Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La retrodatabilità delle fusioni contabilizzate secondo i principi contabili internazionali

L’adozione dei principi contabili internazionali nell’ordinamento interno introduce profondi elementi di novità. I principi internazionali sono caratterizzati da una marcata attenzione alla sostanza economica degli accadimenti oggetto di rappresentazione, piuttosto che alla forma giuridico-formale attraverso la quale questi ultimi trovano attuazione. Tale orientamento assume particolare rilievo nella rappresentazione delle operazioni di gestione straordinaria; infatti i principi contabili internazionali non prevedono una disciplina contabile diversa per ogni singola fattispecie di aggregazione, ma un solo principio contabile, l’IFRS 3, al quale vengono ricondotte fusioni, scissioni, cessione d’azienda, conferimento, acquisto di partecipazioni.
Se da un punto di vista applicativo le regole contabili internazionali possono aiutare i redattori del bilancio nell’individuazione delle soluzioni tecnico-contabili da applicare, da un altro lato si deve fare i conti con la coerenza delle stesse con i dettami del Codice Civile.
La facoltà di retrodatazione degli effetti contabili, reddituali e fiscali, disciplinata dalle norme codicistiche e molto utilizzata nella contabilizzazione delle fusioni secondo i principi contabili nazionali, pone alcune problematiche di compatibilità con l’IFRS 3.
In questo lavoro, dopo una necessaria esamina della normativa sulla procedura di fusione, si analizza l’istituto della retrodatazione secondo i principi nazionali; in seguito, non prima di aver approfondito le modalità di contabilizzazione previste dall’IFRS 3 in un’analisi comparativa tra la nuova e recentissima disciplina e quella in vigore prima del 1° luglio 2009, si discute sulla possibilità o meno di fare ricorso alla retrodatazione nelle fusioni contabilizzate secondo i principi contabili internazionali, argomento su cui la dottrina si interroga, ma ancora non molto dibattuto.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione L‘adozione dei principi contabili internazionali nell‘ordinamento interno introduce profondi elementi di novità. I principi internazionali sono caratterizzati da una marcata attenzione alla sostanza economica degli accadimenti oggetto di rappresentazione, piuttosto che alla forma giuridico-formale attraverso la quale questi ultimi trovano attuazione. Tale orientamento assume particolare rilievo nella rappresentazione delle operazioni di gestione straordinaria; infatti i principi contabili internazionali non prevedono una disciplina contabile diversa per ogni singola fattispecie di aggregazione, ma un solo principio contabile, l‘IFRS 3, al quale vengono ricondotte fusioni, scissioni, cessione d‘azienda, conferimento, acquisto di partecipazioni. Se da un punto di vista applicativo le regole contabili internazionali possono aiutare i redattori del bilancio nell‘individuazione delle soluzioni tecnico-contabili da applicare, da un altro lato si deve fare i conti con la coerenza delle stesse con i dettami del Codice Civile. La facoltà di retrodatazione degli effetti contabili, reddituali e fiscali, disciplinata dalle norme codicistiche e molto utilizzata nella contabilizzazione delle fusioni secondo i principi contabili nazionali, pone alcune problematiche di compatibilità con l‘IFRS 3. In questo lavoro, dopo una necessaria esamina della normativa sulla procedura di fusione, si analizza l‘istituto della retrodatazione secondo i principi nazionali; in seguito, non prima di aver approfondito le modalità di contabilizzazione previste dall‘IFRS 3 in un‘analisi comparativa tra la nuova e recentissima disciplina e quella in vigore prima del 1° luglio 2009, si discute sulla possibilità o meno di fare ricorso alla retrodatazione nelle fusioni contabilizzate secondo i principi contabili internazionali, argomento su cui la dottrina si interroga, ma ancora non molto dibattuto.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Pagliarin Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1143 click dal 02/07/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.