Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La fiaba nei mondi digitali di Jordan Mechner e Fumito Ueda

La fiaba è sempre stata soggetta a varie interpretazioni linguistiche e mediatiche ed è stata ogni volta reinterpretata ad ogni evoluzione della tecnica. Questa tesi propone un percorso dalle origini della fiaba fino al suo approdo nel mondo dei videogiochi, esaminando in particolare due figure importanti nel settore: Jordan Mechner (autore di Prince of Persia e The Last Express) e Fumito Ueda (autore di ICO e Shadow of the Colossus). Il percorso attraversa anche l'evoluzione del racconto verso una narrativa aperta e di come si evolve la figura del fruitore di un racconto.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Le fiabe sono elementi fondanti dell’umanit in quanto rispecchiano l’essere umano in tutte le sue varianti. Si riconoscono infatti fiabe che hanno struttura ed elementi narrativi simili, provenienti da aree geografiche totalmente diverse, anche da popoli che non sono mai venuti a contatto tra loro. Le fiabe sono racconti nati con l’uomo, convivono e mutano con esso nel suo evolversi, in quanto ogni epoca dell’umanit Ł distinta dalle riforme tecnologiche, che ridisegnano ogni volta l’aspetto socio-culturale dell’uomo. Epoche nuove, spazi e narratori nuovi producono adattamenti e mutamenti sempre nuovi. Un racconto mantiene nel corso del tempo una notevole stabilit , un altro cambia tanto da rendere impossibile collegare il punto di partenza e quello di arrivo, in assenza di stadi intermedi che mostrino qualcosa della sua evoluzione 1. Ogni opera letteraria Ł lo specchio della propria epoca: ne riporta e documenta la vita e le usanze cos come le paure ed i conflitti, diventando talvolta testo di valore storico- artistico cos come pu diventare un testo di denuncia. Ma le fiabe esulano da questa prerogativa in quanto specchio di un uomo premoderno, non prendono ispirazione dalle condizioni sociali in cui vivono i narratori, ma si basano sulle pure emozioni dell’uomo e su basi sociali semplici (dominio, matrimonio, ecc.) di cui non esiste un reale confine tra l’essere naturali o artificiali. L’ipotesi della poligenesi della fiaba Ł una teoria che ha affascinato la psicologia d’inizio novecento. Nella somiglianza dei racconti di popoli diversi, che non hanno mai ricevuto influenze gli uni dagli altri, hanno individuato la medesima struttura psicologica ed Ł per questo che le fiabe sono considerate sedimento di esperienze e problemi umani secolari, acquisendo una forma in cui adulti e bambini possono riconoscersi senza difficolt . Si trattano dei problemi che accompagnano il passaggio dall’infanzia all’et adulta, come la tensione tra dipendenza e autonomia ed infatti le fiabe sono storie basate sull’incompiutezza di un personaggio o, se questo ha un ruolo sociale gi compiuto, sulla 1 Ton Dekker, Jurien van der Kooi, Theo Meder, Dizionario delle fiabe e delle favole origini, sviluppo, variazioni, Bruno Mondadori, Nijmegen 1997, p. XIV

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Luigi D'elia Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1473 click dal 29/06/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.