Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal mercato al centro commerciale. Una riflessione sui luoghi-nonluoghi della modernità

Questa tesi è incentrata sull'analisi dei centri commerciali, dalle sue origini fino alle attuali caratteristiche, con una particolare attenzione rivolta soprattutto alle conseguenze sociali ed economiche da essi prodotte.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Questa tesi di laurea si occupa di quella forma di distribuzione, relativamente nuova per l‟Italia, che è il centro commerciale, simbolo di una profonda trasformazione economica, sociale e culturale. Il centro commerciale oggi appare come uno spazio ibrido in una duplice accezione. In primo luogo è uno spazio che si trova a metà strada tra pubblico e privato. In secondo luogo non rappresenta un semplice spazio di mercato: oltre ad assolvere funzioni di carattere economico-transattive, il centro commerciale è anche luogo d‟incontro e d‟evasione, luogo dove consumare il proprio tempo libero e dove poter esperire nuove forme di socialità. Il centro commerciale, come nuova formula distributiva, si è affermato in Italia solo recentemente. In effetti, fino agli anni Settanta, in Italia non esisteva alcun centro commerciale, mentre a fine anni Ottanta se ne potevano contare già oltre cento. I primi shopping malls nascono nel nord Italia e in particolare in Lombardia, per poi diffondersi velocemente anche nelle altre regioni del paese, provocando notevoli trasformazioni socio-economiche dei comprensori su cui sono sorti. Alla base del successo del centri commerciali ci sono molteplici fattori, ma è soprattutto il loro carattere ludico e spettacolare che li rende uno dei principali poli d‟attrazione della modernità. La crescente popolarità dei centri commerciali, inoltre, può essere meglio compresa se messa in relazione alla contemporanea crisi delle città.. Il traffico congestiona le strade, gli episodi di violenza sono all‟ordine del giorno, la microcriminalità in alcuni grandi centri urbani è sempre più diffusa, le piazze, sempre più insicure e pericolose, si svuotano. Tutto ciò, spinge numerose persone a trascorrere una parte sempre più consistente del loro tempo libero nei malls sorti, soprattutto, nei pressi delle periferie di varie città italiane: nuovi luoghi del consumo che, intrisi di elementi ludici ed edonistici, calano il consumatore all‟interno di un‟esperienza totale e strabiliante.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Mariano Vacca Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5564 click dal 05/07/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.