Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'importanza della comunicazione per un efficace coordinamento del personale

Ho scelto di concludere gli studi universitari con un elaborato finale a seguito di una esperienza lavorativa di tirocinio. Tale tirocinio è stato svolto in una realtà aziendale ed è durato quattro mesi, in questo tempo, ho investito il ruolo di analista della gestione delle risorse umane, il che mi ha dato la possibilità di osservare ed ascoltare con attenzione tutta l'attività lavorativa del personale aziendale.

Seguendo il metodo di Berger e Luckmann, ho considerato questa attività di osservazione e di ascolto un'opportunità per indagare sui problemi di comunicazione fra il personale che venivano evidenziati durante lo svolgimento del loro lavoro. Perciò l'obiettivo che mi pongo con il presente elaborato finale è quello di esporre una possibile soluzione per ridurre i problemi di comunicazione fra il personale, che secondo me, ove fosse possibile attuarla, potrebbe essere adattata ad altre situazioni aziendali di questo genere. Non escludo che “il linguaggio comune di cui dispongo per oggettivare le mie esperienze è fondato sulla vita quotidiana e continua a rinviare ad essa anche quando lo impiego per interpretare esperienze in sfere circoscritte di significato” (Berger e Luckmann, 1966: 47).

La comunicazione è indispensabile nell'impresa e lo è anche nella vita personale di chi opera all'interno della gestione amministrativa e produttiva. Della comunicazione e dell'arte di comunicare bene se ne parla spesso. Quello che manca, per avvalersi della comunicazione, è un modello per la sua consapevole attuazione all'interno delle imprese, che permetta di ottenere dei reali vantaggi prodotti con la sua efficace funzione.

Per far nascere un'impresa, si realizza uno studio di mercato con l'obiettivo di trovare la migliore fonte di investimento, in questo modo si ottiene l'analisi dei costi, dei guadagni e del settore produttivo e/o di servizi. Quando poi è ora di attuare il progetto aziendale creato, il metodo di comunicazione si riduce alla produzione di carte, documenti, disegni. Attualmente si utilizzano anche gli sms, e-mail e pagine web di internet.

Lo scopo della mia analisi è stato quello di valutare l'importanza di provvedere che si instauri, fra tutto il personale, una buona comunicazione per migliorare il rapporto interpersonale e, di conseguenza, rendere l'attività produttiva più efficace. La motivazione per esaminare questa riflessione si può trovare nella frequente insoddisfazione dei datori di lavoro sul rendimento del personale, così come nell'insoddisfazione del personale nello svolgimento delle proprie mansioni lavorative. Insoddisfazioni che spesso emergono da una costante incomprensione delle reciproche consegne come effetto della scarsa comunicazione.
Queste cause di insoddisfazione sul lavoro, devono essere eliminate, per conseguire la soddisfazione personale delle risorse umane delle imprese e per migliorare la qualità del servizio erogato con un vantaggio economico ed un efficace utilizzo delle risorse.

Molte imprese sono gestite dalla famiglia dove per consuetudine lavorano i parenti.
Questo dato, genera ancora più complessità nell'ambiente lavorativo, perché le relazioni interpersonali dei famigliari con il personale sono dissimili per i privilegi che i parenti possono vantare rispetto alle persone assunte dall'esterno (limitazioni del processo amministrativo che elenca nel suo libro Thompson “L'azione organizzativa”, 1967: 278). Tale circostanza difforme nei rapporti interni con il personale, si verifica anche quando un'impresa cresce mano a mano che si rende evidente la necessità di assumere qualcuno per dare sostegno alla gestione amministrativa, produttiva o di servizi.

Si può pertanto evincere che se non si investe nella gestione delle risorse umane, e si dà una risposta frettolosa e/o poco ponderata alle necessità di autentica gestione, non sempre si riesce a garantire un risultato proficuo e stabile nel tempo.

Mostra/Nascondi contenuto.
I. INTRODUZIONE Ho scelto di concludere gli studi universitari con un elaborato finale a seguito di una esperienza lavorativa di tirocinio. Tale tirocinio è stato svolto in una realtà aziendale ed è durato quattro mesi, in questo tempo, ho investito il ruolo di analista della gestione delle risorse umane, il che mi ha dato la possibilità di osservare ed ascoltare con attenzione tutta l'attività lavorativa del personale aziendale. Seguendo il metodo di Berger e Luckmann, ho considerato questa attività di osservazione e di ascolto un'opportunità per indagare sui problemi di comunicazione fra il personale che venivano evidenziati durante lo svolgimento del loro lavoro. Perciò l'obiettivo che mi pongo con il presente elaborato finale è quello di esporre una possibile soluzione per ridurre i problemi di comunicazione fra il personale, che secondo me, ove fosse possibile attuarla, potrebbe essere adattata ad altre situazioni aziendali di questo genere. Non escludo che “il linguaggio comune di cui dispongo per oggettivare le mie esperienze è fondato sulla vita quotidiana e continua a rinviare ad essa anche quando lo impiego per interpretare esperienze in sfere circoscritte di significato” (Berger e Luckmann, 1966: 47). I problemi di comunicazione fra il personale erano presenti con una frequenza che, a mio avviso, segnalava la necessità di cercare una soluzione adeguata, soprattutto perché la relazione diretta con il personale ha avuto modo di passare attraverso il meccanismo che Berger e Luckmann spiegano sul loro libro riguardo alle tipizzazioni: “La realtà della vita comune contiene schemi di tipizzazione nei cui termini gli altri vengono percepiti e trattati negli incontri diretti... La nostra relazione diretta sarà modellata da queste tipizzazione fino a che esse non sono rese problematiche da una interferenza da parte dell'altro, con tale interferenza il mio schema di tipizzazione dovrà essere modificato. L'interazione sarà diversamente programmata conformemente a questa modificazione. Finché non sono messe in dubbio, tuttavia, le tipizzazioni guideranno e determineranno fino a nuovo avviso le mie azioni nella situazione. Gli schemi di tipizzazione che intervengono negli incontri diretti sono naturalmente 5

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Dolores Del Carmen Monreal Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3073 click dal 08/06/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.