Skip to content

L'intervento umanitario nel diritto internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Michela Arienti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Tullio Scovazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 229

Nel decennio successivo alla fine della Guerra Fredda, la comunità internazionale ha riservato una sempre maggiore attenzione alle situazioni di gravi violazioni dei diritti umani. In particolare si è proposto il problema relativo alla legittimità, nel diritto internazionale, dell'uso della forza allo scopo di rimediare a tali violazioni. Con l'entrata in vigore della Carta delle Nazioni Unite, il divieto di ricorrere all'uso della forza è divenuto norma di diritto internazionale consuetudinario. Le uniche eccezioni a tale divieto sono rappresentate dalla legittima difesa e dal ricorso a misure coercitive autorizzate dal Consiglio di Sicurezza nell'ambito del sistema di sicurezza collettiva.
Durante la Guerra Fredda, tuttavia, si sono verificate alcune ipotesi di interventi armati unilaterali da parte di singoli Stati nel territorio di altri Stati, in cui si erano realizzate gravi violazioni dei diritti umani. Si deve ritenere, comunque, che nessuno di tali interventi sia avvenuto per ragioni umanitarie. Gli Stati, infatti, si sono sempre giustificati riferendosi alla legittima difesa e le conseguenze derivate dall'intervento sono sempre state sproporzionate rispetto al potenziale scopo umanitario.
La fine della Guerra Fredda e la conseguente effettiva assunzione, da parte del Consiglio di Sicurezza, del ruolo relativo al mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, hanno permesso alla comunità internazionale di ricondurre le gravi violazioni dei diritti umani all'ambito del sistema di sicurezza collettiva. I diritti umani non sono più considerati come una materia rientrante nella competenza domestica di uno Stato, ma possono costituire l'oggetto dell'attività delle Nazioni Unite.
In tale prospettiva, il Consiglio di Sicurezza ha affrontato la crisi in Iugoslavia (1992), in Somalia (1992), in Ruanda (1994) e ad Haiti (1994).
La crisi in Kosovo ha riaperto il problema relativo all'intervento umanitario unilaterale. Il Consiglio di Sicurezza, infatti, non ha autorizzato i raids aerei contro la Repubblica Federale di Iugoslavia e, dunque, l'azione della NATO deve essere qualificata come un'aggressione.
Le dichiarazioni rilasciate dal Segretario Generale della NATO Solana e il documento programmatico-strategico adottato a Washington nell'aprile del 1999 sono le spie del pericolo del superamento delle Nazioni Unite e dell'affermarsi, nelle relazioni internazionali, della legge del più forte. Quali sicurezze di imparzialità ed obiettività vi sarebbero, qualora ciascuno Stato od organizzazione internazionale si sentisse legittimata ad usare la forza per apparenti scopi umanitari? E' possibile giustificare il ricorso alla forza armata, la distruzione di infrastrutture civili, alti costi di vite umane in nome della tutela dei diritti umani? E, d'altra parte, come superare l'empasse del Consiglio di Sicurezza, derivante dall'esercizio del diritto di veto da parte dei suoi Membri permanenti? Sarà la pratica futura a chiarire se l'intervento della NATO in Kosovo ha inciso in maniera profonda nel diritto internazionale. In senso opposto depone la modalità con cui la comunità internazionale ha affrontato la crisi a Timor Est. Gli Stati hanno, infatti, ribadito la centralità del Consiglio di Sicurezza, confermando la pratica sviluppata alla fine della Guerra Fredda.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L’intervento umanitario nel diritto internazionale 4 INTRODUZIONE Nel suo Rapporto annuale all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1991, 1 il Segretario Generale Pérez de Cuellar sottolineò come il principio di non intervento negli affari interni di uno Stato non potesse essere più considerato dalla comunità internazionale come una barriera protettiva contro le violazioni sistematiche e massicce dei diritti dell'uomo. La nozione di sovranità, infatti, non può includere campagne di decimazione o l'esodo forzato di popolazioni civili al solo scopo di controllare conflitti e insurrezioni. Nel suo discorso il Segretario Generale delle Nazioni Unite affrontava dunque il problema relativo alla legalità dell’intervento umanitario e quale dovesse essere il comportamento della comunità internazionale in caso di gravi violazioni dei diritti umani verificatesi in uno Stato. Anche il Presidente della Repubblica francese nel 1987 si espresse a favore di un dovere di ingerenza umanitaria da parte della comunità internazionale per far fronte alle gravi violazioni dei diritti umani. L’idea fu ripresa poi, con successo, da alcune organizzazioni non governative. 2 Talvolta si parla, più che di un dovere, di un diritto di ingerenza umanitaria, sottolineando la facoltà di intervento nel territorio altrui allo scopo di porre rimedio a tali violazioni dei diritti umani. 3 L’ingerenza umanitaria è quindi una nozione molto ampia che comprende due differenti ipotesi. 1 Rapporto del Segretario Generale, 46th Session, Supplement No. 1, p. 5. 2 E’ necessario segnalare, in modo particolare, l’attività svolta da “Medicins Sans Frontières”, un’organizzazione non governativa che si adoperò in Francia per ottenere un impegno del governo per assicurare, a livello internazionale, il principio di libero accesso alle vittime. 3 RONZITTI, Non ingerenza negli affari interni di un altro Stato, in Digesto IV delle discipline pubblicistiche, 1996, p. 166.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritti umani
nazioni unite
diritto internazionale
interventi umanitari
interventi armati
consiglio di sicurezza dell'onu
crisi di timor est
crisi somala
crisi del kosovo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi