Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Virtù e felicità: due diverse chiavi di lettura per interpretare la new economy

Questo trattato di economia civile mette in luce in che modo possono correlarsi alcune variabili di carattere etico e morale come la “felicità”, con altre di natura prettamente economica come il reddito e la propensione al consumo.
Nella prima parte, attraverso l’ausilio di adeguati modelli matematici e statistici,prenderemo in considerazione uno dei più importanti “paradossi” etici affrontati in economia secondo il quale non è detto che, in un determinato periodo di tempo, se un individuo o una popolazione consegua un miglioramento del proprio stile di vita economico sia per forza di cose portato ad un graduale innalzamento del proprio livello di felicità.
A supporto di questa teoria infatti,nella seconda parte,verranno analizzate alcune interpretazioni di illustri psicologi ed economisti (tra cui Daniel Kanheman premio Nobel per l’economia nel 2002) che renderanno più chiara e logica la spiegazione degli argomenti sopra trattati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 - cap 1 - I PARADOSSI DELLA FELICITÁ 1.1 Le due diverse interpretazioni a confronto Il ritorno della felicità in economia è dovuto sostanzialmente all’emergere di un fatto nuovo. Da sempre anche gli economisti sanno che la ricchezza non fa di per sé la felicità.L’ipotesi spesso implicita,che comunque sottendeva alle analisi degli economisti,era che l’aumento della ricchezza o del benessere economico,anche se di certo non portava ad un “proporzionale” aumento della felicità,di certo,non portasse ad una sua diminuzione.Oggi,infatti,dopo altre due secoli di oblio,confinata in qualche nota a piè di pagina dei manuali di teoria delle idee economiche e sociali,il tema della felicità ha di nuovo fatto la sua comparsa.L’elemento scatenante questa nuova stagione di studi attorno alla felicità in economia è stato il tentativo di cominciare a “misurare” la felicità e di metterla in rapporto alle tradizionali variabili economiche,dapprima il reddito e poi,negli anni successivi,disoccupazione,inflazione e molte altre.Da questo raffronto sono emersi risultati per alcuni versi “paradossali”. L’analisi di questo particolare tema nell’ambito socio-economico,per alcuni studiosi è partito dal prendere in considerazione una particolare equazione che,come tra poco mostreremo,mette in relazione aspetti prettamente economici con altri di carattere etico. Se indichiamo con (F) la felicità,il reddito (inteso come mezzi materiali) con (I),le relazioni con (R) e ignoriamo altri elementi importanti (come la salute) possiamo scrivere:

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Lepri Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 976 click dal 07/06/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.