Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi econometrica dei differenziali salariali per genere in Italia

Questa tesi di laurea tenta di evidenziare e spiegare l’andamento del differenziale salariale di genere presente nel mercato del lavoro italiano tra il 1977 ed il 2000.
La scelta di compiere tale studio nasce dalla consapevolezza della graduale mutazione del mercato del lavoro italiano anche dovuto alla crescita costante della partecipazione femminile, e quindi alla composizione dell’offerta di lavoro, soprattutto negli ultimi anni.
Alla base di questa ricerca empirica vi sono studi econometrici sviluppatisi negli Stati Uniti e nell’Europa del nord. E’ proprio in tali paesi, quali per esempio la Svezia, la Finlandia e la Gran Bretagna, che si è rivolta maggiore attenzione allo studio dell’offerta di lavoro e quest’interesse ha posto le basi per la nascita e lo sviluppo di politiche economiche e sociali capaci di rispondere alle esigenze dei lavoratori.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 7 Introduzione Negli ultimi anni vi sono stati radicali cambiamenti nel mercato del lavoro dovuti sostanzialmente alla crescita nella partecipazione femminile. Si può infatti constatare direttamente dai dati che la forza lavoro maschile è rimasta stabile, mentre si è verificata una “evoluzione” di quella femminile1. Dall’evenienza della costante presenza della donna nel mondo del lavoro nascono ricerche ed attenzioni concentrate sull’empowerment, in altre parole sul sostegno diretto alla promozione delle donne. Questa politica, che ha lo scopo di evidenziare e denunciare là dov’è presente la discriminazione di genere, ha trovato appoggio nella Conferenza Mondiale delle Nazioni Unite sulle donne avvenuta a Pechino nel 1995. Le innovazioni conseguenti alla conferenza di Pechino sono state molto incisive. Alcuni di queste hanno riguardato: ξ La presenza delle donne al governo. Nel 1996 il governo Prodi nomina Anna Finocchiaro ministra per le Pari Opportunità. ξ Riforme costituzionali. In Italia nel 1997 la Commissione nazionale per la parità e le pari opportunità hanno consegnato alla Commissione parlamentare bicamerale per la riforma della Costituzione delle proposte di 1 In merito a quanto avvenuto dal 1977 al 2000 si veda la figura 4.2. a pag. 53.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Rambelli Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1033 click dal 27/07/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.