Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione e realizzazione di un sistema per la gestione delle risorse con tecnologia J2EE

Tesi realizzata sulla base di uno stage aziendale dove si è progettato e sviluppato un sistema per la gestione del personale utilizzando la tecnologia J2EE, in particolare i framework struts2 e Spring con l'utilizzo del database Oracle 10g.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE Applicazione web, ovvero Web Application, è l’espressione che in generale viene impiegata per indicare tutte le applicazioni distribuite web-based. Più precisamente viene impiegata in ambito del software engineering, dove con il termine web-app si descrive un’applicazione accessibile via web per mezzo di un network, come ad esempio una intranet o la rete Internet. Questo modello applicativo è divenuto piuttosto popolare alla fine degli anni novanta, in considerazione della possibilità per un client generico di accedere a funzioni applicative, utilizzando come terminale normali web browser. Infatti l’opportunità di aggiornare ed evolvere a costo ridotto il proprio applicativo, senza essere costretti a distribuire numerosi aggiornamenti ai propri clienti attraverso supporti fisici, ha reso la soluzione piuttosto popolare per molti produttori software. I client finalizzati unicamente alla funzione di collegarsi ai terminali di web application, vengono chiamati thin client. Quando le prime applicazioni client-server cominciarono ad essere rilasciate nel panorama informatico, da metà circa degli anni ottanta, questi sistemi richiedevano che per ognuno di essi fosse installata la parte client direttamente sulla workstation di ciascun utente. In breve qualunque aggiornamento, patch o modifica dell’applicativo lato server si trasformava nella esigenza di installare le versioni aggiornate su tutte le workstation degli utenti dell’applicativo stesso. Questo tipo di problematiche inducevano ovviamente, in modo diretto, un onere economico non indifferente per il produttore del software, e di conseguenza un costo periodico di adeguamento per tutti gli utenti di questo tipo di applicazione informatica. Di contro, le web application generano il loro output in modo dinamico pilotando un front- end composto da documenti web, destinati quindi ad un semplice web browser. Le prime web-app consistevano infatti nella generazione di pagine standard HTML / XHTML; successivamente, con l’evolversi delle tecnologie associate e soprattutto con la nascita di nuovi standard, si cominciarono a distribuire attraverso di esse documenti in formati ancora più “neutri”, come l’XML. In breve ogni singola pagina web viene inviata al client come se fosse un documento statico, ma la sequenza delle pagine può fornire un’esperienza interattiva, poiché l’input dell’utente è restituito attraverso gli elementi interni della pagina stessa. Durante la sessione il web browser interpreta e visualizza le pagine e dunque diventa il client universale per tutte le web application, indipendentemente dal produttore del software. Più di recente attraverso le web-app vengono spesso passati flussi di dati in formati SGML (Standard Generalized Markup Language, che è uno standard per la descrizione logica dei documenti), generici o custom, direttamente ad altre applicazioni che, in virtù dell’uso di questo tipo di output, sono sempre accessibili attraverso un comune web browser. La parte dinamica lato client di questi sistemi informatici è sempre affidata a linguaggi standard, come ad esempio JavaScript, che sono inclusi in tutti i browser. Il crescente successo conseguito da librerie esperte, ormai veri e propri framework come AJAX, oppure plug-in, come Flash Player, consente oggi di arricchire le interfacce utente in modo completo ed efficiente. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Sebastiano Giaimo Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1346 click dal 26/08/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.