Skip to content

L'angoscia, un affetto che non mente

Informazioni tesi

  Autore: Debora Leanza
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Giovanni Lo Castro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

Il presente lavoro, nasce da una mia riflessione riguardo al fatto che, oggi, come non mai, nella nostra società, la chiave di lettura di molti eventi sociali, fatti di cronaca e soprattutto della condizione del disagio giovanile, è da attribuire al fenomeno dell’angoscia e alla funzione che essa gioca al loro interno.E’ infatti di fronte all’imprevedibile, di fronte a ciò che non si lascia in alcun modo anticipare, che si scatena in tutti noi l’angoscia primordiale, quella che provarono i primi uomini di fronte ad un mondo che non riuscivano a decifrare.
L’obiettivo che mi prefiggo è di far percorrere al lettore un itinerario storico, sociale, psicologico e filosofico del fenomeno dell’angoscia, che per quante volte si compia, altrettante risulta vario e sorprendente;Lo strumentario a cui ho accennato consiste in un insieme di concetti e teorie sul fenomeno dell’angoscia, estratti dai testi di S. Freud, J. Lacan, C. Rogers, O. Fenichel, K. G. Jung, Melanie Klein, M. Montanari, U. Galimberti ecc.La traiettoria della tesi si snoda in una alternanza di clinica e di esegesi teorica, procedendo verso una messa a fuoco progressiva della condizione che produce l’intreccio tra angoscia, Nichilismo e la condizione giovanile.Ho affidato l’apertura ad una trattazione teorica del concetto di angoscia affinché il lettore sia immediatamente proiettato, tramite le prime parole, nel cuore del discorso.In questo mio lavoro, ho ricostruito nel primo capitolo il concetto di angoscia, in particolare, cos’è questo fenomeno, come nasce, qual’ è lo stato psicologico che si attiva durante la reazione di angoscia e come può essere superato,quali slittamenti di senso questo concetto ha subìto da un autore all’altro e da un testo all’altro di uno stesso autore, le aporie che contengono e le domande che pongono, ma soprattutto, ho analizzato le varie differenze che esistono tra il fenomeno dell’angoscia e gli stati d’ansia, fenomeni spesso sovrapposti e considerati la medesima cosa.Dare una definizione del concetto di angoscia è un compito assai problematico.La complessità del termine, del suo significato, e dei suoi usi, si riflette anche nelle definizioni della voce che danno i dizionari specializzati (di psichiatria, psicoanalisi, psicologia). Nell’angoscia c’è senz’altro minaccia, aspettativa di disastro, ma è proprio la presenza di questo particolare stato d’animo che ci assicura che il disastro non si è ancora prodotto.
Nel primo capitolo vengono delineati anche i concetti di Angoscia Automatica e Angoscia Reale, i disturbi dell’emotività, attuando in particolare una differenza tra la paura, l’angoscia, l’ansia e gli attacchi di panico e infine, nell’ultimo paragrafo vengono delineate le coordinate teorico - cliniche dell’angoscia da un punto di vista psicoanalitico con particolare riferimento all’angoscia nel registro psicotico.
Nel secondo capitolo l’angoscia viene affrontata da un punto di vista filosofico, poiché il concetto di angoscia venne introdotto nell’Ottocento proprio da S. Kierkegaard e dal maestro della filosofia contemporanea M. Heidegger, che centrò sull’angoscia la sua analisi esistenziale.Notiamo come in Kierkegaard e Heidegger, si dia una chiave di lettura diversa dell’angoscia; essa viene infatti interpretata come un fenomeno positivo.Il terzo capitolo apre al cuore dell’angoscia da un punto di vista psicologico/psicodinamico, attuando un percorso che và dai primi autori che si sono occupati dell’angoscia, in particolare S. Freud e J. Lacan, sino ai nostri giorni;Il problema dell’angoscia ha occupato Freud per tutta la vita, dagli scritti del 1894-1895 fino alla revisione finale di tale concetto operata in Introduzione alla Psicoanalisi, Lez.32.in cui l’angoscia viene considerata parte del sistema delle difese. Essa viene qui descritta come un “affetto”.Il titolo di questa tesi è proprio tratto da questo aforisma di Freud, ripreso poi da Lacan.Oggi, invece, l’Angoscia, come ha detto U. Galimberti, “è divenuta una condizione dell’anima, in quanto è soprattutto angoscia dell’imprevedibile; infatti di fronte all’imprevedibile, di fronte all’indeterminatezza non si può scappare, e allora il meccanismo che si attiva non è quello “difensivo” della paura, ma quello “paralizzante” dell’angoscia che svela la vulnerabilità della nostra tecnologia, arresta lo sviluppo della nostra economia, intimorisce il mondo della vita che si fa più prudente, più cauto, più riparato, meno espansivo, più contratto”.Nel quarto capitolo viene affrontato il fenomeno dell’angoscia da un punto di vista psichiatrico per evidenziare le differenze esistenti rispetto all’ottica psicologica.Questo mio lavoro, si conclude, con l’ultimo capitolo dedicato ai giovani d’oggi, perché i giovani, anche se non sempre ne sono consci, stanno male, non per le solite crisi esistenziali che costellano la giovinezza, ma perché l’Angoscia, e “un’ospite inquietante”, ovvero, il Nichilismo si aggira tra di loro;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
~ 10 ~ I° CAPITOLO Introduzione al concetto di Angoscia e differenze rispetto all’ansia. 1.1 Che cos’ è l’Angoscia L‟angoscia è uno stato psichico caratterizzato da apprensione e vaghe paure, accompagnato da agitazione e da difficoltà respiratorie e circolatorie3. L‟angoscia si accompagna a molte malattie psichiatriche, in particolare alle nevrosi. Ma l‟angoscia, che spesso viene associata all‟ansia, è uno stato psico-fisico dell‟individuo che non è patologico o manifestazione di malattia. C. Simeoni sostiene che si parla di “ansia” quando ci si riferisce ai soli aspetti psichici dell‟emozione in questione, mentre usiamo il termine “angoscia” quando in concomitanza si hanno manifestazioni somatiche talvolta particolarmente vistose 4. Simeoni continua affermando che, liberare l‟emozione dell‟individuo significa liberare la propria capacità di 3 Simeoni C. “L’angoscia, le emozioni e il sentire il Mondo“, 2006 tratto da: http://www.federazionepagana.it; 4 Ibidem.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affetto
altro da me
angoscia
angoscia automatica
angoscia reale
ansia
clinica
condizione giovanile
disagio giovanile
disturbi dell'emotività
freud
galimberti
heidegger
jung
kierkegaard
lacan
minaccia
nichilismo
ospite inquietante
psichiatria
psicoanalisi
psicodinamica
psicologia
sentimento del possibile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi