Skip to content

La visual identity aziendale: il caso Blumel

Informazioni tesi

  Autore: Luisa Universo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Gianni Costanza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

Le imprese italiane, oggi, si trovano a dover affrontare gli effetti di una crisi economica e finanziaria, tra le più gravi degli ultimi decenni, che, originata nel 2006 dal mercato immobiliare statunitense, si è diffusa rapidamente in quasi tutti i paesi del mondo, tra i quali l’Italia, generando una pesante recessione economica. Da un lato si constata un decremento generalizzato dei ricavi, dovuto sia alla concorrenza sui prezzi sia alla diminuzione della domanda; dall'altro, si rileva il costante incremento dei costi di gestione aziendale, unito alla difficoltà di disporre di sufficiente liquidità per potere fare fronte ai pagamenti con regolarità e, meno che mai, a nuovi investimenti. Il risultato è una riduzione significativa degli utili operativi, che spesso mette a repentaglio la stessa sopravvivenza di molte imprese. È ovvio che in molti si chiedono quali siano le scelte e le strategie più efficaci per risollevarsi da una situazione che sembra non presentare molte vie d'uscita. È altrettanto palese, in detto contesto, che i metodi tradizionali di approccio al mercato, così come gli strumenti gestionali, non sono più sufficienti per reggere la competizione dell’attuale sistema economico guidato ormai da leggi economiche che ottemperano alla logica della globalizzazione. Pertanto, sono necessari modalità e mezzi innovativi per affrontare tale sfida competitiva. La comunicazione possiede tutte le potenzialità, se gestita correttamente, per diventare il trait d’union tra l’azienda e il mercato. Comunicare i valori aziendali è diventato un must non solo per le grandi imprese, da sempre big spender dell’advertising e della comunicazione d’impresa in generale, ma sopratutto per le PMI. Nel mercato odierno, che ormai possiamo definire “glocale” , la cura dell'immagine aziendale è un aspetto che diventa sempre più importante. La nuova realtà dei mercati internazionali, con la relativa competizione, rende fondamentale presentare la propria azienda con un’identità visiva ben curata in modo tale da rafforzare il proprio brand e renderlo riconoscibile ai propri stakeholder effettivi e potenziali. È purtroppo la regola, e non l’eccezione, constatare che molte imprese non prestano la giusta attenzione a questo straordinario asset, rappresentato dalla comunicazione, declinato in ciò che nel presente lavoro viene definito communication mix. Alla luce delle considerazioni sopra esposte, nel presente lavoro si è deciso di avviare la progettazione di una visual identity per un’azienda di Home Fashion (Blumel). L’elaborato si propone di dimostrare come la visual identity non obbedisce a criteri affidati alla solo creatività, bensì è frutto di uno studio approfondito, da parte dell’azienda incaricata, attraverso l’analisi di ciò che viene definito la corporate identity. Solo in un secondo momento, tale studio fungerà da guida per una forma di creatività, disciplinata dai più diversi fondamenti teorici (ad esempio, il marketing, la comunicazione, la semiotica, la psicologia, ecc.), volta ad elaborare l’aspetto visivo dell’azienda, ovvero la sua visual identity. Nel corso del lavoro, si evidenzierà, inoltre, come non si possa sottovalutare alcun aspetto della comunicazione d’impresa, e come ognuno di tali aspetti necessiti di continua gestione e controllo, il tutto rispettando i principi di coerenza che dovrebbero reggere i rapporti sinergici vigenti tra la corporate personality, la corporate identity, la corporate image (esplicate per mezzo delle varie forme di corporate communication) e la loro trasposizione visiva, la visual identity.
L’azienda Blumel pur essendo da molti anni sul mercato, prima come produttore di abbigliamento sportivo e poi nell’ambito del Home Fashion, non si è mai dotata di una visual identity (immagine coordinata) adeguata alla sua identità aziendale.
Se è già difficoltoso promuovere la visual identity delle grande imprese (le quali devono convincere gli stakeholder e il target di riferimento a continuare a preferire la propria azienda rispetto alle altre) che dispongono di grandi mezzi economici e finanziari, risulta più difficile per le PMI che non dispongono di tali risorse. Quando una piccola azienda (come la Blumel) si affaccia per la prima volta sul mercato (vuoi come una azienda neonata, vuoi con un brand o un prodotto nuovo) diventa necessario progettare e sviluppare una strategia che comunichi non solo la personalità e, quindi, l’identità dell’azienda in questione, ma che sappia anche convertire tali aspetti in un’identità visiva, che nel presente lavoro assume la denominazione anglosassone di visual identity.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Le imprese italiane, oggi, si trovano a dover affrontare gli effetti di una crisi economica e finanziaria, tra le più gravi degli ultimi decenni, che, originata nel 2006 dal mercato immobiliare statunitense, si è diffusa rapidamente in quasi tutti i paesi del mondo, tra i quali l‟Italia, generando una pesante recessione economica. Da un lato si constata un decremento generalizzato dei ricavi, dovuto sia alla concorrenza sui prezzi sia alla diminuzione della domanda; dall'altro, si rileva il costante incremento dei costi di gestione aziendale, unito alla difficoltà di disporre di sufficiente liquidità per potere fare fronte ai pagamenti con regolarità e, meno che mai, a nuovi investimenti. Il risultato è una riduzione significativa degli utili operativi, che spesso mette a repentaglio la stessa sopravvivenza di molte imprese. È ovvio che in molti si chiedono quali siano le scelte e le strategie più efficaci per risollevarsi da una situazione che sembra non presentare molte vie d'uscita. È altrettanto palese, in detto contesto, che i metodi tradizionali di approccio al mercato, così come gli strumenti gestionali, non sono più sufficienti per reggere la competizione dell‟attuale sistema economico guidato ormai da leggi economiche che ottemperano alla logica della globalizzazione. Pertanto, sono necessari modalità e mezzi innovativi per affrontare tale sfida competitiva1. La comunicazione possiede tutte le potenzialità, se gestita correttamente, per diventare il trait d’union tra l‟azienda e il mercato. Comunicare i valori aziendali è diventato un must non solo per le grandi imprese, da sempre big spender dell‟advertising e della comunicazione d‟impresa in generale, ma sopratutto per le PMI. Nel mercato odierno, che ormai possiamo definire “glocale”2, la cura dell'immagine aziendale è un aspetto che diventa sempre più importante. La nuova realtà dei mercati internazionali, con la relativa competizione, rende fondamentale presentare la propria azienda con un‟identità visiva ben curata in modo tale da 1 Cfr. http://www.frontpoint.it/it/materiali/vendere.asp (Consultato il 05/09/2009) 2 Il termine “glocale” fonde i due termini opposti global e local, globale e locale, nell’intento di realizzare un approccio di marketing in grado di far convivere l’inevitabile globalizzazione del mercato (dei beni e dei servizi) con l’altrettanto imprescindibile necessità di tutelare le specifiche tipicità del mercato di interesse locale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

blumel
communication mix
comunicazione d'azienda
comunicazione d'impresa
corporate brand
corporate communication
corporate identity
corporate image
corporate reputation
home fashion
identità aziendale
identità visiva
immagine aziendale
immagine coordinata
john maeda
logo
manuale di identità visiva
marketing mix
packaging
reputazione aziendale
teoria della comunicazione
visual identity

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi