Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La riserva di giurisdizione ecclesiastica in materia matrimoniale

La riserva di giurisdizione ecclesiastica in materia matrimoniale

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO La genesi dell’istituto 1. L‟importanza del “matrimonio” è stata sempre avvertita sia all‟interno dell‟ordinamento canonico, dove trova origine e regolamentazione, sia nell‟ordinamento civile, nel quale rileva sotto vari aspetti: dalla definizione dello status civile dei contraenti, alla formazione di gruppi di interesse sociale, disciplinati dalla Costituzione, come la “famiglia”, fino alla definizione del regime patrimoniale dei coniugi. Poste queste premesse è facile capire come nell‟evoluzione dello stato moderno si sia cercato di affiancare alla tradizionale disciplina dell‟ordinamento canonico una disciplina “civile” del fenomeno stesso, come estrinsecazione della “sovranità” statuale anche in questo ambito1. Alla base del matrimonio, come atto, vi è sempre un fondamento spirituale, che ha portato all‟affermarsi nell‟evoluzione dell‟istituto, alla competenza esclusiva della Chiesa, a partire dal Concilio di Trento, per quanto riguarda la regolamentazione del fenomeno2. 1P. MONETA, Matrimonio religioso e ordinamento civile, Torino, 1996, pp.3-7 2P. MONETA, op. cit., p.4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Greco Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4517 click dal 16/03/2010.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.