Skip to content

I consorzi di cooperative sociali: aspetti teorici ed applicativi

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Alfino Carluccio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Antonio Costa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Il pensiero filosofico di Qohèlet “Meglio essere in due che uno solo, perché otterranno migliore compenso per la loro fatica” è la chiave di lettura dell’intero lavoro qui presentato. La cultura della solidarietà, dell’altruismo e della mutualità, la partecipazione responsabile all’ attività d’ impresa, il lavoro coordinato attraverso la condivisione di esperienze e l’ unione di forze e sapere, sono il miglior modo perché una società possa uscire da una crisi economica e, più in generale, un passo in avanti verso il futuro progresso dell’ umanità.
L’impresa cooperativa, intesa come effetto positivo dell’innalzamento del benessere collettivo, e i loro consorzi, definiti come “integrazioni di imprese concorrenti e non, per la soluzione di problemi che singolarmente non potrebbero essere risolti”, sono sede privilegiata per la realizzazione dei principi quali la solidarietà e la mutualità. Il lavoro dei soci-lavoratori delle cooperative o dei loro consorzi e l’impegno costante nel sociale, rispondono pienamente e puntualmente ai bisogni dei cittadini, a volte anche in sostituzione dello Stato.
La finalità del presente lavoro é l’analisi dei principali aspetti di natura economico-aziendale, oltre che giuridici, caratterizzanti la gestione dei consorzi di cooperative sociali.
Nel primo capitolo viene presentata l’azienda cooperativa in generale, le sue origini, i principi cooperativi a cui si ispira, i tratti peculiari e gli elementi di differenziazione che emergono dalle imprese capitalistiche, e in ultimo, una tipologia di cooperativa, quella sociale.
Nel secondo capitolo, dopo aver indicato le motivazioni che spingono le imprese ad “unirsi” in consorzi, i vantaggi e gli svantaggi che ne derivano, i diversi tipi
e le diverse classificazioni di consorzi, si passa a trattare, in maniera più dettagliata e specifica, i consorzi di cooperative sociali, le attività e le funzioni che svolgono, la disciplina giuridica a cui fanno riferimento.
Nel terzo capitolo si presenta il caso di studio del “Consorzio di cooperative sociali del Salento La Vallonea”, realtà economica del basso Salento che opera, da più di dieci anni, nel campo della gestione di servizi sociali-sanitari ed educativi e in attività diverse, tutte finalizzate all’inserimento di persone svantaggiate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO PRIMO LA COOPERATIVA SOCIALE: ASPETTI NORMATIVI E DEFINITORI 1.1 La società cooperativa La cooperativa si presenta come una particolare impresa che fa dei concetti-valori di solidarietà e mutualità caratteri imprescindibili. La solidarietà è vista come un approccio relazionale verso chi si trova nelle medesime condizioni. Mutualità è, invece, un concetto talmente basilare nel mondo cooperativo tanto da essere perseguito come un vero e proprio scopo. Una definizione di mutualità all’interno del codice civile non è presente, e non è facile neanche identificarla all’interno della gestione aziendale; quello che si può semplicemente dire è che essa è in contrasto con lo scopo lucrativo tipico delle imprese capitalistiche. Non sono mancate le definizione tendenti a considerare la mutualità come strumento tecnico per procurare benefici economici e morali a chi con le proprie risorse non sarebbe in grado di raggiungere condizioni di vita dignitose1. Anche con la recente riforma del diritto societario, attuata mediante il D.Lgs n. 6/2003, il legislatore ponendo la mutualità come tratto distintivo e fondante della cooperativa si è astenuto nel fornire una definizione dello scopo mutualistico. D’altra parte non è mancata la riflessione di alcuni giuristi tendente a motivare il comportamento del legislatore attento a non ingabbiare il concetto di mutualità2. Infatti una definizione troppo precisa della mutualità potrebbe rappresentare un limite allo sviluppo del movimento cooperativo3. Occorre innanzitutto sottolineare che la stessa Costituzione Italiana riconosce e si impegna a promuovere la cooperazione, nell’art. 45 si legge: La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne 1 G.Ianniello, Impresa cooperativa: caratteristiche strutturali e nuove prospettive di finanziamento, Cedam, 1994, Padova. 2 L.F.Paolucci, La mutualità dopo la riforma, Ipsoa, 2003. 3 A. Costa, L’Azienda Cooperativa alla luce delle novità introdotte dal D.Lgs 17 gennaio 2003, n. 6, Cacucci Editore, Bari, 2004.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

consorzi di cooperative sociali
gestione dei consorzi di cooperative sociali
qohèlet

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi