Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marketing Halal

Marketing Halal descrive le modalità e l'opportunità di concentrare sforzi di marketing rivolti al conseguimento di clientela di fede islamica.

PS: HALAL vuol dire lecito secondo i dettami della legge islamica.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questo paper ha l’obiettivo di sviluppare una serie di considerazioni riguardanti il Cross-Cultural Marketing1 nell’ambito specifico “Marketing Halal” ossia quelle attivitá e strategie rivolte ai consumatori Islamici. Il Marketing etnico2 è sempre più presente nella nostra società dei consumi.Nuovi mercati tendono ad emergere rivolti a gruppi diversi di appartenenza. Il fenomeno halal è un settore in piena espansione. Si stima che in media il commercio mondiale degli alimenti halal si aggira sui 150 miliardi di dollari l'anno. L'esistenza di un mercato di tale portata apre naturalmente le porte a opportunità economiche per chi esercita qualsiasi attività halal, direttamente o indirettamente. Dal punto di vista del marketing il concetto di 'mercató riveste un significato fondamentale. Tradizionalmente il mercato è considerato un luogo in cui acquirenti e venditori si impegnano in acquisto e vendita di beni e servizi. Nel suo senso pratico un mercato può esistere anche quando gli acquirenti e i venditori interagiscono senza mai essere in una posizione geografica comune. In linea di principio del mercato è un meccanismo in base al quale gli acquirenti sono disposti ad acquistare un prodotto ed i venditori sono disposti a vendere. Nella sua forma operativa, il mercato si basa sulla interazione tra le preferenze degli acquirenti e la capacità e la disponibilità dei fornitori di vendere e consegnare il prodotto in base ai gusti e le preferenze degli acquirenti. Un venditore di successo non è sempre colui che produce esattamente lo stesso degli altri, ma colui che, pur producendo la stessa linea di prodotto, può soddisfare i gusti particolari, le preferenze e le esigenze di un gruppo di clienti che altri produttori non sono riusciti a incontrare¹3 1 E. Arrigo, F. Codignola (2006). "Imprese globali e Cross-Cultural Management". In: AA.VV. (a cura di S.M. Brondoni), Cultura di network e dinamiche competitive, Torino, Giappichelli, pp. 14 2 Fiorio C., Napolitano, E.M., Visconti, L.M., (a cura di), Op.Cit., 2007 3 Mohamed El-Mouelhy, chair of Halal Certification Authority of Australia 4

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Dr Jesu Issam Kabakebbji Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3126 click dal 24/05/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.