Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esternalizzazione del servizio pubblico locale - Gli effetti delle scelte sui bilanci pubblici e le valutazione dei risultati

Dal 1990 la Pubblica Amministrazione ha iniziato un processo di riforma che ha avuto riflessi anche per gli Enti Locali. Tra i principali indirizzi di riforma ricopre un ruolo centrale quello della razionalizzazione organizzativa e dello snellimento delle strutture operative. L’obiettivo di costruire Enti Locali strutturalmente meno complessi è stato perseguito, durante gli anni, secondo precisi indirizzi normativi e l’orientamento della legislazione è stato decisivo con la Legge 23.12.1993, n. 537 per la riorganizzazione degli apparati amministrativi e poi successivamente con l’attuazione del federalismo amministrativo con le Leggi 15.03.1997n. 59, 15.05.1997 n. 127 e 06.07.2002 n. 137.
Una simile riforma ha comportato, in generale, soppressioni e sostituzioni di strutture e nel contempo la ricerca sistematica di partnership con soggetti privati, sia appartenenti al “for-profit” che al mondo del volontariato e del sociale, nell’ottica di un’amministrazione aperta, relazionale e che condivide obiettivi per il miglioramento dei bisogni della collettività.
In corrispondenza della crisi economica, iniziata in quegli anni, nei paesi maggiormente industrializzati era emersa la necessità, per le imprese e i grandi gruppi industriali, di mettere in atto scelte in grado di affrontare le forti turbolenze del mercato. Di fronte all’aumento della pressione concorrenziale e contestualmente alla crescita quantitativa e qualitativa dei bisogni e delle aspettative del cliente, per l’impresa diventava strategico saper interpretare e soddisfare la domanda espressa in nuove forme di mercato.
In questo quadro si colloca l’avvio delle scelte di esternalizzazione, ovvero della decisione di trasferire all’esterno dell’impresa parte dei processi produttivi o erogativi precedentemente svolti all’interno della stessa; una modalità operativa che è alla base di un processo che fa comprendere la situazione critica e difficile che si presentava nella struttura dell’Ente Locale in cui era obbligatorio un passaggio fondamentale in quel periodo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 2. L’ESTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO E LE SUE FONTI 2.1 L‟EVOLUZIONE NORMATIVA DAL 1990 AD OGGI La progressiva riduzione dell‟intervento pubblico nell‟economia è avvenuta attraverso un processo di dismissioni del patrimonio pubblico per rispondere all‟esigenza di ridurre la spesa pubblica e di realizzare un‟Amministrazione Pubblica più efficace ed efficiente riconoscendole un ruolo sempre più strategico. Con l‟attuazione del federalismo amministrativo all‟Ente Locale è stato imposto la ricerca di forme di privatizzazione che siano coerenti con le direttive comunitarie per ridurre il debito pubblico, individuando tre forme principali: 1. privatizzazione formale: esiste la modifica della personalità giuridica da pubblica a privata dell‟attività organizzativa non modificando la natura pubblica dell‟impresa che continua ad essere governata da un Ente pubblico, 2. privatizzazione sostanziale: in cui la trasformazione si realizza con la cessione totale o parziale della proprietà attraverso quote di capitale sociale a privati, 3. privatizzazione funzionale: l‟attribuzione a soggetti privati dello svolgimento di specifiche attività precedentemente di competenza dell‟Ente il quale continua a tutelare l‟interesse pubblico mediante forme di controllo e di regolamentazione. Sempre in quegli anni, lo Stato ha approvato le prime norme che contenevano principi altamente innovativi per gli Enti Locali, le Leggi 08.06.1990 n. 142 e 07.08.1990 n. 241, sia per quanto riguarda l‟autonomia territoriale che sul procedimento e sulla semplificazione amministrativa. L‟articolo 22 della legge 08.06.1990 n. 142 ora inserito nel titolo V dell‟attuale Decreto Legislativo 18.08.2000 n. 267 prevede le tre seguenti modalità per il conferimento dei servizi pubblici locali privi di rilevanza economica mediante: 1. Istituzioni, 2. Aziende speciali, anche consortili, 3. In economia quando, per le modeste dimensioni o per le caratteristiche del servizio, non sia opportuno precedere ad affidamento esterno.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Monia Barbieri Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1018 click dal 25/05/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.