Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il canone del romanzo ispanoamericano della dittatura nella narrativa di altre aree culturali

Il tratto saliente del romanzo ispanoamericano della dittatura è la presenza simultanea di due elementi: uno sostanziale, consistente nella trattazione della tematica del potere assoluto, ed uno formale, vale a dire il ricorso agli stilemi del realismo magico.
Dopo avere osservato come la sua progressiva penetrazione in contesti culturali diversi da quello originario abbia identificato il canone ispanoamericano come alternativo a quello occidentale, si rifletterà sullo stato attuale, e sulle prospettive future, del suo percorso, ricorrendo anche ad alcune definizioni di canone prospettate dalla critica letteraria.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo 1 Il canone. A) Le origini. Quello per la realtà sociale e politica si presenta come uno dei principali interessi della letteratura ispanoamericana probabilmente già dai tempi della Conquista, come testimoniano le opere di autori come Bartolomé de las Casas o Garcilaso de la Vega. Nel secolo XIX l’indipendenza ottenuta dalle ex colonie spagnole, non portò alla nascita di quelle nazioni liberal - democratiche teorizzate ed auspicate dai libertadores, ma alla formazione di regimi sostanzialmente oligarchici che spesso sfociarono apertamente in dittature, come nel caso di quella del dottor Francia in Paraguay o di Manuel de Rosas in Argentina. Divenne, quindi, sempre più frequente la comparsa di tiranni che, tramite l’uso della forza e di determinati meccanismi ideologici, mantennero sotto stretto controllo, in un ambiente corrotto e violento, uomini e coscienze. La storia dell’America latina si identifica, per oltre un secolo e mezzo, con la storia di dittature che si succedono e di governi democratici abbattuti da colpi di stato militari appoggiati dalle classi privilegiate nazionali e dagli interessi politico-economici (e spesso da governi) stranieri. Successivamente si sviluppa quella che si potrebbe definire una linea parallela della dittatura: quella dei lider rivoluzionari che, ottenuta la cacciata del tiranno, ed assunto il potere in nome del popolo, si ritrovano in seguito a ripetere gran parte degli errori e degli orrori dei deposti regimi. Quello del mal governo e della dittatura diviene, quindi, uno dei temi centrali delle nascenti letterature nazionali ispanoamericane; si potrebbe

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Andrea Tremaroli Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2495 click dal 18/06/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.