Skip to content

Il bilancio consolidato del gruppo Intesa Sanpaolo

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Gallo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Eleonora Cardillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

Il fenomeno delle aggregazioni aziendali è una realtà in continua crescita nell’economia moderna, nonché l’oggetto di analisi di molti studiosi dell’economia; ciò in quanto, in un sistema economico e sociale sempre più complesso, guidato da variabili sempre più imprevedibili, le aggregazioni sembrano essere una consona risposta proprio alla complessità dell’ambiente e della gestione aziendale.
Nella tendenza che porta le imprese ad aggregarsi assume un’importanza rilevante una particolare categoria di aggregazioni definita gruppi di imprese.
Le motivazioni che spingono le imprese verso la struttura di gruppo sono molteplici, anche se il processo di crescita della dimensione aziendale, spesso legato a scelte di diversificazione, mi sembra la preminente.
Le motivazioni di fondo, tuttavia, possono essere ricollegate alla necessità di creare una struttura forte, ma allo stesso tempo flessibile, che sia in grado non solo di seguire, ma anche di dominare l’accresciuto dinamismo delle variabili aziendali ed ambientali.
Una struttura flessibile, infatti, è capace di fronteggiare prontamente le forze negative, di difendersi, cioè dalle minacce, ma è anche capace di attrarre le forze positive, cioè di cogliere le opportunità, oltre a sapersi adattare ai cambiamenti dei rapporti con il mercato e con l’ambiente.
Il contesto delle motivazioni che spingono le aziende a formare dei gruppi ha stimolato la mia curiosità e mi ha portata alla creazione di questo lavoro incentrato sul bilancio consolidato, bilancio che è proprio l’espressione di come il gruppo crea una struttura e la gestisce al fine di evitare le minacce e captare le opportunità dell’ambiente nel quale è inserita ed opera.
Una struttura di gruppo, infatti, determina un sistema complesso di risorse e di relazioni, che può essere analizzato sotto diversi aspetti sebbene la conoscenza di base è fornita proprio dal bilancio consolidato e riguarda aspetti sia economici, che finanziari, che patrimoniali.
Nel mio lavoro ho, poi, cercato di dimostrare le teorie analizzate da contabili ed economisti, prendendo come esempio pratico il gruppo INTESA SANPAOLO e studiando il suo bilancio.
Come molti economisti, infatti, sono dell’avviso che il bilancio consolidato non assolva solo ad obblighi civilistici e legali, ma sia un valido elemento di analisi gestionale, nonché un valido aiuto per capire la missione del gruppo come entità.
Il bilancio consolidato, infatti, deriva dall’aggregazione secondo particolari metodi e principi, dei bilanci delle unità giuridicamente autonome che fanno parte del gruppo.
Mi sembra, tuttavia, importante sottolineare che tale bilancio non è una semplice sommatoria di valori, come potrebbe apparire all’occhio del “lettore meno attento”, anche perché, se così fosse, perderebbe tutta la sua valenza come strumento di analisi e di gestione della struttura.
I due elementi di criticità che mi sento di dover citare sono relativi ai necessari processi di stima delle poste da inserire nei bilanci delle singole aziende componenti il gruppo, ai quali si sovrappongono quelli più generali legati ai processi di consolidamento ed armonizzazione dei valori complessivi di gruppo.
Dal grado di omogeneità dei valori inseriti nel bilancio consolidato, infatti, dipende il grado, maggiore o minore, di significatività del bilancio stesso.
Tutte queste considerazioni sono valide anche per il bilancio consolidato del gruppo Intesa SanPaolo, anzi, sono ancora più importanti per un gruppo abbastanza complesso, costituito da diverse banche, finanziarie, società di gestione del risparmio e di intermediazione mobiliare, servizi collaterali e funzionali all’attività bancaria e servizi riscossione tributi ed arricchito da altre aziende controllate e collegate non facenti parte del gruppo bancario e da altre partecipazioni.
Spero, tuttavia, che, nonostante l’ampiezza del tema da me affrontato, la mia disamina sia completa, ma anche pregnante ed incisiva, tesa ad evidenziare gli aspetti più controversi della materia, soprattutto in relazione al caso da me trattato del gruppo INTESA SAN PAOLO.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO I GRUPPI AZIENDALI 1.1 INTRODUZIONE I gruppi aziendali rappresentano una delle forme più intense di concentrazione aziendale. L’espressione “concentrazione aziendale”, può essere intesa in senso stretto o in senso lato. 1 Si ha concentrazione in senso stretto, quando due o più imprese si combinano tra loro in modo da costituire un’unica entità economica, gestita unitariamente. Nella data combinazione, le società titolari delle stesse imprese possono perdere la propria autonomia giuridica - come nelle fusioni per le società incorporate o fuse – ma possono anche mantenerla – come nei gruppi, negli scorpori e nelle cessioni aziendali. In senso lato, invece, si ha concentrazione aziendale quando più imprese stipulano – di solito mediante contratti – accordi diretti ad uniformare taluni aspetti della loro gestione. Si può trattare dell’aspetto commerciale, di quello tecnico-produttivo o, di quello 2 organizzativo. A titolo meramente esemplificativo, ricordiamo i consorzi, le associazioni in partecipazione ed i franchising. 1.2 DELIMITAZIONE DEL CONCETTO DI GRUPPO. I GRUPPI ECONOMICI ED I GRUPPI FINANZIARI. Abbiamo già accennato (par. 1.1) alla varietà delle forme e delle denominazioni con cui si presenta nella realtà aziendale il fenomeno delle aggregazioni di imprese. Si impone, ora, la scelta di un criterio che separi, innanzitutto, le aggregazioni aziendali diverse dal gruppo da quelle che, invece costituiscono un gruppo; operata tale generale distinzione, si andrà alla ricerca degli elementi che caratterizzano il gruppo nella realtà aziendale. 1 La nozione di concentrazione in senso stretto coincide con quella contenuta nella legge 10 ottobre 1990, n.287 (Norme per la tutela della concorrenza e del mercato). 2 Più ampiamente, sul concetto di concentrazione aziendale, in L. Azzini, I gruppi. Lineamenti economico- aziendali, Giuffrè, Milano, 1968. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi