Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il counseling centrato sulla persona. Per una lettura pedagogica della relazione d’aiuto.

L’intento del presente lavoro è quello di dimostrare la più spiccata validità tra i modelli operativi utilizzabili nella relazione d’aiuto, del modello “Centrato sul Cliente” di matrice Rogersiana e il modello utilizzato nella Teoria Funzionale del Sé, di matrice psicoanalitica, che ritrova i suoi fondamenti teorici in Heinz Kohut.
I due modelli, apparentemente distanti, necessitano l’uno dell’altro, poiché se da una parte l’approccio rogersiano “si basta da sé” nel senso che gli elementi costitutivi del modello stesso (empatia, congruenza, considerazione positiva incondizionata) sono “condizioni necessarie e sufficienti” al processo di autoattualizzazione, dall’altra, l’utilizzo di una conoscenza specifica del Sé non può che ampliare l’efficacia di crescita con il quale si rinforzano e riparano i “funzionamenti” che interrompono il processo di socializzazione della persona.
La definizione chiara di cosa sia il Counseling, quali elementi lo contraddistinguono, quale etica, quale dimensione pedagogico-educativa è contenuta all’interno della relazione d’aiuto, è necessaria per arrivare ad una parallela definizione della figura umana e professionale del Counselor, un professionista che si pone al servizio della comunità, implementando la spinta evolutiva, nei contesti sociali i più vari.
Questo lavoro di collegamento, integrazione e sviluppo, è soprattutto frutto di necessità: quella di offrire un substrato teorico (teoria della tecnica) alla pratica professionale dello scrivente il quale, essendo Counselor ad indirizzo Gestaltico e Funzionale, trova indispensabile imbastire collegamenti strutturali, teorici ed operativi con il modello Rogersiano, che «è stato in passato un vero paradigma rivoluzionario e tuttora costituisce un fondamento per la quasi totalità della prassi clinica»1.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’intento del presente lavoro è quello di dimostrare la più spiccata validità tra i modelli operativi utilizzabili nella relazione d’aiuto, del modello “Centrato sul Cliente” di matrice Rogersiana e il modello utilizzato nella Teoria Funzionale del Sé, di matrice psicoanalitica, che ritrova i suoi fondamenti teorici in Heinz Kohut. I due modelli, apparentemente distanti, necessitano l’uno dell’altro, poiché se da una parte l’approccio rogersiano “si basta da sé” nel senso che gli elementi costitutivi del modello stesso (empatia, congruenza, considerazione positiva incondizionata) sono “condizioni necessarie e sufficienti” al processo di autoattualizzazione, dall’altra, l’utilizzo di una conoscenza specifica del Sé non può che ampliare l’efficacia di crescita con il quale si rinforzano e riparano i “funzionamenti” che interrompono il processo di socializzazione della persona. La definizione chiara di cosa sia il Counseling, quali elementi lo contraddistinguono, quale etica, quale dimensione pedagogico-educativa è contenuta all’interno della relazione d’aiuto, è necessaria per arrivare ad una parallela definizione della figura umana e professionale del Counselor, un professionista che si pone al servizio della comunità, implementando la spinta evolutiva, nei contesti sociali i più vari. Questo lavoro di collegamento, integrazione e sviluppo, è soprattutto frutto di necessità: quella di offrire un substrato teorico (teoria della tecnica) alla pratica professionale dello scrivente il quale, essendo Counselor ad indirizzo Gestaltico e Funzionale, trova indispensabile imbastire collegamenti strutturali, teorici ed operativi con il modello Rogersiano, che «è stato in passato un vero paradigma rivoluzionario e tuttora costituisce un fondamento per la quasi totalità della prassi clinica»1. ________________ 1 Cfr. J. BOZARTH, La terapia centrata sulla persona, Roma, Sovera, 2001, p. 7. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Francesco Ruiz Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7566 click dal 24/03/2010.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.