Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Culture nazionali e gestione d'impresa: il cross-cultural management

La presente tesi prende in oggetto il concetto di cross-cultural management, il quale sta assumendo una crescente importanza nei mercati attuali, a causa della sempre più frequente espansione delle attività delle imprese oltre confine.
Lo scopo della trattazione è quello di comprendere, in primo luogo, se le diversità culturali possano rappresentare un vantaggio competitivo per le aziende; in seguito si mira ad approfondire le modalità attraverso cui la cultura nazionale
condiziona la cultura d'impresa e, più in generale, la gestione dell'azienda e delle relative attività.
La tesi è divisa in quattro capitoli. Il primo capitolo introduce il concetto di cultura e ne analizza l'evoluzione nella letteratura, cercando di capire se le differenze culturali debbano essere considerate come ostacolo per le imprese internazionali o come fonte di vantaggio competitivo. Questo pone le basi per la successiva introduzione del tema del cross-cultural management. In seguito vengono presentati i concetti di cultura d'impresa e cultura nazionale, individuando (attraverso i lavori di Hofstede, Trompenaars e GLOBE project team) quali siano le principali dimensioni culturali che permettono il confronto tra i diversi Paesi e chiarendo in che modo tali parametri influenzino la cultura d'impresa e le attività di
management.
Il secondo capitolo tratta invece il rapporto intercorrente tra cultura e gestione d'impresa. Nello specifico vengono evidenziate le modalità con cui la cultura condiziona le scelte riguardanti la struttura dell'impresa, la strategia
aziendale ed infine le politiche di marketing.
Nel terzo capitolo si considera la comunicazione interculturale, focalizzandosi soprattutto sulle variabili culturali che la influenzano. Le abilità di comunicazione tra culture sono assolutamente necessarie per i negoziatori, per gli expatriate managers e per i membri dei team cross-culturali, di conseguenza tali argomenti vengono discussi in questa sezione.
Infine il quarto capitolo mira a dare un risvolto concreto al presente lavoro, cercando di individuare quali siano le peculiarità culturali del contesto cinese e come esse possano condizionare le organizzazioni internazionali che intendono operare in Cina.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La forte attrazione verso i mercati globali ha spinto nel recente passato un numero sempre maggiore di imprese ad estendere le proprie attività oltre confine. La possibilità di ampliare il mercato di sbocco per la vendita dei propri prodotti, così come quella di delocalizzare alcune funzioni aziendali e ridurre i costi, rappresentano infatti solo alcune tra le preziose occasioni che le organizzazioni non possono trascurare in ottica competitiva. Le imprese globali si trovano così sempre più ad operare in contesti diversi da quello di origine e ad intrattenere rapporti con soggetti culturalmente differenti. Infatti, nonostante la globalizzazione abbia comportato un avvicinamento delle culture, molte differenze permangono e, al contrario, spesso si rafforzano. Tutto ciò ha fatto sì che il concetto di cross-cultural management abbia ottenuto una rilevanza via via crescente agli occhi delle imprese che operano globalmente. Il tema è però complesso e tutt'ora aperto a nuove prospettive, per cui non tutte le aziende ne hanno ancora compreso appieno l'importanza. Il presente lavoro si propone dunque di capire, come prima cosa, se la cultura abbia o meno un impatto sul modo di operare delle organizzazioni e se le diversità culturali possano rappresentare un vantaggio competitivo per le aziende. Scopo della trattazione è, dunque, quello di approfondire le modalità attraverso cui la cultura nazionale condiziona la cultura d'impresa e, più in generale, la gestione dell'azienda e delle relative attività. Il primo capitolo introduce il concetto di cultura e ne analizza l'evoluzione nella letteratura, cercando di capire se le differenze culturali possano essere considerate come ostacolo per le imprese internazionali o come fonte di vantaggio competitivo. Questo pone le basi per la successiva introduzione del tema del cross-cultural management. In seguito viene presentato il concetto di cultura d'impresa, poiché si ritiene che sia strettamente correlato a quello di cultura nazionale. Infatti, attraverso l'analisi 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Mauri Contatta »

Composta da 252 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16227 click dal 14/05/2010.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.