Skip to content

La pubblicità trasgressiva: analisi storica, interpretazione sociologica ed implicazioni manageriali

Informazioni tesi

  Autore: Ernesto Ciorra
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Marco Cattini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 255

Nella tesi si cerca di rispondere a questi interrogativi:
come è evoluta la trasgressione nella società italiana, nella sua cultura e quindi nella pubblicità?
quali comunicazioni pubblicitarie sono state veramente trasgressive?
quali effetti comporta la veicolazione di messaggi pubblicitari trasgressivi?
quali sono stati gli impatti indotti sulla cultura italiana dalla diffusione di messaggi pubblicitari trasgressivi?
quali sono i principali driver di trasgressione percorribili oggi?
quali criteri per decidere se adottare una politica di comunicazione trasgressiva?
quali sono le implicazioni di una comunicazione trasgressiva, in termini finanziari e di politica di marca?
quali i legami tra fidelizzazione e comunicazione trasgressiva?

L'approccio utilizzato è stato decisamente interdisciplinare. ho fatto ricorso alle categorie interpretative della sociologia, della storia, dell'antropologia e della filosofia, del diritto, della psicologia e dell'economia aziendale. le tematiche di advertising sono state trattate in dettaglio, ma l'approccio interpretativo ha interessato diverse discipline del sapere, nel tentativo di spiegare ed interpretare il senso di cosa è considerabile ''trasgressivo''. E per cercare di comprendere cosa lega la trasgressione con l'economia. Economia che definirei come "quel sottile senso di conservazione della propria vita attraverso l'armonia dei profitti e delle perdite".

Se volete conoscere i contenuti di dettaglio... leggete la tesi

ciao ciao

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Perché le idee moderne non dovrebbero vincere? Anche chi le osteggia ne viene influenzato. Napoleone Bonaparte. “Io volli commettere un furto e lo commisi senza esservi spinto da indigenza alcuna, se non forse dalla penuria e disgusto della giustizia e dalla sovrabbondanza dell’iniquità. Mi appropriai infatti di cose che già possedevo in maggior misura e molto miglior qualità; né mi spingeva il desiderio di godere ciò che col furto mi sarei procurato, bensì quello del furto e del peccato in se stessi. Nelle vicinanze della nostra vigna sorgeva una pianta di pere carica di frutti d’aspetto e sapore per nulla allettanti. In piena notte, dopo aver protratto i nostri giochi sulle piazze, come usavamo fare pestiferamente, ce ne andammo, giovinetti depravatissimi quali eravamo, a scuotere la pianta, di cui poi asportammo i frutti. Venimmo via con un carico ingente e non già per mangiarne noi stessi, ma per gettarli addirittura ai porci. Se alcuno ne gustammo, fu soltanto per il gusto dell’ingiusto”. 1 In questo celebre passo la descrizione del peccato è volutamente esemplare, e per questo l’autore vi ha evidenziato la gratuità del misfatto e l’assoluta irrilevanza dell’oggetto rubato, in contrasto con il piacere derivante dal furto compiuto. La pubblicità invece, quando viola un valore, agisce in virtù di precisi obiettivi, di certo rilevanti ai fini competitivi. L’impresa in tal modo trasgredisce in proprio, ma rende partecipe del suo comportamento la collettività, tramite la diffusione del messaggio. Il riconoscimento del peccato in Agostino nasceva dal confronto con una legge certa, codificata. La condanna ai comunicati commerciali proviene invece dalla nostra società, dai nostri valori, dalla nostra cultura. Di cui la stessa pubblicità ed il suo indiscutibile finalismo economico fanno certamente parte. 1 S.Agostino, Le Confessioni, Einaudi, 1984, pag.41.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

advertising
trasgressione
pubblicità trasgressiva
comunicazione trasgressiva
politica di marca
comunicazione pubblicitaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi