’ambiente in cui vive. Infatti un organismo biologico basandosi su queste rappresentazioni elabora l’input ricevuto dall’ambiente per produrre un certo output o comportamento. In particolare ciò che questa tesi mira a dimostrare è il rapporto direttamente proporzionale che esiste tra il livello di complessità biologica di un organismo vivente e la sua capacità di produrre rappresentazioni sempre più sofisticate. Infatti ad uno stato iniziale le rappresentazioni sono solo percettive perché sono strettamente connesse allo stimolo percepito, ma man mano che aumenta la complessità biologica degli esseri viventi, le rappresentazioni diventano sempre più complesse fino ad arrivare ai sistemi cognitivi complessi di cui sono dotati gli esseri umani e tramite cui un organismo gestisce il comportamento secondo le sue intenzioni.
Ma a partire da cosa si formano le rappresentazioni? È difficile tracciare una linea di demarcazione netta nel distinguere gli esseri dotati di sistemi rappresentazionali da quelli che non ne dispongono, così come è difficile individuare da un punto di vista biologico un inizio di rappresentazioni. Ma sicuramente questi sistemi devono possedere delle qualità che si rivelano basilari affinché si parli di rappresentazioni come la presenza di un’intenzionalità intrinseca. Con intenzionalità indichiamo proprio quella capacità che certi sistemi hanno di riferirsi in un determinato modo ad un oggetto esterno, e quindi di percepire uno stimolo esterno. Si capisce bene che l’intenzionalità di un sistema non deve dipendere da qualcun altro (ad esempio nelle macchine dipende da noi che ne siamo i costruttori) ma deve essere interna al suo stesso sistema, quindi per questo si definisce intrinseca.
È ovvio che l’organismo deve possedere degli organi di senso o facoltà discriminanti che gli permettano di percepire almeno uno stimolo esterno. Tutto ciò chiama in causa l’importanza di meccanismi interni, come il sistema nervoso, specializzati ad elaborare le informazioni provenienti dall’ambiente. Il sistema nervoso fa la sua comparsa in maniera congiunta al movimento che riveste un ruolo importante nella formazione di rappresentazioni mentali in quanto l’organismo si muove attivamente per soddisfare i suoi bisogni, dunque le rappresentazioni diventano importanti nella misura in cui indicano all’organismo qualcosa dell’ambiente e lo guidano verso il soddisfacimento dei suoi bisogni.
Ovviamente non tutti gli organismi viventi possiedono una mente ad esempio le piante sono vive, ma non hanno bisogno di rappresentazioni perché non si muovono, realizzano il loro sostentamento utilizzando le risorse presenti nell’ambiente limitato in cui nascono, crescono e muoiono, per cui sono passive perché sono solo dotate di meccanismi di controllo biologico rigidi. Al contrario esseri viventi più complessi come gli animali sono più attivi nella produzione dei propri movimenti grazie alla presenza del sistema nervoso che li dota di strutture plastiche ed in questo modo rende loro possibile l’apprendimento, un processo attraverso il quale un organismo modifica le sue strutture interne a secondo dell’interazione con l’ambiente; inoltre costituisce un punto di partenza per la formazione di sistemi cognitivi dotati di strutture flessibili che permettono di orchestrare il comportamento a secondo delle proprie intenzioni.
Nel nostro cammino verso i sistemi cognitivi vedremo che la complessità delle rappresentazioni man mano che saliamo nella scala biologica si lega ad un aumento di libertà dell’organismo che diventa sempre più autonomo dai condizionamenti esterni nell’uso delle sue rappresentazioni, diventandone in un certo senso “padrone”. Infatti queste diventano per lui accessibili e gli consentono in tal modo di decidere un comportamento basandosi sulle varie rappresentazioni degli effetti, ed in un secondo momento senza aver nemmeno bisogno di un input esterno. È questo ciò che accade agli esseri umani che non solo riescono a pianificare il proprio comportamento facendo progetti distanti nel tempo, ma hanno esternato le loro rappresentazioni mentali producendo strumenti che amplificano le loro facoltà intellettive permettendogli un controllo sempre maggiore dell’ambiente in cui vivono.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’argomento che tratterò in questa tesi è il rapporto tra rappresentazioni mentali e fenomeni biologici. Partendo dalla definizione di rappresentazione, si può affermare che un sistema rappresentazionale è un sistema la cui funzione è indicare come stanno le cose rispetto ad uno stato di cose esterno, per tal motivo i sistemi rappresentazionali risultano importanti poiché indirizzano le mosse dell’organismo nell’ambiente in cui vive. Infatti un organismo biologico basandosi su queste rappresentazioni elabora l’input ricevuto dall’ambiente per produrre un certo output o comportamento. In particolare ciò che questa tesi mira a dimostrare è il rapporto direttamente proporzionale che esiste tra il livello di complessità biologica di un organismo vivente e la sua capacità di produrre rappresentazioni sempre più sofisticate. Infatti ad uno stato iniziale le rappresentazioni sono solo percettive perché sono strettamente connesse allo stimolo percepito, ma man mano che aumenta la complessità biologica degli esseri viventi, le rappresentazioni diventano sempre più complesse fino ad arrivare ai sistemi cognitivi complessi di cui sono dotati gli esseri umani e tramite cui un organismo gestisce il comportamento secondo le sue intenzioni. Ma a partire da cosa si formano le rappresentazioni? È difficile tracciare una linea di demarcazione netta nel distinguere gli esseri dotati di sistemi rappresentazionali da quelli che non ne dispongono, così come è difficile individuare da un punto di vista biologico un inizio di rappresentazioni. Ma sicuramente questi sistemi devono possedere delle qualità che si rivelano basilari affinché si parli di rappresentazioni come la presenza di un’intenzionalità intrinseca1. Con intenzionalità indichiamo proprio quella capacità che certi sistemi hanno di riferirsi in un determinato modo ad un oggetto esterno, e quindi di percepire uno stimolo esterno. Si capisce bene che l’intenzionalità di un sistema non deve dipendere da qualcun altro (ad esempio nelle macchine dipende 1 Dretske (1988) 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

flessibilità cognitiva
intenzionalità intrinseca
rappresentazioni mentali
sistemi rappresentazionali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi