Skip to content

Comunità virtuali e politica: il caso Barack Obama

Informazioni tesi

  Autore: Ilario Ruffini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Claudia Gina Hassan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

La riflessione parte dal concetto di comunità dei padri fondatori della sociologia e successivamente si sposta sulle variazioni che ha subito nel corso del tempo con l’ascesa del “villaggio globale”.
L’avvento della società in rete con il conseguente abbattimento dei confini territoriali e comunicativi, è stato senza dubbio l’evento più rivoluzionario nell’ambito delle comunità. La rapidità con cui viaggiano messaggi e informazioni, la pervasività della comunicazione many-to-many e la totale libertà espressiva sono soltanto alcuni aspetti della rigenerazione globale che segue a un periodo buio della dimensione societaria e democratica.
La funzione aggregatrice ed unificante dei grandi contenitori sociali del passato è andata incontro alla crisi con il modello della società di massa, incarnato in ambito comunicativo dall’apparecchio televisivo, emblema della nuova fruizione informativa e della nuova partecipazione alla vita sociale e politica.
I partiti hanno così adattato dinamiche e schemi comunicativi alla dimensione di massa, riducendo gli spazi di azione del popolo/spettatore a un rapido e pericoloso zapping, complice silenzioso del bombardamento audiovisivo dei media broadcast.
Il pubblico così concepito è distante, isolato e preda di un individualismo ormai dominante in tutti gli aspetti della vita sociale, dove le occasioni di interazione sono sempre più sporadiche e irrilevanti. Il dato sintomatico di tale disaffezione dalle questioni di pubblico interesse è il continuo calo di affluenza alle urne; in uno dei momenti che più interessa la sfera pubblica dei cittadini si registra paradossalmente più distanza e sfiducia.
La rete può ricostruire soggetti collettivi nella forma di “comunità virtuali”, favorire la libera formazione della personalità e fornire quei nuovi spazi, la cui assenza da tempo aveva ostacolato il formarsi del sentire comune, del senso di appartenenza e unità, lasciando posto al concetto ambiguo di “opinione pubblica”.
Internet è uno straordinario incubatore di forme di partecipazione dal basso, non poteva quindi durare a lungo la resistenza opposta dal sistema politico agli strumenti innovativi del web, superate le reticenze e le prime paure si sono andate consolidando strategie volte a stimolare la partecipazione politica e il dialogo tra utenti su argomenti di interesse comune.
Insieme alla allettante prospettiva di maggiore democrazia e la promessa di un continuo ed efficace flusso comunicativo tra cittadini ed istituzioni, la rete apre la possibilità di nuove modalità di campagna elettorale, in un’era in cui questa diventa permanente.
Gli Stati Uniti sono da sempre il laboratorio di comunicazione politica per eccellenza ed è qui che troviamo le esperienze più radicali. Il percorso storico di questa evoluzione ha visto pionieristici candidati avventurarsi nella fitta trama della “ragnatela” virtuale. Howard Dean nel 2004, grazie al sito MeetUp, è riuscito a costruire una comunità virtuale attiva e impegnata nel sostenere la sua candidatura. Pur avendo perso le elezioni, Dean ha impartito una grande lezione ai successori; le potenzialità aggregative della rete devono essere integrate allo spazio “offline”, dove trovano campo per investire le energie che nel virtuale rimarrebbero inattive.
I riflettori sono ancora oggi puntati sulla star americana che più di tutti ha saputo destreggiarsi tra le insidie dell’establishment politico e attraverso abili espedienti comunicativi e strategie avanguardistiche, è riuscita a conquistare il podio dello studio ovale: Barack Obama. La politica biografica, la retorica sullo stile di Roosevelt e un profondo, sincero interesse verso le problematiche della comunità sono stati gli elementi vincenti, uniti a una strategia comunicativa senza precedenti. La sua campagna ha lasciato emergere a poco a poco un gigantesco mosaico di storie di vita, esperienze e drammi in grado di rigenerare profondamente il senso di empatia e di comunità, in piena sintonia con il sogno americano. Il suo sito web, al pari di un faro luminoso, ha attirato a sé chiunque volesse prendere parte al “progetto”, integrando le modalità di azione online, alle tradizionali forme di partecipazione e attivismo, con il duplice intento di raccogliere fondi e di far percepire la campagna web come qualcosa di vicino e reale, non confinata soltanto nell’angusto (cyber)spazio del PC ma in grado di dare nuova vitalità a quei momenti collettivi che risultano ancora indispensabili per la sopravvivenza della comunità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La comunità, così come era intesa nella tradizione dei padri fondatori della sociologia e nelle società premoderne, ha subito notevoli variazioni nel corso del tempo. Quella che era intesa come una forma di convivenza confidenziale, durevole e genuina, è entrata in crisi, nel corso degli ultimi due secoli, con la successione di fenomeni come l’industrializzazione, l’urbanizzazione e l’ascesa del cosiddetto “villaggio globale”, che hanno continuamente messo alla prova le varie forme di aggregazione, costringendo di volta in volta a riesaminare le reazioni e gli sforzi volti a dare nuova energia e impulso all’agire comunitario. L’avvento della società in rete con il conseguente abbattimento dei confini territoriali e comunicativi, è stato senza dubbio l’evento più rivoluzionario nell’ambito delle comunità. La rapidità con cui viaggiano messaggi e informazioni, la pervasività della comunicazione many-to-many e la totale libertà espressiva sono soltanto alcuni aspetti della rigenerazione globale che segue a un periodo buio della dimensione societaria e democratica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acorn
barack obama
campagne web
chris hughes
community
comunità
comunita virtuali
democratici
durkheim
fundraising
howard dean
howard rheingold
internet
joe raspars
john mccain
meetup
my.barackobama.com
partecipazione
rete
toennis
web

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi