Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I modelli eziologici del rischio psicosociale: la situazione dei minori in Albania

Questa tesi esamina la situazione attuale de minori in Albania concentrandosi in particolare sui gruppi piu vulnerabili. le categorie che vengono analizzate sono: orfani, bambini che lavorano per strada o che chiedono l'elemosina, bambini poveri e coloro che vivono rinchiusi in casa a causa delle vendetta di sangue secondo il codice Albanese del Kanun.

Mostra/Nascondi contenuto.
Teorie e Modelli del Rischio Psicosociale 5 1° Cap. 1.1 “Teoria ecologica dello sviluppo di Bronfenbrenner”. Un tema che incuriosisce e affascina molti studiosi del settore è la sfera dei giovani, e più in particolare, degli adolescenti ovvero di coloro che hanno passato il periodo dell’infanzia, ma che ancora non hanno raggiunto quella adulta. Il processo di crescita è lungo e cambia da un soggetto all’altro: a volte è armonioso e tranquillo, altre volte è più tormentato e l’interesse degli autori aumenta proprio nel voler capire e riflettere sulle cause di uno sviluppo cosiddetto “difficile” . La mia attenzione si rivolge soprattutto ad un ambiente particolare, l’Albania, nel quale si è verificata una serie di situazioni gravi nell’ultimo decennio come la guerra, povertà e l’intensa immigrazione che hanno spinto gli adolescenti a sentirsi già grandi. Il mio studio si concentra proprio su di loro per comprendere il loro percorso di crescita e per capire se le caratteristiche individuali familiari , ambientali e culturali del mondo che li circonda, possono rappresentare fattori di rischio per lo sviluppo psicosociale del soggetto. Questa riflessione vuole stabilire che il rischio psico-sociale negli adolescenti non si può spiegare in conformità a regole già stabilite e uguali per tutti i soggetti interessati, ma si deve analizzare una molteplicità di fattori differenti per capire gli esiti evolutivi di ciascun individuo. Gli attori che contribuiscono al processo di acquisizione dell’identità durante l’adolescenza sono principalmente la famiglia, la scuola, i coetanei e l’ambiente che lo circonda. L’interazione dell’individuo con l’ambiente esterno porta allo sviluppo del suo mondo interno, la psicologia dello sviluppo sociale si occupa di capire come e perché avvengono certi cambiamenti nel corso della vita, evidenziando anche quali possono essere alcuni possibili ostacoli che interferiscono con la crescita armonica dell’individuo e con il suo benessere. Una teoria molto nota è quella di Bronfenbrenner (1979) il quale esprime il suo interesse per il progressivo adattamento di un organismo al proprio ambiente , affermando che il loro modo di interagire è determinato dalle relazioni esistenti tra le diverse situazioni ambientali e dai contesti più ampi di cui fa parte l’individuo. Di questa definizione sono importanti tre punti chiave: innanzi tutto l’individuo in via di sviluppo è considerato come un’entità dinamica che cresce e si muove all’interno di un contesto specifico. In secondo luogo l’interazione tra l’ambiente e l’individuo sono importante perché essi si influenzano reciprocamente. Infine l’ambiente non è costituito soltanto da quello contingente in cui l’individuo vive, ma anche da tutte le interconnessioni tra più situazioni ambientali che il soggetto vive direttamente e indirettamente. Bronfenbrenner (1979) propone una prospettiva teorica nuova riguardo allo sviluppo umano: lo descrive come una modificazione permanente del modo in cui gli

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Edlira Canka Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1188 click dal 13/05/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.